LEGGE 30 aprile 1969, n. 153

Revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/06/2008)
Testo in vigore dal: 3-5-1974
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 64.

  Il  termine stabilito dall'articolo 7 della legge 18 marzo 1968, n.
238,  per  la  presentazione  della  domanda di pensione da parte dei
superstiti  di  assicurati  e  pensionati di cui all'articolo 2 della
legge 20 febbraio 1958, n. 55, e' prorogato al 31 dicembre 1975.
  I  superstiti  di  assicurato  deceduto  dopo il 31 dicembre 1944 e
anteriormente  al 1° gennaio 1958 e che al momento della morte era in
possesso  dei  requisiti  di  assicurazione e di contribuzione per il
diritto  alla  pensione  di  vecchiaia,  hanno  diritto alla pensione
indiretta sempreche' nei loro confronti:
    a)  al  momento  della  morte  dell'assicurato  sussistessero  le
condizioni  stabilite  dall'articolo  13  del  regio decreto-legge 14
aprile  1939,  n.  636,  nel testo originario, o in quello modificato
dall'articolo  2  della legge 4 aprile 1952, n. 218, a seconda che la
morte  sia avvenuta, rispettivamente, prima del 1 gennaio 1952 o dopo
il  31  dicembre  1951  e  dall'articolo  2, commi primo e terzo, del
decreto legislativo luogotenenziale 18 gennaio 1945, n. 39;
    b)  al  momento  della morte dell'assicurato non sussistessero le
cause  di esclusione dal diritto alla pensione ai superstiti previste
dall'articolo  1, nel testo modificato dall'articolo 7 della legge 12
agosto  1962, n. 1338, e dall'articolo 24 della legge 21 luglio 1965,
n.  903,  e  dall'articolo  2, comma secondo, del decreto legislativo
luogotenenziale 18 gennaio 1945, n. 39;
    c)  alla  data  di decorrenza della pensione indiretta non si sia
verificato  alcuno degli eventi che, a norma dell'articolo 3, lettere
a),  b) e c) del decreto legislativo luogotenenziale 18 gennaio 1945,
n.  39,  determinano  la  cessazione  del  diritto  alla  pensione ai
superstiti.
  La  domanda  di  pensione  da  parte dei superstiti di cui al comma
precedente  deve  essere  presentata,  a pena di decadenza, entro due
anni dalla data di entrata in vigore della presente legge.
  I  superstiti di assicurati e di pensionati di cui all'articolo 25,
primo  comma, lettera b), della legge 21 luglio 1965, n. 903, possono
presentare domanda di pensione entro il 31 dicembre 1975.
  Le  pensioni  previste dal presente articolo sono calcolate secondo
le  norme  in  vigore  anteriormente al 1 maggio 1968 e decorrono dal
primo  giorno  del  mese  successivo  a quello di presentazione della
domanda.
  E' abrogato l'articolo 7 della legge 18 marzo 1968, n. 238. ((5))
---------------
AGGIORNAMENTO (5)
  Il  D.L. 2 marzo 1974, n. 30, convertito con modificazioni dalla L.
16  aprile  1974,  n. 114 ha disposto (con l'art. 2-quater) che "Sono
soppressi  i  termini di decadenza di cui agli articoli 24 e 64 della
legge  30 aprile 1969, n. 153. Le pensioni spettanti ai superstiti di
assicurato  o di pensionato, di cui ai citati articoli, decorrono dal
primo  giorno  del mese successivo a quello della presentazione della
domanda".