REGIO DECRETO 18 novembre 1923, n. 2440

Nuove disposizioni sull'amministrazione del patrimonio e sulla contabilita' generale dello Stato. (023U2440)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 23/11/1923 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/06/2022)
Testo in vigore dal: 9-9-1973
aggiornamenti all'articolo
 
                              Art. 15. 
 
 
  Deve essere sentito il consiglio di Stato, qualunque sia  l'oggetto
e  il  valore  del  contratto,  nei  casi  nei  quali  si  tratti  di
riconoscere se siano in tutto od in parte inapplicabili  le  clausole
penali stipulate a carico dei  fornitori  o  appaltatori,  quando  la
somma in controversia o che  l'amministrazione  abbandona  superi  le
lire 5000. (15) ((29)) 
 
  La sospensione dei lavori o il prolungamento dei termini, per cause
non previste dal contratto, debbono risultare da atti addizionali  al
contratto stesso. Su tali atti deve essere sentito  il  consiglio  di
Stato, se la durata della sospensione o il prolungamento dei  termini
siano indeterminati o tali che vi corrisponda, secondo  il  contratto
originario, una penalita' eccedente le lire 5000. 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (15) 
  Il D.Lgs. Luogotenenziale 26 marzo 1946, n. 172  ha  disposto  (con
l'art. 1, comma 1) che "Fino al 30 giugno  1947  sono  decuplicati  i
limiti di spesa stabiliti dagli articoli 5, 6, 8, 9,14, 15, 19, 43  e
56 del R. decreto 18 novembre 1923, n. 2440, dagli articoli 39,  115,
284 e 299, del R. decreto 23 maggio 1924, n. 827, e dall'art. 18  del
R. decreto 12 luglio 1934, n. 1214". 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (29) 
  La L. 7 agosto 1973, n. 519 ha disposto (con l'art.  19,  comma  1)
che "Il parere del Consiglio di Stato, previsto dagli articoli 5,  6,
14 e 15 del regio decreto 18  novembre  1923,  n.  2440,  concernente
disposizioni   sull'amministrazione   del   patrimonio   e   per   la
contabilita' generale dello Stato, e'  sostituito,  limitatamente  ai
contratti riguardanti lo Istituto, dal parere vincolante del comitato
amministrativo, salvo quanto disposto nei successivi commi".