DECRETO-LEGGE 29 dicembre 2022, n. 198

Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi. (22G00212)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/12/2022
Testo in vigore dal: 30-12-2022
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' e urgenza di  provvedere  alla
proroga e alla definizione di termini di prossima scadenza al fine di
garantire  la  continuita'  dell'azione  amministrativa,  nonche'  di
adottare  misure  organizzative   essenziali   per   l'efficienza   e
l'efficacia dell'azione delle pubbliche amministrazioni; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri,  adottata  nella
riunione del 21 dicembre 2022; 
  Sulla proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri,  di
concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze; 
 
                                Emana 
 
                     il seguente decreto-legge: 
 
                               Art. 1 
 
     Proroga di termini in materia di pubbliche amministrazioni 
 
  1. All'articolo 1, comma 5, del decreto-legge 30 dicembre 2013,  n.
150, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2014,  n.
15, le parole: «31 dicembre 2022» sono sostituite dalle seguenti: «31
dicembre 2023». 
  2. All'articolo 1 del  decreto-legge  31  dicembre  2014,  n.  192,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2015,  n.  11,
sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al  comma  2,  le  parole:  «e  2020»  sono  sostituite  dalle
seguenti: «, 2020 e 2021» e le parole: «31  dicembre  2022»,  ovunque
ricorrono, sono sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2023»; 
    b) al comma 4, le parole: «31 dicembre 2022», ovunque  ricorrono,
sono sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2023». 
  3. All'articolo 1, comma 1148, lettera e), della legge 27  dicembre
2017, n. 205, le parole: «31 dicembre  2022»  sono  sostituite  dalle
seguenti: «31 dicembre 2023». 
  4. All'articolo 1 della  legge  30  dicembre  2018,  n.  145,  sono
apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al comma 303, le parole: «per il quadriennio  2019-2022»  sono
sostituite dalle seguenti: «per il quinquennio 2019-2023»; 
    b) al comma 313, le parole:  «fino  al  31  dicembre  2022»  sono
sostituite dalle seguenti: «fino al 31 dicembre 2023»; 
    c) al comma 349, dopo le parole:  «a  tempo  indeterminato»  sono
inserite le seguenti: «, entro il 31 dicembre 2023,». 
  5. All'articolo 36, comma 1, del decreto  legislativo  20  febbraio
2019, n. 15, in materia di facolta' assunzionali del Ministero  delle
imprese e del made in Italy, le parole: «nel  quadriennio  2019-2022»
sono sostituite dalle seguenti: «nel quinquennio 2019-2023». 
  6. All'articolo 1  della  legge  27  dicembre  2019,  n.  160  sono
apportate le seguenti modificazioni: 
    a) comma 162, le parole: «31 dicembre 2022» sono sostituite dalle
seguenti: «31 dicembre 2023»; 
    b) al comma 495, le parole: «30 settembre 2022»  sono  sostituite
dalle seguenti: «30 giugno 2023». 
  7. All'articolo 3, comma 3-ter, del decreto-legge 9  gennaio  2020,
n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 marzo 2020, n. 12,
le  parole:  «entro  il  31  dicembre  2022»  sono  sostituite  dalle
seguenti: «entro il 31 dicembre 2023». 
  8. All'articolo 259  del  decreto-legge  19  maggio  2020,  n.  34,
convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77,  il
comma 7 e' sostituito dal seguente: 
    «7. Le assunzioni di personale delle Forze di polizia e del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco previste, per gli anni  2020,  2021  e
2022, dall'articolo 66, comma  9-bis,  del  decreto-legge  25  giugno
2008, n. 112, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  6  agosto
2008, n. 133, in relazione alle cessazioni dal servizio  verificatesi
negli anni 2019, 2020 e 2021, dall'articolo 1, comma 287, lettere c),
d) ed e), della legge 27 dicembre  2017,  n.  205,  dall'articolo  1,
comma 381, lettere b), c) e d), della legge 30 dicembre 2018, n. 145,
dall'articolo 19, commi 1, lettere a) e b), e 3, del decreto-legge 30
dicembre 2019, n. 162, convertito, con modificazioni, dalla legge  28
febbraio 2020, n. 8, dall'articolo 1, comma 984,  lettere  a)  e  b),
della legge 30 dicembre 2020, n. 178, dagli  articoli  13,  comma  5,
16-septies, comma 2, lettera c), del decreto-legge 21  ottobre  2021,
n. 146, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre  2021,
n. 215, e dall'articolo 1, commi  da  961-bis  a  961-septies,  della
legge 30 dicembre 2021, n. 234, possono essere effettuate entro il 31
dicembre 2023.». 
  9. Il termine per l'assunzione di duecentonovantaquattro unita'  di
personale con profilo tecnico non dirigenziale, appartenenti all'area
III, posizione economica F1, e all'area II, posizione  economica  F2,
previste all'articolo 1, comma 305, della legge 30 dicembre 2018,  n.
145,  relativo  al  triennio  2019-2021  e'  differito  al   triennio
2022-2024. 
  10. All'articolo 1, comma 917, della legge  30  dicembre  2020,  n.
178,  le  parole:  «2021-2023»  sono   sostituite   dalle   seguenti:
«2022-2024». 
  11. All'articolo 11, comma 1, del decreto-legge 14 agosto 2020,  n.
104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre  2020,  n.
126,  le  parole:  «2020-2022»  sono   sostituite   dalle   seguenti:
«2022-2024». 
  12. All'articolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 9  giugno  2021,
n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto  2021,  n.
113, in  materia  di  reclutamento  di  personale  per  il  Ministero
dell'economia e delle finanze, le  parole:  «per  l'anno  2022»  sono
sostituite dalle seguenti: «per gli anni 2022 e 2023». 
  13. All'articolo 9, comma 10, del decreto-legge 6 novembre 2021, n.
152, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 dicembre 2021,  n.
233, le parole: «per il  biennio  2021-2022»  sono  sostituite  dalle
seguenti: «per il triennio 2021-2023» e le parole: «per gli anni 2021
e 2022» sono sostituite dalle seguenti: «per gli anni 2022 e 2023». 
  14. All'articolo 1, comma 11, lettere  a)  e  b),  della  legge  31
agosto 2022, n. 130, le parole: «per  l'anno  2022»  sono  sostituite
dalle seguenti: «per l'anno 2023». 
  15. Le procedure  concorsuali  gia'  autorizzate  per  il  triennio
2018-2020, per il triennio 2019/2021  e  per  il  triennio  2020/2022
rispettivamente ai sensi dell'articolo 5 del decreto  del  Presidente
del Consiglio dei ministri 24 aprile 2018, pubblicato nella  Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 134 del 12 giugno 2018,  e  ai
sensi dell'articolo 13 del decreto del Presidente del  Consiglio  dei
ministri 20 agosto 2019, pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica italiana n. 234  del  5  ottobre  2019  nonche'  ai  sensi
dell'articolo 4 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri
29 marzo 2022 pubblicato nella Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana n. 93 del 21 aprile 2022, possono essere espletate  sino  al
31 dicembre 2023. 
  16. Le assunzioni delle unita' di personale  gia'  autorizzate  per
l'anno 2022 ai sensi dell'articolo  1,  comma  873,  della  legge  30
dicembre 2020, n. 178,  possono  essere  effettuate  anche  nell'anno
2023. 
  17. Le  procedure  concorsuali  gia'  autorizzate  ai  sensi  degli
articoli 6 e 7 del decreto del Presidente del Consiglio dei  ministri
20 agosto 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della  Repubblica
italiana n. 234 del 5 ottobre 2019, possono essere espletate sino  al
31 dicembre 2023. 
  18. All'articolo 24, comma 3, primo periodo, del  decreto-legge  14
agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  13
ottobre 2020, n. 126, le parole: «31 dicembre 2022»  sono  sostituite
dalle seguenti: «31 dicembre 2023». 
  19. Al fine di garantire la continuita' nella presa in  carico  dei
beneficiari delle misure attuate dal servizio  sociale  professionale
comunale, e di attuare le finalita' di cui all'articolo 1, comma 200,
della legge 27 dicembre 2017, n. 205, per il personale con profilo di
assistente sociale il  termine  di  cui  all'articolo  20,  comma  1,
lettera c), del  decreto  legislativo  25  maggio  2017,  n.  75,  e'
prorogato al 31 dicembre 2023. 
  20. All'articolo 13-ter, comma  1,  del  decreto-legge  27  gennaio
2022, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2022,
n, 25, le parole: «Fino al 31 dicembre 2022»  sono  sostituite  dalle
seguenti: «Fino al 31 dicembre 2023». 
  21. All'articolo 16, comma 1, del decreto-legge 30 aprile 2022,  n.
36, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 giugno 2022, n. 79,
le parole: «per l'anno 2022» sono sostituite dalle seguenti: «per  il
biennio 2022-2023». 
  22. All'articolo  11,  comma  1-bis,  del  decreto  legislativo  1°
dicembre 2009, n. 178, le parole: «31 dicembre 2022» sono  sostituite
dalle seguenti: «31 marzo 2023».