REGIO DECRETO 18 novembre 1923, n. 2440

Nuove disposizioni sull'amministrazione del patrimonio e sulla contabilita' generale dello Stato. (023U2440)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 23/11/1923 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/04/2020)
Testo in vigore dal: 10-12-1994
aggiornamenti all'articolo
 
                               Art. 9. 
 
 
  Qualora, nella esecuzione chi  un  contratto,  pel  quale  non  sia
intervenuto il parere del consiglio di Stato, sorga la necessita'  di
arrecarvi mutamenti che ne  facciano  crescere  l'ammontare  oltre  i
limiti indicati negli articoli 5, 6 e 7, prima  che  si  provveda  al
pagamento finale, dovranno gli atti relativi comunicarsi al consiglio
di Stato per il parere. 
 
                                                   (15) ((46)) ((47)) 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (15) 
  Il D.Lgs. Luogotenenziale 26 marzo 1946, n. 172  ha  disposto  (con
l'art. 1, comma 1) che "Fino al 30 giugno  1947  sono  decuplicati  i
limiti di spesa stabiliti dagli articoli 5, 6, 8, 9,14, 15, 19, 43  e
56 del R. decreto 18 novembre 1923, n. 2440, dagli articoli 39,  115,
284 e 299, del R. decreto 23 maggio 1924, n. 827, e dall'art. 18  del
R. decreto 12 luglio 1934, n. 1214". 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (46) 
  Il D.P.R. 20 aprile 1994, n. 367 ha disposto (con l'art. 20,  comma
4) che "Ai fini della richiesta di parere al Consiglio di  Stato,  ai
sensi dell'articolo 16, comma 1, lettera i), del decreto  legislativo
3 febbraio 1993, n. 29, i limiti originari di  somma  indicati  negli
articoli 5, 6, 8 e 9 del regio decreto 18  novembre  1923,  n.  2440,
sono elevati di 2000 volte". 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (47) 
  Il D.L. 28 agosto 1995, n. 359, convertito con modificazioni  dalla
L. 27 ottobre 1995, n. 436, nel modificare l'art.  24,  comma  1  del
D.P.R. 20 aprile 1994, n.  367,  ha  conseguentemente  disposto  (con
l'art. 2, comma 2) la proroga al  1  novembre  1995  dell'entrata  in
vigore della presente modifica.