MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 18 settembre 2009, n. 185

Modificazioni al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 19 giugno 2003, n. 179 e successive modificazioni ed integrazioni, recante la disciplina dei concorsi pronostici su base sportiva. (09G0194)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 06/01/2010
  • Articoli
  • 1
  • 2
Testo in vigore dal: 6-1-2010
 
                      IL MINISTRO DELL'ECONOMIA 
                           E DELLE FINANZE 
 
   Visto il decreto legislativo 14 aprile 1948, n. 496, e  successive
modificazioni  ed  integrazioni,  concernente  la  disciplina   delle
attivita' di gioco; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1951, n.
581, recante norme regolamentari per  l'applicazione  e  l'esecuzione
del decreto legislativo 14 aprile  1948,  n.  496,  sulla  disciplina
delle attivita' di gioco; 
  Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; 
  Visto l'articolo 16, comma 1, della legge 13 maggio 1999,  n.  133,
in base al quale, con riferimento a nuovi  tipi  di  scommessa  sulle
competizioni sportive, nonche' ad ogni altro tipo di gioco,  concorso
pronostici e scommesse, il Ministro  dell'economia  e  delle  finanze
emana regolamenti a norma dell'articolo 17, comma 3, della  legge  23
agosto 1988, n. 400, per disciplinare le  modalita'  ed  i  tempi  di
gioco, la  corresponsione  di  aggi,  diritti  e  proventi  dovuti  a
qualsiasi titolo; 
  Visto il decreto del Ministero delle finanze 15 febbraio  2001,  n.
156, recante autorizzazione alla  raccolta  telefonica  o  telematica
delle giocate relative a scommesse, giochi e concorsi pronostici,  in
base  al  quale  le  procedure  di  acquisizione,   registrazione   e
documentazione delle stesse sono stabilite con  decreto  direttoriale
emanato dal  direttore  generale  dell'Amministrazione  autonoma  dei
monopoli di Stato; 
  Vista la legge 18 ottobre 2001, n. 383,  recante  primi  interventi
per il rilancio dell'economia, ed in particolare l'articolo 12, commi
1 e 2, concernenti il riordino delle funzioni statali in  materia  di
organizzazione e gestione dei giochi, delle scommesse e dei  concorsi
a premi; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24  gennaio  2002,
n. 33, emanato ai sensi dell'articolo 12 della legge 18 ottobre 2001,
n. 383, che ha attribuito all'Amministrazione  autonoma  monopoli  di
Stato la gestione delle funzioni statali in materia di organizzazione
e gestione dei giochi, scommesse e concorsi pronostici; 
  Visto il decreto-legge 8  luglio  2002,  n.  138,  convertito,  con
modificazioni, con la legge 8 agosto 2002, n. 178, che ha  attribuito
all'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato lo svolgimento  di
tutte le funzioni in  materia  di  organizzazione  ed  esercizio  dei
giochi, scommesse e concorsi pronostici; 
  Visto il decreto legislativo 3 luglio  2003,  n.  173,  recante  la
riorganizzazione del Ministero dell'economia e delle finanze e  delle
agenzie fiscali, di modifica al decreto legislativo 30  luglio  1999,
n. 300, che ha attribuito all'Amministrazione autonoma  dei  monopoli
di Stato la competenza in materia di  giochi,  scommesse  e  concorsi
pronostici, ivi comprese quelle riguardanti i relativi tributi, fatta
eccezione per le imposte dirette e l'imposta sul valore aggiunto; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 dicembre  2003,
n.   385,    concernente    il    regolamento    di    organizzazione
dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20  ottobre  2000,
n. 453, con il quale si riordina l'Istituto per il credito sportivo; 
  Visto il decreto legislativo 23 dicembre 1998, n. 504, e successive
modifiche ed integrazioni, con il quale si riordina  l'imposta  unica
sui concorsi pronostici e sulle scommesse, a norma  dell'articolo  1,
comma 2, della legge 3 agosto 1998, n. 288; 
  Visto il decreto del Ministro  dell'economia  e  delle  finanze  19
giugno 2003, n. 179, con cui e' approvato il regolamento  recante  la
disciplina dei concorsi pronostici su  base  sportiva,  e  successive
modifiche ed integrazioni; 
  Visto l'articolo 38, commi 2 e 4, del decreto-legge 4 luglio  2006,
n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006,  n.
248, che ha previsto l'affidamento in concessione, attraverso  una  o
piu'  procedure  ad  evidenza  pubblica,  dell'esercizio  dei  giochi
pubblici, tra cui concorsi pronostici su base sportiva; 
  Visto l'articolo 1-bis del decreto-legge 25 settembre 2008, n. 149,
convertito, con modificazioni, dalla legge 19 novembre 2008, n.  184,
come modificato dall'articolo 2,  commi  49  e  50,  della  legge  22
dicembre 2008, n. 203 che ha previsto l'affidamento  in  concessione,
attraverso procedura ad evidenza pubblica, del diritto di esercizio e
raccolta in rete fisica di giochi su base ippica di cui  all'articolo
38, comma 4, lettera a), del decreto-legge 4  luglio  2006,  n.  223,
convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, tra
cui i concorsi pronostici su base sportiva; 
  Visto il decreto direttoriale del 18 gennaio 2008, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale del 29 febbraio 2008, n. 51, con cui  sono  state,
tra  l'altro,  adottate  le  misure  per  la  regolamentazione  della
raccolta a distanza dei concorsi pronostici su base sportiva; 
  Ritenuto necessario, al fine di introdurre  una  nuova  formula  di
gioco per i concorsi pronostici «Totogol»  e  «+Gol»,  modificare  la
disciplina  di  regolamentazione  dei  concorsi  pronostici  su  base
sportiva; 
  Ritenuta, inoltre, la necessita' di apportare alcune modifiche alle
modalita' di  acquisizione  dei  risultati  definitivi  degli  eventi
inseriti  nel  palinsesto  dei  concorsi  pronostici  sportivi,  alla
composizione  della  commissione  di  controllo,  alle  modalita'  di
pagamento dei premi di importo superiore ad  € 3.000,00  agli  aventi
diritto nonche' alla definizione del «punto di vendita», disciplinate
dal decreto del Ministro dell'economia e delle  finanze  n.  179  del
2003, e successive modificazioni ed integrazioni; 
  Udito il parere del Consiglio  di  Stato,  espresso  dalla  sezione
consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 9 luglio 2009; 
  Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri,  a
norma dell'articolo  17,  comma  3  della  legge  n.  400  del  1988,
effettuata con nota n. 11313 del 4 agosto 2009; 
 
                             A d o t t a 
 
 
                      il seguente regolamento: 
 
                               Art. 1 
Modifiche al decreto del Ministro dell'economia e  delle  finanze  19
  giugno 2003, n. 179, e successive modificazioni ed integrazioni 
   1. L'articolo 1, comma 2, del decreto ministeriale 19 giugno 2003,
n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «2. Ai fini del presente regolamento si intende per: 
    a) AAMS, l'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato; 
    b) CONI, il Comitato olimpico nazionale italiano; 
    c) apertura dell'accettazione, il momento in  cui  AAMS  dichiara
aperto il concorso ed il totalizzatore nazionale viene  abilitato  ad
accettare giocate; 
    d) cedola di caratura, la quota unitaria di partecipazione ad una
giocata a caratura,  anche  speciale,  che  costituisce  ricevuta  di
partecipazione; 
    e) chiusura dell'accettazione, il momento in  cui  AAMS  dichiara
chiuso il concorso ed  il  totalizzatore  nazionale  non  viene  piu'
abilitato ad accettare giocate; 
    f) colonna unitaria,  i  quattordici  pronostici,  uno  per  ogni
evento,  espressi  dal  partecipante,   relativamente   ai   concorsi
pronostici Totocalcio;  i  nove  pronostici,  uno  per  ogni  evento,
espressi dal partecipante, relativamente al concorso  pronostici  «il
9»,  abbinato  al  Totocalcio;  i  sette  pronostici   espressi   dal
partecipante, tra i quattordici eventi in  palinsesto,  relativamente
al concorso pronostici Totogol; i  quattro  pronostici  espressi  dal
partecipante, tra i quattordici eventi in  palinsesto,  relativamente
al concorso pronostici «+Gol», abbinato al Totogol; 
    f-bis) colonna unitaria vincente, l'esatta sequenza di pronostici
ufficializzata da AAMS in base all'esito  degli  eventi  oggetto  del
concorso; 
    g) commissione di  controllo,  l'organo  deputato  al  controllo,
accertamento e verbalizzazione finale di tutte le operazioni inerenti
alla chiusura dell'accettazione, alla determinazione dei  montepremi,
allo spoglio, alla  determinazione  ed  al  riscontro  delle  colonne
unitarie  vincenti,  al  calcolo  delle  quote  di  vincita  ed  alla
comunicazione ufficiale degli esiti dei concorsi pronostici  su  base
sportiva; 
    h) concessionario, l'operatore  di  gioco  selezionato  da  AAMS,
attraverso procedura  ad  evidenza  pubblica,  per  l'affidamento  di
attivita' e funzioni pubbliche relative  all'esercizio  dei  concorsi
pronostici connessi ad eventi sportivi; 
    i)  concessione,  l'atto  di  affidamento  ai  concessionari   di
attivita' e funzioni pubbliche relative ai concorsi pronostici; 
    l) concorso, per tutti i concorsi pronostici  su  base  sportiva,
l'insieme degli eventi sportivi,  disputati  anche  in  piu'  giorni,
oggetto del pronostico del partecipante; 
    m) concorso di chiusura definitiva, per  il  concorso  pronostici
Totocalcio l'ultimo  concorso  pronostici  Totocalcio  per  il  quale
vengono accettate  giocate,  prima  della  eventuale  abolizione  del
concorso stesso; per il  concorso  pronostici  «il  9»,  abbinato  al
concorso pronostici Totocalcio, l'ultimo concorso pronostici  «il  9»
per  il  quale  vengono  accettate  giocate,  prima  della  eventuale
abolizione del concorso stesso; per il  concorso  pronostici  Totogol
l'ultimo concorso pronostici Totogol per il quale  vengono  accettate
giocate, prima della eventuale abolizione del concorso stesso; per il
concorso pronostici «+Gol», abbinato al concorso pronostici  Totogol,
l'ultimo concorso pronostici «+Gol» per il  quale  vengono  accettate
giocate, prima della eventuale abolizione del concorso stesso; 
    n) concorsi pronostici, i concorsi pronostici su base sportiva; 
    o) evento, per il concorso pronostici Totocalcio e quello ad esso
abbinato «il 9», un avvenimento sportivo, inteso nella sua  totalita'
od in una  sua  frazione  temporale,  od  un'azione  dell'avvenimento
stesso sul cui esito  si  esprime  un  pronostico;  per  il  concorso
pronostici Totogol e quello ad esso abbinato «+Gol»,  un  avvenimento
sportivo, inteso nella sua totalita' o in una sua frazione temporale; 
    p) giocata, la scritturazione di una serie di colonne unitarie su
un'unica schedina di gioco; 
    q) giocata accettata, la  giocata  registrata  dal  totalizzatore
nazionale; 
    r) giocata a caratura, la ripartizione, tra piu' partecipanti, di
una giocata o di una giocata sistemistica; 
    s)  giocata  a  caratura  speciale,  la  ripartizione  tra   piu'
partecipanti, gestita dal concessionario ed effettuata attraverso  il
punto  di  vendita  virtuale,  di  una  giocata  o  di  una   giocata
sistemistica; 
    t) giocata sistemistica o a sistema, per il  concorso  pronostici
Totocalcio e l'abbinato concorso pronostici «il 9», la scritturazione
abbreviata, su un'unica schedina di gioco, di una  serie  di  colonne
unitarie derivanti dalla espressione di due o tre  pronostici,  cioe'
varianti doppie o triple, per uno o piu'  degli  eventi  oggetto  del
concorso; per il concorso pronostici Totogol  e  l'abbinato  concorso
pronostici «+Gol», la scritturazione abbreviata su un'unica  schedina
di  gioco,  di  una  serie  di  colonne  unitarie   derivanti   dalla
espressione di due, o piu' pronostici, in almeno una delle  posizioni
da pronosticare; nello sviluppo della giocata sistemistica, non  sono
considerate valide, e quindi sono escluse  dalla  giocata,  tutte  le
colonne unitarie che contengono almeno uno stesso pronostico in  piu'
di una posizione. Per le giocate sistemistiche riferite  al  concorso
pronostici «+Gol»,  sono  escluse  dalla  giocata  tutte  le  colonne
unitarie non considerate valide ai fini del concorso Totogol; 
    u) giocata valida, la giocata  accettata  e  successivamente  non
annullata dal partecipante; la giocata valida  determina  le  colonne
unitarie valide da considerare ai  fini  della  individuazione  delle
colonne unitarie vincenti; 
    v) incasso totale lordo, la differenza tra gli incassi  derivanti
dalla raccolta al netto dei rimborsi pagati e dei rimborsi prescritti
nella settimana contabile di riferimento; 
    z) jackpot, per il  concorso  pronostici  Totocalcio,  l'autonomo
montepremi non distribuito  in  mancanza  di  premi  non  assegnabili
ovvero  di  vincitori  di  premi  a  punteggio  di  1ª  categoria   e
riassegnato  esclusivamente  alla  medesima  categoria  del  concorso
immediatamente  successivo;  per  il  concorso  pronostici  «il   9»,
abbinato al concorso pronostici Totocalcio, l'autonomo montepremi non
distribuito in mancanza di premi non assegnabili ovvero di  vincitori
di  premi  a  punteggio  e  riassegnato  esclusivamente  al  concorso
immediatamente  successivo;  per  il  concorso  pronostici   Totogol,
l'autonomo montepremi  non  distribuito  in  mancanza  di  premi  non
assegnabili ovvero di vincitori di premi  a  punteggio  di  qualsiasi
categoria e riassegnato alla 1ª categoria del concorso immediatamente
successivo; per il concorso pronostici «+Gol», abbinato  al  concorso
pronostici Totogol, l'autonomo montepremi non distribuito in mancanza
di premi non assegnabili ovvero di vincitori di premi a  punteggio  e
riassegnato esclusivamente al concorso immediatamente successivo; 
    aa) operatore di gioco, un soggetto con competenze specialistiche
nella fornitura di servizi di gioco; 
    bb) partecipante, colui che effettua la giocata accettata; 
    cc) posta, l'importo pagato dal partecipante per ciascuna colonna
unitaria giocata; 
    dd) premio precedente di partecipazione, il premio  assegnato  al
partecipante, in base alle modalita' definite per il singolo concorso
pronostici su base sportiva, subito  dopo  l'accettazione  della  sua
giocata e comunque prima della chiusura dell'accettazione; 
    ee) premio a punteggio, il premio assegnato al  partecipante,  in
base alle modalita' definite per il singolo  concorso  pronostici,  a
fronte  del  possesso  e   della   riconsegna   della   ricevuta   di
partecipazione,  in  funzione  dei  punti  conseguiti  attraverso   i
pronostici espressi in ogni colonna unitaria precedentemente giocata; 
    ff) punti  di  pagamento  dei  premi,  i  punti  individuati  dal
concessionario  nell'ambito  della   propria   organizzazione,   resi
pubblici dal concessionario  medesimo  e  comunicati  ad  AAMS  prima
dell'inizio dell'attivita' di concessione, abilitati  alla  ricezione
delle ricevute di partecipazione  vincenti  emesse  da  un  punto  di
vendita collegato con il concessionario stesso ed  al  pagamento  dei
premi ai vincitori di importo superiore ad una determinata soglia; 
    gg)  punto  di  vendita,  l'esercizio  collegato   ad   uno   dei
concessionari di cui all'articolo 38, commi 2 e 4, del  decreto-legge
4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla  legge  4
agosto  2006,  n.  248,  ovvero  ad  uno  dei  concessionari  di  cui
all'articolo 1-bis del  decreto-legge  25  settembre  2008,  n.  149,
convertito, con modificazioni, dalla legge 19 novembre 2008, n.  184,
come modificato dall'articolo 2,  commi  49  e  50,  della  legge  22
dicembre 2008, n. 203; 
    hh) resto, i decimali di euro risultanti  dal  troncamento  delle
quote unitarie di vincita; 
    ii)  ricevuta  di  partecipazione,  il  titolo   che   garantisce
l'avvenuta registrazione della giocata nel totalizzatore nazionale  e
che costituisce, in caso di vincita o di rimborso, l'unico titolo  al
portatore valido per la riscossione del premio o del rimborso stesso; 
    ll)  saldo  settimanale,  il  valore  risultante,   per   ciascun
concessionario, dalla differenza tra l'incasso colonnare  complessivo
dei punti di vendita  collegati  al  concessionario  per  i  concorsi
chiusi nella settimana contabile di riferimento e le seguenti voci: 
      i. le vincite pagate  dai  punti  di  vendita  nell'arco  della
settimana contabile di riferimento; 
      ii.  il  compenso  degli  stessi  punti  di  vendita,  relativo
all'incasso totale lordo della settimana contabile di riferimento; 
      iii. i rimborsi effettuati nell'arco della settimana  contabile
di riferimento; 
      iiii. il compenso spettante al concessionario; 
    mm) settimana contabile di riferimento, il periodo che intercorre
tra la giornata del lunedi' e la  giornata  della  domenica  di  ogni
settimana nella quale si giocano i concorsi pronostici; 
    nn) schedina di gioco, il supporto, il cui formato ed i contenuti
specifici sono stabiliti da AAMS, la cui funzione  e'  esclusivamente
quella di riportare i pronostici espressi dal partecipante; 
    oo) terminale di gioco,  l'apparecchiatura  elettronica,  fornita
dal  concessionario  e  utilizzata  dai  punti  di  vendita,  per  la
digitazione dei pronostici, l'acquisizione delle schedine di gioco  e
la stampa delle ricevute da restituire ai partecipanti; 
    pp) totalizzatore nazionale, il sistema di elaborazione centrale,
organizzato da AAMS, per la gestione dei concorsi pronostici su  base
sportiva nonche' di altri, eventuali giochi connessi a manifestazioni
sportive.». 
  2. L'articolo 3, comma 1, del decreto ministeriale 19 giugno  2003,
n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «1. La partecipazione  al  concorso  avviene  utilizzando  apposite
schedine di gioco, oppure con digitazione diretta dei pronostici  sul
terminale di gioco, ovvero con le modalita' previste per il  gioco  a
distanza.». 
  3. All'articolo 4 del decreto ministeriale 19 giugno 2003, n.  179,
sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 1 e' sostituito dal seguente: 
  «1. La partecipazione al concorso, se effettuata presso i punti  di
vendita, e' attestata unicamente  dalla  ricevuta  di  partecipazione
emessa dal terminale di gioco. Le disposizioni in materia di gioco  a
distanza regolano la partecipazione al concorso effettuata attraverso
i canali di raccolta autorizzati a tale tipologia di gioco.». 
    b) nel comma 3, primo periodo, la parola «e'» e'  sostituita  con
la parola «sia». 
  4. All'articolo 6, comma 1,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, la  parola  «consentono»  e'  sostituita  dalla  parola
«consentano» e la parola «impediscono»  e'  sostituita  dalla  parola
«impediscano». 
   5. L'articolo 7, comma 2, del decreto ministeriale 19 giugno 2003,
n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «2. La commissione e' composta da due rappresentanti  di  AAMS  con
qualifica di dirigente, di cui uno svolge le funzioni di  presidente,
e da un dipendente di AAMS appartenente alla  terza  area,  cui  sono
affidate anche le funzioni di segretario.».  
  6. Dopo l'articolo 7 del decreto ministeriale 19  giugno  2003,  n.
179, e' inserito il seguente: 
  «7-bis (Validita' dei risultati). - 1. Ai fini della determinazione
della colonna unitaria vincente del concorso e' assunto, quale  esito
definitivo e  incontestabile  degli  eventi,  quello  conseguito  sul
campo, ufficializzato  da  AAMS  sulla  scorta  dell'acquisizione  di
plurime informazioni tramite media ed internet. 
  2. Successivi mutamenti dei risultati, decisi per qualsiasi  motivo
dalle autorita' sportive competenti, annullamenti, penalizzazioni  od
altri  provvedimenti,  non  risultano  influenti  agli  effetti   del
concorso. 
  3. Per la determinazione della colonna  vincente  si  applicano  le
disposizioni di cui ai commi da 4 a 12, relativamente agli eventi: 
    a) il cui svolgimento non avviene o avviene in giorno diverso  da
quello prestabilito; 
    b) che sono dichiarati non conclusi, per qualsiasi motivo,  dalla
commissione di controllo sulla scorta  dell'acquisizione  di  plurime
informazioni tramite media ed internet; 
    c)  che  AAMS,  sulla   scorta   dell'acquisizione   di   plurime
informazioni tramite media ed internet,  dichiara  non  validi  prima
della  chiusura   dell'accettazione,   mediante   pubblicazione   sul
bollettino ufficiale. 
  4. Dopo  la  chiusura  dell'accettazione,  qualora,  per  qualsiasi
motivo, uno o piu' eventi risultano nella condizione di cui al  comma
3, lettera a), per il concorso pronostici Totocalcio e quello ad esso
abbinato «il 9» l'evento, ai fini del concorso,  e'  considerato  non
disputato ed e' attribuito convenzionalmente  un  punto  a  qualsiasi
pronostico indicato,  dal  partecipante,  per  tali  eventi;  per  il
concorso  pronostici  Totogol  e  quello  ad  esso  abbinato   «+Gol»
l'evento, ai fini del concorso, e' considerato  non  disputato  e  si
assumera' quale risultato valido, ai fini della determinazione  della
colonna vincente, quello del primo evento valido in schedina. 
  5. In  deroga  a  quanto  previsto  al  precedente  comma  4,  sono
considerati, comunque, validi gli eventi che sono rinviati al  giorno
successivo. 
  6. Se  uno  o  piu'  eventi  sono  dichiarati  sospesi  nel  giorno
prestabilito per l'avvenimento, ovvero nel giorno successivo  qualora
ricorra l'ipotesi di  cui  al  comma  5,  gli  eventi,  ai  fini  del
concorso, sono considerati non conclusi. 
  7. Dopo  la  chiusura  dell'accettazione,  qualora,  per  qualsiasi
motivo, uno o piu' eventi risultano nella condizione di cui al  comma
3, lettera b), per il concorso pronostici Totocalcio e quello ad esso
abbinato «il 9» e' attribuito convenzionalmente un punto a  qualsiasi
pronostico indicato,  dal  partecipante,  per  tali  eventi;  per  il
concorso pronostici Totogol e  quello  ad  esso  abbinato  «+Gol»  e'
considerato valido il  risultato  conseguito  sul  campo  al  momento
dell'ultima interruzione prima della dichiarazione di non conclusione
dell'evento. 
  8. Per il concorso pronostici Totocalcio nel caso in cui uno o piu'
eventi, fino ad un massimo di quattro, sono nelle condizioni  di  cui
al comma 3, lettera c), e' attribuito convenzionalmente  un  punto  a
qualsiasi pronostico indicato, dal partecipante, per tali eventi; per
il concorso pronostici «il 9», abbinato al Totocalcio,  nel  caso  in
cui uno o piu'  eventi,  fino  ad  un  massimo  di  tre,  sono  nelle
condizioni  di  cui  al  comma   3,   lettera   c),   e'   attribuito
convenzionalmente un  punto  a  qualsiasi  pronostico  indicato,  dal
partecipante, per tali eventi; per il concorso pronostici Totogol nel
caso in cui uno o piu' eventi, fino ad un massimo  di  quattro,  sono
nelle condizioni di cui al comma 3, lettera c),  si  assumera'  quale
risultato valido ai fini della determinazione della colonna  vincente
quello  del  primo  evento  valido  in  schedina;  per  il   concorso
pronostici «+Gol», abbinato al Totogol, nel caso in cui  uno  o  piu'
eventi, fino ad un massimo di tre, sono nelle condizioni  di  cui  al
comma 3, lettera c), si assumera'  quale  risultato  valido  ai  fini
della determinazione della colonna vincente quello del  primo  evento
valido in schedina. 
  9. Per il concorso pronostici Totocalcio e il  concorso  pronostici
Totogol nel caso in cui piu' di quattro eventi, sono nelle condizioni
di cui al comma 3,  lettera  c),  AAMS,  mediante  pubblicazione  sul
bollettino ufficiale, dichiara l'annullamento del  relativo  concorso
disponendo  il  rimborso  totale   delle   giocate   effettuate   dai
partecipanti;  per  il  concorso  pronostici  «il  9»,  abbinato   al
Totocalcio, e per il concorso pronostici «+Gol», abbinato al Totogol,
nel caso in cui piu' di tre eventi, sono nelle condizioni di  cui  al
comma 3, lettera c),  AAMS,  mediante  pubblicazione  sul  bollettino
ufficiale, dichiara l'annullamento del relativo  concorso  disponendo
il rimborso totale delle giocate effettuate  dai  partecipanti.  AAMS
ha, altresi', facolta' di anticipare  la  chiusura  dell'accettazione
stessa. 
  10. Concorrono  alla  determinazione  della  colonna  vincente  gli
eventi anticipati quando,  prima  del  loro  inizio,  e'  stata  data
notizia da AAMS, mediante pubblicazione sul bollettino ufficiale, del
loro  anticipo.  In  tal   caso,   il   termine   per   la   chiusura
dell'accettazione  e'   fissato   in   relazione   all'inizio   dello
svolgimento dell'avvenimento anticipato o del primo degli avvenimenti
anticipati. 
  11. Nel caso in cui nessun evento  previsto  nel  concorso  risulta
valido, prima che il totalizzatore nazionale abbia registrato  alcuna
giocata, il concorso e' annullato. 
  12. Nel caso di eventi relativi a partite di calcio, il  pronostico
richiesto sull'esito finale delle partite stesse si intende riferito,
se non diversamente specificato, al risultato conseguito  al  termine
dei tempi regolamentari.». 
  7. L'articolo 14 del decreto ministeriale 19 giugno 2003,  n.  179,
e' sostituito dal seguente: 
  «14 (Modalita' di pagamento delle vincite e dei rimborsi di importo
superiore a  3.000,00  euro  e  fino  a  100.000,00  euro).  -  1.  I
possessori di ricevute di partecipazione vincenti  premi  di  importo
superiore a 3.000,00 euro e non superiore a 100.000,00 euro,  possono
recarsi, entro 90 giorni solari dalla data di comunicazione ufficiale
degli esiti dei concorsi, presso i punti di pagamento dei  premi  per
la verifica della ricevuta di partecipazione,  secondo  le  modalita'
previste  dall'articolo  11.  Il  pagamento  avviene,  in  base  alla
richiesta esplicita del vincitore,  attraverso  accredito  sul  conto
corrente bancario del vincitore stesso, oppure mediante emissione  di
assegno circolare od in contanti. 
  2. 1 premi di cui al comma 1 sono pagati agli aventi diritto  entro
il termine di 14 giorni dalla data di presentazione della ricevuta.». 
  8. L'articolo 15 del decreto ministeriale 19 giugno 2003,  n.  179,
e' sostituito dal seguente: 
  «15 (Modalita' di pagamento delle vincite di  importo  superiore  a
100.000,00 euro). - 1. I possessori  di  ricevute  di  partecipazione
vincenti premi  di  importo  superiore  a  100.000,00  euro,  possono
recarsi, entro 90 giorni solari dalla data di comunicazione ufficiale
degli esiti dei concorsi, presso i punti di pagamento dei  premi  per
la verifica della ricevuta di partecipazione,  secondo  le  modalita'
previste  dall'articolo  11.  Il  pagamento  avviene,  in  base  alla
richiesta esplicita del vincitore,  attraverso  accredito  sul  conto
corrente bancario del vincitore stesso, oppure mediante emissione  di
assegno circolare od in contanti. 
  2. I premi di cui al comma 1 sono pagati agli aventi diritto  entro
il termine di 14 giorni dalla data di presentazione della ricevuta.». 
  9. All'articolo 16, comma 1, del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, le parole «nonche' dal saldo settimanale, »  e  «e  del
saldo settimanale» sono soppresse. 
  10. All'articolo 17, comma 1, del decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, la parola «e'» e' sostituita con la parola «sia». 
  11. L'articolo 19, comma 1,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «1.  La  partecipazione  al  concorso  pronostici   Totocalcio   si
effettua, presso il punto di  vendita,  contrassegnando  i  risultati
sulla schedina di gioco ovvero con la loro  digitazione  diretta  sui
terminali di  gioco,  da  parte  degli  addetti  ai  terminali  e  su
dettatura  effettuata  dal  partecipante,  ovvero  con  le  modalita'
previste per il gioco a distanza.». 
  12. L'articolo 20, comma 2,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «2. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i canali  di
raccolta  del  gioco   a   distanza,   il   sistema   e'   sviluppato
automaticamente dal concessionario e il numero delle colonne unitarie
derivanti dallo sviluppo e l'importo complessivo sono  comunicati  al
partecipante;  la  convalida  della  giocata  avviene  solo  dopo  il
consenso del partecipante stesso.». 
  13. L'articolo 23 del decreto ministeriale 19 giugno 2003, n.  179,
e' abrogato. 
  14. All'articolo 25 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) nel comma 9 le parole «e' piu' alta» sono  sostituite  con  le
parole «sia piu' alta»; 
    b) nel comma 12 la parola «riscontra» e' sostituita con la parola
«riscontri». 
  15. All'articolo 26, comma 2, del decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, la parola «distribuisce» e' sostituita con la parola  «
distribuisca». 
  16. All'articolo 27 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 1 e' sostituito dal seguente: 
  «1.  La   partecipazione   al   concorso   «il   9»   si   effettua
contrassegnando l'apposito spazio predisposto per ogni colonna  sulle
schedine di gioco del concorso  Totocalcio,  oppure  con  digitazione
diretta sul terminale di gioco dell'apposito simbolo, da parte  degli
addetti ai terminali  e  su  dettatura  effettuata  dal  partecipante
oppure con le modalita' previste per il gioco a distanza.»; 
    b) nel comma  2,  primo  periodo,  le  parole  «e'  almeno»  sono
sostituite con le parole «sia almeno». 
  17. L'articolo 28, comma 3,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «3. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i canali  di
raccolta  del  gioco   a   distanza,   il   sistema   e'   sviluppato
automaticamente dal concessionario anche per il  concorso  pronostici
«il 9»; il numero delle colonne unitarie derivanti dallo  sviluppo  e
gli importi complessivi totali, per i concorsi pronostici  «il  9»  e
Totocalcio, sono  comunicati  al  partecipante;  la  convalida  della
giocata avviene solo dopo il consenso del partecipante stesso.». 
  18. L'articolo 31 del decreto ministeriale 19 giugno 2003, n.  179,
e' abrogato. 
  19. All'articolo 33, comma 8, del decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, la parola  «riscontra»  e'  sostituita  con  la  parola
«riscontri». 
  20. L'articolo 34, comma 1,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «1. Il concorso pronostici  Totogol  consiste  nel  pronosticare  i
sette eventi con il piu' elevato numero di  reti  segnate,  posti  in
ordine decrescente per numero di reti, in un  gruppo  di  quattordici
eventi, connessi a competizioni sportive, determinati da AAMS.». 
  21. All'articolo 35 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 1 e' sostituito dal seguente: 
  «1. La partecipazione al concorso pronostici Totogol  si  effettua,
presso il  punto  di  vendita,  contrassegnando  i  pronostici  sulla
schedina  di  gioco  ovvero  con  la  loro  digitazione  diretta  sui
terminali di  gioco,  da  parte  degli  addetti  ai  terminali  e  su
dettatura  effettuata  dal  partecipante  ovvero  con  le   modalita'
previste per il gioco a distanza.»; 
    b) il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2.  Le  schedine  di  gioco  del   concorso   pronostici   Totogol
contengono: 
    a) l'elenco numerato dei 14 eventi prescelti per il concorso; 
    b) due  o  piu'  pannelli,  costituiti  ciascuno  da  quattordici
caselle per ognuna delle  sette  posizioni  d'ordine  pronosticabili,
riportanti i numeri che contraddistinguono gli eventi in schedina.»; 
    c) il comma 3 e' sostituito dal seguente: 
  «3. Il partecipante esprime il proprio pronostico sulle schedine di
gioco  contrassegnando,  in  corrispondenza  di  ciascuna   posizione
d'ordine,  il  numero  che  contraddistingue  in  schedina   l'evento
prescelto. Per ciascuna delle sette posizioni  d'ordine  deve  essere
espresso almeno un pronostico.». 
  22. All'articolo 36 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al comma 1 dopo le parole «il numero delle  colonne  unitarie»
e' inserita la parola «valide». 
    b) il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i canali  di
raccolta  del  gioco   a   distanza,   il   sistema   e'   sviluppato
automaticamente dal concessionario e il numero delle colonne unitarie
valide  derivanti  dallo  sviluppo  e  l'importo   complessivo   sono
comunicati al partecipante; la convalida della giocata  avviene  solo
dopo il consenso del partecipante stesso.»; 
    c) al comma 3 dopo le parole «colonne unitarie»  e'  inserita  la
parola «valide». 
  23. All'articolo 38 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 3 e' sostituito dal seguente: 
  «3. I premi  a  punteggio  sono  assegnati  sulla  base  dei  punti
conseguiti  in  ciascuna  colonna   unitaria   valida   giocata   dal
partecipante. In ciascuna colonna unitaria si consegue un  punto  per
ogni evento per cui e' stata esattamente  pronosticata  la  posizione
d'ordine come determinata dalla colonna unitaria vincente.»; 
    b) il comma 4 e' sostituito dal seguente: 
  «4. Sono previste 4 categorie di vincita: 
    a) 1ª categoria, per le colonne unitarie con 7 punti; 
    b) 2ª categoria, per le colonne unitarie con 6 punti; 
    c) 3ª categoria, per le colonne unitarie con 5 punti; 
    d) 4ª categoria, per le colonne unitarie con 4 punti.». 
  24. L'articolo 39 del decreto ministeriale 19 giugno 2003, n.  179,
e' abrogato. 
  25. Dopo l'articolo 39 del decreto ministeriale 19 giugno 2003,  n.
179, e' inserito il seguente articolo: 
  «39-bis (Determinazione  della  colonna  unitaria  vincente). -  1.
Relativamente ai risultati degli  eventi  oggetto  del  concorso,  la
commissione di controllo determina la colonna  unitaria  vincente  in
base ai seguenti criteri: 
    a) la colonna unitaria vincente e' formata dai sette  numeri  che
contraddistinguono, nella schedina di gioco, i sette  eventi  con  il
piu' elevato numero di reti segnate,  posti  in  ordine  decrescente,
rispetto al numero totale di reti segnate; 
    b) nei casi di parita'  del  numero  di  reti  segnate,  e'  data
precedenza, ai  fini  della  determinazione  della  colonna  unitaria
vincente,  all'evento  nel  quale  la  squadra  seconda  indicata  ha
realizzato il piu' elevato numero di reti; 
    c) in caso di ulteriore parita' e' data precedenza, ai fini della
determinazione   della   colonna   unitaria   vincente,    all'evento
contrassegnato, nella schedina di gioco, con il numero d'ordine  piu'
basso.». 
  26. L'articolo 40, comma 2,  del  decreto  ministeriale  19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «2. Il montepremi del concorso di cui al comma 1  e'  incrementato,
ai   fini   della   determinazione   del   montepremi    complessivo,
dell'eventuale jackpot.». 
  27. All'articolo 42 del decreto ministeriale  19  giugno  2003,  n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2. L'importo da destinare, ai  sensi  del  comma  1,  ai  premi  a
punteggio del concorso Totogol e' determinato nel modo seguente: 
    a) il 20 per cento del montepremi del concorso, da  destinare  ai
premi a punteggio, e' assegnato alle  vincite  di  1ª categoria  piu'
l'eventuale jackpot, di cui all'articolo 40, comma 2; 
    b) il 25 per cento del montepremi del concorso, da  destinare  ai
premi a punteggio, e' assegnato alle vincite di 2ª categoria; 
    c) il 25 per cento del montepremi del concorso, da  destinare  ai
premi a punteggio, e' assegnato alle vincite di 3ª categoria; 
    d) il 30 per cento del montepremi del concorso, da  destinare  ai
premi a punteggio, e' assegnato alle vincite di 4ª categoria.». 
    b) il comma 4 e' sostituito dal seguente: 
  «4. In  mancanza  di  colonne  unitarie  vincenti  di  una  o  piu'
categorie, la somma dei relativi montepremi determina il jackpot.». 
    c) il comma 5 e' sostituito dal seguente: 
  «5. Nel caso  in  cui  nel  concorso  di  chiusura  definitiva  del
concorso pronostici Totogol non si registrino  vincitori  per  uno  o
piu' categorie di vincita, il relativo  montepremi  e'  ripartito  in
parti uguali tra le colonne unitarie che hanno realizzato il  maggior
punteggio.». 
    d) nel comma 11 le parole «e' piu' alta» sono sostituite  con  le
parole «sia piu' alta»; 
    e) nel comma 14 la parola «riscontra» e' sostituita con la parola
«riscontri»; 
    f) sono abrogati i commi da 6 a 10. 
  28. L'articolo 42-bis, comma 1, del decreto ministeriale 19  giugno
2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «1. I primi quattro pronostici di una colonna unitaria  valida  del
concorso Totogol, costituiscono l'oggetto del concorso «+Gol», cui si
puo' partecipare solo congiuntamente al concorso pronostici  Totogol,
mediante pagamento di una specifica posta aggiuntiva.». 
  29. All'articolo 42-ter del decreto ministeriale 19 giugno 2003, n.
179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 1 e' sostituito dal seguente: 
  «1.   La   partecipazione   al   concorso   «+Gol»   si    effettua
contrassegnando l'apposito spazio predisposto per ogni pannello sulle
schedine di  gioco  del  concorso  Totogol,  oppure  con  digitazione
diretta sul terminale di gioco dell'apposito simbolo, da parte  degli
addetti ai terminali e  su  dettatura  effettuata  dal  partecipante,
oppure con le modalita' previste per il gioco a distanza.»; 
    b) nel comma 2 le parole  «e'  almeno»  sono  sostituite  con  le
parole «sia almeno». 
  30. All'articolo 42-quater del decreto ministeriale 19 giugno 2003,
n. 179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 1 e' sostituito dal seguente: 
  «1. La  giocata  sistemistica  al  concorso  pronostici  «+Gol»  e'
effettuata utilizzando esclusivamente un sistema del concorso Totogol
e si compone delle colonne unitarie valide per  il  concorso  Totogol
che risultano diverse nei primi quattro pronostici.»; 
    b) il comma 3 e' sostituito dal seguente: 
  «3. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i canali  di
raccolta  del  gioco   a   distanza,   il   sistema   e'   sviluppato
automaticamente dal concessionario anche per il  concorso  pronostici
«+Gol»; il numero delle colonne unitarie derivanti dallo  sviluppo  e
gli importi complessivi totali, per i concorsi  pronostici  «+Gol»  e
Totogol, sono comunicati al partecipante; la convalida della  giocata
avviene solo dopo il consenso del partecipante stesso.». 
  31. L'articolo 42-sexies, comma  3,  del  decreto  ministeriale  19
giugno 2003, n. 179, e' sostituito dal seguente: 
  «3. I premi  a  punteggio  sono  assegnati  sulla  base  dei  punti
conseguiti  in  ciascuna  colonna   unitaria   valida   giocata   dal
partecipante. In ciascuna colonna unitaria si consegue un  punto  per
ogni evento per cui e' stata esattamente  pronosticata  la  posizione
d'ordine. I premi a punteggio sono assegnati  alle  colonne  unitarie
che hanno realizzato quattro punti, corrispondenti ai  primi  quattro
pronostici della colonna vincente del concorso Totogol.». 
  32. L'articolo 42-septies del decreto ministeriale 19 giugno  2003,
n. 179 del 2003, e' abrogato. 
  33. All'articolo 42-novies del decreto ministeriale 19 giugno 2003,
n. 179, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2. Il montepremi da destinare ai premi a punteggio, ai  sensi  del
comma 1, ed incrementato dell'eventuale jackpot di  cui  all'articolo
42-octies, comma 2, e' assegnato alle colonne unitarie vincenti con 4
punti»; 
    b) il comma 4 e' sostituito dal seguente: 
  «4. In mancanza di  colonne  unitarie  vincenti  con  4  punti,  il
montepremi si cumula con quello del concorso successivo, determinando
la formazione del jackpot.»; 
    c) nel comma 8 la parola «riscontra» e' sostituita con la  parola
« riscontri». 
          Avvertenza: 
              - Il testo delle note qui pubblicato e'  stato  redatto
          dall'amministrazione  competente  per  materia,  ai   sensi
          dell'art.  10,  commi  2  e  3,  del  testo   unico   delle
          disposizioni    sulla    promulgazione     delle     leggi,
          sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
          e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica  italiana,
          approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985,  n.  1092,  al  solo
          fine di facilitare la lettura delle disposizioni  di  legge
          modificate o alle  quali  e'  operato  il  rinvio.  Restano
          invariati il valore e l'efficacia  degli  atti  legislativi
          qui trascritti. 
          Note alle premesse: 
              - Il decreto legislativo 14 aprile 1948, n. 496,  reca:
          «Disciplina delle attivita' di  giuoco»  ed  e'  pubblicato
          nella Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1948, n. 118. 
              - Il decreto del Presidente della Repubblica 18  aprile
          1951, n. 581, reca: «Norme regolamentari per l'applicazione
          e l'esecuzione del decreto legislativo 14 aprile  1948,  n.
          496, sulla disciplina delle  attivita'  di  giuoco»  ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 luglio 1951,  n.
          173. 
              - L'art. 17, comma 3 della legge 23 agosto 1988, n. 400
          (Disciplina dell'attivita' di Governo e  ordinamento  della
          Presidenza del Consiglio dei  Ministri),  pubblicata  nella
          Gazzetta Ufficiale del 12 settembre 1988, n. 214, S.O.: 
              «3. Con decreto ministeriale  possono  essere  adottati
          regolamenti nelle materie di competenza del ministro  o  di
          autorita'  sottordinate  al  ministro,  quando   la   legge
          espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
          materie di competenza  di  piu'  ministri,  possono  essere
          adottati con decreti interministeriali, ferma  restando  la
          necessita' di apposita autorizzazione da parte della legge.
          I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
          dettare norme contrarie a quelle  dei  regolamenti  emanati
          dal Governo. Essi debbono essere comunicati  al  Presidente
          del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.». 
              - L'art. 16, comma 1 della legge  13  maggio  1999,  n.
          133,   (Disposizioni   in    materia    di    perequazione,
          razionalizzazione e federalismo fiscale), pubblicata  nella
          Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 1999, n. 113, S.O.,  cosi'
          recita: 
              «1. Il Ministro delle finanze puo' disporre,  anche  in
          via  temporanea,  l'accettazione  di  nuove   scommesse   a
          totalizzatore o a quota fissa, relative ad eventi  sportivi
          diversi  dalle  corse  dei  cavalli  e  dalle  competizioni
          organizzate dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI)
          da parte  dei  soggetti  cui  e'  affidata  in  concessione
          l'accettazione delle scommesse a totalizzatore  e  a  quota
          fissa ai sensi del decreto del Presidente della  Repubblica
          8 aprile 1998, n. 169, e del decreto 2 giugno 1998, n. 174,
          del  Ministro  delle  finanze   i   quali   a   tale   fine
          impiegheranno sedi, strutture e  impianti  gia'  utilizzati
          nell'esercizio della loro attivita'. Con riferimento a tali
          nuove scommesse  nonche'  ad  ogni  altro  tipo  di  gioco,
          concorso pronostici e scommesse, il Ministro delle  finanze
          emana regolamenti a norma  dell'art.  17,  comma  3,  della
          legge 23 agosto 1988, n. 400, per disciplinare le modalita'
          e i tempi di gioco, la corresponsione di  aggi,  diritti  e
          proventi dovuti a qualsiasi titolo, ivi compresi quelli  da
          destinare  agli  organizzatori  delle   competizioni.   Con
          decreto del Ministro delle finanze  e'  altresi'  stabilito
          l'ammontare  del  prelievo  complessivo,  comprensivo   dei
          predetti oneri, su  ciascuna  scommessa.  Per  le  medesime
          scommesse a totalizzatore il Ministro  delle  finanze  puo'
          prevederne l'accettazione anche da parte dei gestori e  dei
          concessionari  di  giochi,  concorsi  pronostici  e  lotto,
          purche' utilizzino una rete di  ricevitorie  collegate  con
          sistemi informatici in tempo reale.». 
              - Il decreto del Ministro delle finanze del 15 febbraio
          2001, n. 156,  reca:  «Regolamento  recante  autorizzazione
          alla  raccolta  telefonica  o  telematica   delle   giocate
          relative a scommesse, giuochi e concorsi pronostici» ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 2 maggio  2001,  n.
          100. 
              - La legge  18  ottobre  2001,  n.  383,  reca:  «Primi
          interventi per il rilancio dell'economia» ed e'  pubblicata
          nella Gazzetta Ufficiale del 24 ottobre 2001, n. 248. 
              - Il decreto del Presidente della Repubblica 24 gennaio
          2002, n. 33, reca: «Regolamento  concernente  l'affidamento
          delle  attribuzioni  in  materia  di  giochi  e   scommesse
          all'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, a norma
          dell'art. 12, comma 1, della legge n. 383 del 2001», ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 marzo  2002,  n.
          63. 
              -  Il  decreto-legge  8  luglio  2002,  n.  138,  reca,
          «Interventi   urgenti    in    materia    tributaria,    di
          privatizzazioni, di contenimento della spesa farmaceutica e
          per il sostegno dell'economia anche nelle aree svantaggiate
          ed e' pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  del  8  luglio
          2002, n. 158. 
              - Il decreto legislativo 3 luglio 2003, n.  173,  reca:
          «Riorganizzazione  del  Ministero  dell'economia  e   delle
          finanze e delle agenzie fiscali, a norma dell'art. 1  della
          legge 6  luglio  2002,  n.  137»  ed  e'  pubblicato  nella
          Gazzetta Ufficiale del 14 luglio 2003, n. 161. 
              -  Il  decreto  del  Presidente  della  Repubblica   15
          dicembre 2003, n. 385, reca: «Regolamento di organizzazione
          dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato» ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio 2004, n.
          22. 
              - Il decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre
          2000,  n.  453,  reca:   «Regolamento   per   il   riordino
          dell'Istituto per il credito sportivo,  a  norma  dell'art.
          157 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.  112»  ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 11 aprile 2001,  n.
          85. 
              - Il decreto legislativo  23  dicembre  1998,  n.  504,
          reca: «Riordino dell'imposta unica sui concorsi  pronostici
          e sulle scommesse, a norma  dell'art.  1,  comma  2,  della
          legge 3  agosto  1998,  n.  288»  ed  e'  pubblicato  nella
          Gazzetta Ufficiale del 3 febbraio 1999, n. 27. 
              - Il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze
          del 19 giugno 2003, n. 179, reca: «Regolamento  recante  la
          disciplina dei concorsi pronostici su base sportiva» ed  e'
          pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 luglio 2003,  n.
          166. 
              - Si riporta il testo dell'art. 1-bis del decreto-legge
          25 settembre 2008, n. 149, convertito,  con  modificazioni,
          dalla legge 19 novembre 2008, n. 184, (Disposizioni urgenti
          per  assicurare  adempimenti  comunitari  in   materia   di
          giochi): 
              «Art. 1-bis (Assetto organizzativo  della  raccolta  in
          rete fisica dei giochi e delle scommesse). 1. - Al fine  di
          perseguire   il   progressivo   superamento    dell'assetto
          organizzativo della raccolta dei giochi e  delle  scommesse
          relativi alle corse dei cavalli, di cui al  regolamento  di
          cui al decreto del Presidente  della  Repubblica  8  aprile
          1998, n.  169,  di  attuare  la  sentenza  della  Corte  di
          giustizia delle Comunita' europee  del  13  settembre  2007
          nella causa C-260/04,  nonche'  di  perseguire  l'obiettivo
          della sostanziale integrazione fra giochi su base ippica  e
          sportiva gia' determinato dall'art. 38 del decreto-legge  4
          luglio 2006, n. 223, convertito, con  modificazioni,  dalla
          legge 4 agosto 2006, n. 248,  e  successive  modificazioni,
          l'Amministrazione autonoma  dei  monopoli  di  Stato  attua
          un'apposita  procedura  selettiva  in   tempo   utile   per
          rispettare la data di revoca delle concessioni di cui  alla
          predetta sentenza. 
              2. Oggetto della procedura di cui  al  comma  1  e'  la
          concessione, fino alla data del 30 giugno 2016, del diritto
          di esercizio e raccolta in rete fisica di  giochi  su  base
          ippica, di cui  all'art.  38,  comma  4,  lettera  a),  del
          decreto-legge  4  luglio  2006,  n.  223,  convertito,  con
          modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248,  fino  al
          numero massimo di 3.000. Le  predette  concessioni  non  si
          estendono in ogni caso ai  punti  di  vendita  aventi  come
          attivita' accessoria la commercializzazione di prodotti  di
          gioco pubblici. 
              3. La procedura di  cui  al  comma  1  e'  aperta  alle
          domande  di  soggetti  italiani  ovvero  di   altri   Stati
          dell'Unione  europea   in   possesso   dei   requisiti   di
          affidabilita'  gia'  richiesti  ai   soggetti   che   hanno
          conseguito concessioni per l'esercizio  e  la  raccolta  di
          giochi di cui all'art. 1,  comma  287,  lettera  a),  della
          legge 30 dicembre 2004, n. 311, e successive modificazioni,
          e all'art. 38, comma 4, lettera  a),  del  decreto-legge  4
          luglio 2006, n. 223, convertito, con  modificazioni,  dalla
          legge 4  agosto  2006,  n.  248.  La  procedura  e'  aperta
          altresi' alle domande di soggetti che, alla data di entrata
          in vigore della legge di conversione del presente  decreto,
          sono titolari di  concessione  precedentemente  conseguita,
          con scadenza successiva al 31 gennaio 2009, per l'esercizio
          e la raccolta di scommesse o di prodotti di gioco pubblici.
          I soggetti di cui al  primo  periodo  e  i  componenti  dei
          relativi organi societari  non  devono  avere  controversie
          legali pendenti, per le quali non e' ancora intervenuto  il
          giudicato, nei confronti dell'Amministrazione autonoma  dei
          monopoli di Stato relativamente alle concessioni di cui  al
          presente comma. Sono comunque esclusi  dalla  procedura  di
          cui al comma 1 i soggetti non in  regola  con  i  pagamenti
          dovuti alle amministrazioni  interessate,  relativamente  a
          concessioni precedentemente conseguite. 
              4.  Il  modulo  di  domanda  di   partecipazione   alla
          procedura selettiva e' reso disponibile nel  sito  internet
          www.aams.it dell'Amministrazione autonoma dei  monopoli  di
          Stato. Sono ammissibili esclusivamente le  domande  redatte
          utilizzando la stampa  del  modulo  estratto  dal  predetto
          sito. 
              5. Le concessioni di cui al comma 2  sono  aggiudicate,
          fino a loro esaurimento, ai soggetti che abbiano presentato
          le offerte risultanti economicamente piu' elevate  rispetto
          ad una base pari ad euro  85.000.  Qualora  le  concessioni
          sono aggiudicate a soggetti gia' titolari, per  concessione
          precedentemente conseguita, diversa da quella oggetto della
          sentenza della Corte di giustizia delle  Comunita'  europee
          di cui al comma 1, di diritti di esercizio  e  raccolta  in
          rete fisica di scommesse su  base  ippica  ovvero  su  base
          sportiva, l'importo da corrispondere e' ridotto del 25  per
          cento  rispetto  a   quanto   indicato   nell'offerta.   La
          convenzione  accessiva  alla  concessione  e'   predisposta
          dall'Amministrazione autonoma dei monopoli di  Stato  sulla
          base dello  schema  approvato  con  decreto  del  direttore
          generale  dell'Amministrazione  autonoma  dei  monopoli  di
          Stato 28 agosto 2006. All'atto della  sottoscrizione  della
          convenzione accessiva da parte dei concessionari di cui  al
          comma 3, secondo periodo, risultati aggiudicatari all'esito
          della procedura  di  cui  al  comma  1,  sono  revocate  le
          concessioni    precedentemente    conseguite    da     tali
          concessionari per l'esercizio e la raccolta di scommesse su
          base ippica ovvero su base sportiva. 
              6. Il comma  1  dell'art.  4-bis  del  decreto-legge  8
          aprile 2008, n. 59, convertito,  con  modificazioni,  dalla
          legge 6 giugno 2008, n.  101,  l'art.  6  degli  schemi  di
          convenzione per l'affidamento in concessione approvati  con
          decreti   del   direttore   generale   dell'Amministrazione
          autonoma dei monopoli di Stato del 28 agosto 2006,  nonche'
          le lettere f) e g) del comma 287 dell'art. 1 della legge 30
          dicembre 2004, n. 311, e  successive  modificazioni,  e  le
          lettere 0 e g) del comma 4 dell'art. 38 del decreto-legge 4
          luglio 2006, n. 223, convertito, con  modificazioni,  dalla
          legge 4 agosto 2006, n. 248, sono  abrogati.  Al  comma  13
          dell'art. 22 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, dopo  le
          parole: «al totalizzatore» sono inserite le seguenti: «e  a
          quota fissa» e le parole: «, esclusivamente nei  giorni  di
          svolgimento delle gare,» sono soppresse. 
              7.   Nello   stato   di   previsione   del    Ministero
          dell'economia e delle finanze per l'anno 2009 e'  istituito
          un  fondo,  alimentato  dalle  maggiori  entrate  derivanti
          dall'attuazione del comma 5; quota parte delle risorse  del
          predetto fondo  e'  destinata,  con  decreto  del  Ministro
          dell'economia e delle  finanze,  all'incremento  del  monte
          premi e delle provvidenze  per  l'allevamento  dei  cavalli
          ovvero, anche progressivamente, in funzione del processo di
          risanamento  finanziario  e  di  riassetto   dei   relativi
          settori, alle esigenze finanziarie relative alle  attivita'
          istituzionali  del  Comitato  olimpico  nazionale  italiano
          (CONI) e dell'Unione nazionale per l'incremento delle razze
          equine (UNIRE), con esclusione delle ordinarie esigenze  di
          funzionamento della medesima UNIRE. La parte del fondo  non
          destinata alle predette esigenze e'  riversata  all'entrata
          del bilancio dello Stato. A decorrere dal 1° gennaio  2009,
          la misura del prelievo erariale unico di cui  all'art.  39,
          comma 13, del decreto-legge  30  settembre  2003,  n.  269,
          convertito, con  modificazioni,  dalla  legge  24  novembre
          2003, n. 326, e successive modificazioni, e di cui all'art.
          1, comma 531, della legge  23  dicembre  2005,  n.  266,  e
          successive modificazioni, e' elevata  al  13,40  per  cento
          delle  somme  giocate;  le   maggiori   entrate   derivanti
          dall'applicazione  del  presente  periodo   rispetto   alle
          entrate  relative  all'anno  2008,   rilevate   annualmente
          dall'Amministrazione autonoma dei monopoli di  Stato,  sono
          assegnate all'UNIRE, nella misura del  50  per  cento,  per
          essere interamente destinate all'incremento del monte premi
          e per il restante 50 per cento sono assegnate  al  Comitato
          olimpico nazionale italiano (CONI). Al fine  di  consentire
          il completamento e il  potenziamento  infrastrutturali  dei
          servizi  istituzionali  dell'UNIRE,  per  l'anno  2008   e'
          assegnato al medesimo ente un contributo pari a 25  milioni
          di euro, al cui onere si provvede  mediante  corrispondente
          riduzione, per il medesimo anno, del fondo di cui  all'art.
          1, comma 50, della legge  23  dicembre  2005,  n.  266.  Le
          eventuali    ulteriori    maggiori    entrate     derivanti
          dall'attuazione dei commi da 1 a  3  nonche'  del  comma  5
          del presente      articolo,      rilevate       annualmente
          dall'Amministrazione autonoma dei monopoli di  Stato,  sono
          interamente destinate all'incremento del  monte  premi.  Il
          piano annuale di utilizzazione  delle  risorse  finanziarie
          dell'UNIRE e' approvato, entro il  15  gennaio  di  ciascun
          anno, con decreto del  Ministro  delle  politiche  agricole
          alimentari e forestali, sentite le  competenti  Commissioni
          parlamentari permanenti. 
              8. All'art. 1, comma 286, della legge 30 dicembre 2004,
          n. 311, dopo le parole: «eventi non sportivi» sono inserite
          le seguenti:  «,  escluse  le  manifestazioni  per  la  cui
          realizzazione concorrono i soggetti ai quali  si  applicano
          le disposizioni agevolative di cui al comma 185 dell'art. 1
          della legge 27 dicembre 2006, n.  296,  e  che  sono  stati
          individuati con il decreto  del  Ministro  dell'economia  e
          delle finanze 3  luglio  2008,  pubblicato  nella  Gazzetta
          Ufficiale n. 166 del 17 luglio 2008». 
              - Si riporta il testo degli articoli 1, 3, 4, 6, 7, 16,
          17, 19, 20, 25, 26, 27, 28, 33, 35, 36, 38, 40, 42, 42-ter,
          42-quater, 42-sexies e 42-novies del decreto del  Ministero
          dell'economia e delle finanze 19 giugno 2003 n. 179,  cosi'
          come modificati dal presente decreto: 
              «Art. 1 (Oggetto del regolamento e definizioni).  -  1.
          Il  presente  regolamento  definisce  le  regole   generali
          relative ai concorsi pronostici su base sportiva,  comprese
          quelle riferite alla gestione ed al  controllo  dei  flussi
          finanziari relativi all'attivita' di vendita degli  stessi,
          nonche'  le  regole  di  gioco  dei   concorsi   pronostici
          Totocalcio, "il  9",  abbinato  al  Totocalcio,  Totogol  e
          "+Gol", abbinato al Totogol. 
              2. Ai fini del presente regolamento si intende per: 
              a) AAMS, l'Amministrazione  autonoma  dei  monopoli  di
          Stato; 
              b) CONI, il Comitato olimpico nazionale italiano; 
              c) apertura dell'accettazione, il momento in  cui  AAMS
          dichiara aperto il concorso ed il  totalizzatore  nazionale
          viene abilitato ad accettare giocate; 
              d)  cedola  di   caratura,   la   quota   unitaria   di
          partecipazione ad una giocata a caratura,  anche  speciale,
          che costituisce ricevuta di partecipazione; 
              e) chiusura dell'accettazione, il momento in  cui  AAMS
          dichiara chiuso il concorso ed il  totalizzatore  nazionale
          non viene piu' abilitato ad accettare giocate; 
              f) colonna unitaria, i quattordici pronostici, uno  per
          ogni evento, espressi dal  partecipante,  relativamente  ai
          concorsi pronostici Totocalcio; i nove pronostici, uno  per
          ogni evento, espressi dal  partecipante,  relativamente  al
          concorso pronostici "il 9", abbinato al Totocalcio; i sette
          pronostici espressi dal  partecipante,  tra  i  quattordici
          eventi in palinsesto, relativamente al concorso  pronostici
          Totogol; i quattro pronostici  espressi  dal  partecipante,
          tra i quattordici eventi in  palinsesto,  relativamente  al
          concorso pronostici "+Gol", abbinato al Totogol; 
              f-bis) colonna unitaria vincente, l'esatta sequenza  di
          pronostici ufficializzata da AAMS in base  all'esito  degli
          eventi oggetto del concorso; 
              g)  commissione  di  controllo,  l'organo  deputato  al
          controllo, accertamento e verbalizzazione finale  di  tutte
          le operazioni  inerenti  alla  chiusura  dell'accettazione,
          alla determinazione  dei  montepremi,  allo  spoglio,  alla
          determinazione  ed  al  riscontro  delle  colonne  unitarie
          vincenti,  al  calcolo  delle  quote  di  vincita  ed  alla
          comunicazione ufficiale degli esiti dei concorsi pronostici
          su base sportiva; 
              h) concessionario, l'operatore di gioco selezionato  da
          AAMS,  attraverso  procedura  ad  evidenza  pubblica,   per
          l'affidamento di attivita' e  funzioni  pubbliche  relative
          all'esercizio dei concorsi pronostici  connessi  ad  eventi
          sportivi; 
              i) concessione, l'atto di affidamento ai  concessionari
          di attivita' e  funzioni  pubbliche  relative  ai  concorsi
          pronostici; 
              l) concorso, per tutti i concorsi  pronostici  su  base
          sportiva, l'insieme degli eventi sportivi, disputati  anche
          in piu' giorni, oggetto del pronostico del partecipante; 
              m) concorso di chiusura  definitiva,  per  il  concorso
          pronostici   Totocalcio   l'ultimo   concorso    pronostici
          Totocalcio per il quale vengono  accettate  giocate,  prima
          della eventuale abolizione  del  concorso  stesso;  per  il
          concorso pronostici "il 9", abbinato al concorso pronostici
          Totocalcio, l'ultimo concorso  pronostici  "il  9"  per  il
          quale vengono  accettate  giocate,  prima  della  eventuale
          abolizione del concorso stesso; per il concorso  pronostici
          Totogol l'ultimo concorso pronostici Totogol per  il  quale
          vengono accettate giocate, prima della eventuale abolizione
          del concorso stesso; per  il  concorso  pronostici  "+Gol",
          abbinato al concorso pronostici Totogol, l'ultimo  concorso
          pronostici "+Gol" per il quale vengono  accettate  giocate,
          prima della eventuale abolizione del concorso stesso; 
              n) concorsi pronostici, i concorsi pronostici  su  base
          sportiva; 
              o) evento, per  il  concorso  pronostici  Totocalcio  e
          quello ad esso abbinato "il 9",  un  avvenimento  sportivo,
          inteso  nella  sua  totalita'  od  in  una   sua   frazione
          temporale, od un'azione  dell'avvenimento  stesso  sul  cui
          esito si esprime un pronostico; per il concorso  pronostici
          Totogol e quello ad esso abbinato  "+Gol",  un  avvenimento
          sportivo, inteso nella sua totalita' o in una sua  frazione
          temporale; 
              p) giocata, la scritturazione di una serie  di  colonne
          unitarie su un'unica schedina di gioco; 
              q)  giocata  accettata,  la  giocata   registrata   dal
          totalizzatore nazionale; 
              r)  giocata  a  caratura,  la  ripartizione,  tra  piu'
          partecipanti, di una giocata o di una giocata sistemistica; 
              s) giocata a caratura  speciale,  la  ripartizione  tra
          piu' partecipanti, gestita dal concessionario ed effettuata
          attraverso il punto di vendita virtuale, di una  giocata  o
          di una giocata sistemistica; 
              t) giocata sistemistica o a sistema,  per  il  concorso
          pronostici Totocalcio e l'abbinato concorso pronostici  "il
          9", la scritturazione abbreviata, su un'unica  schedina  di
          gioco, di una serie di  colonne  unitarie  derivanti  dalla
          espressione di due o tre pronostici, cioe' varianti  doppie
          o triple, per uno o piu' degli eventi oggetto del concorso;
          per il concorso pronostici Totogol  e  l'abbinato  concorso
          pronostici "+Gol", la scritturazione abbreviata su un'unica
          schedina  di  gioco,  di  una  serie  di  colonne  unitarie
          derivanti dalla espressione di due, o piu'  pronostici,  in
          almeno una delle posizioni da pronosticare; nello  sviluppo
          della giocata sistemistica, non sono considerate valide,  e
          quindi  sono  escluse  dalla  giocata,  tutte  le   colonne
          unitarie che contengono almeno  uno  stesso  pronostico  in
          piu'  di  una  posizione.  Per  le  giocate   sistemistiche
          riferite al concorso pronostici "+Gol", sono escluse  dalla
          giocata tutte le colonne unitarie non considerate valide ai
          fini del concorso Totogol; 
                
              u)   giocata   valida,   la   giocata    accettata    e
          successivamente non annullata dal partecipante; la  giocata
          valida determina le colonne unitarie valide da  considerare
          ai  fini  della  individuazione  delle   colonne   unitarie
          vincenti; 
              v) incasso totale lordo, la differenza tra gli  incassi
          derivanti dalla raccolta al netto dei rimborsi pagati e dei
          rimborsi   prescritti   nella   settimana   contabile    di
          riferimento; 
              z) jackpot,  per  il  concorso  pronostici  Totocalcio,
          l'autonomo montepremi non distribuito in mancanza di  premi
          non assegnabili ovvero di vincitori di premi a punteggio di
          e categoria  e  riassegnato  esclusivamente  alla  medesima
          categoria del concorso immediatamente  successivo;  per  il
          concorso pronostici "il 9", abbinato al concorso pronostici
          Totocalcio,  l'autonomo  montepremi  non   distribuito   in
          mancanza di premi non assegnabili ovvero  di  vincitori  di
          premi a punteggio e riassegnato esclusivamente al  concorso
          immediatamente  successivo;  per  il  concorso   pronostici
          Totogol, l'autonomo montepremi non distribuito in  mancanza
          di premi non assegnabili ovvero di  vincitori  di  premi  a
          punteggio di qualsiasi  categoria  e  riassegnato  alla  la
          categoria del concorso immediatamente  successivo;  per  il
          concorso pronostici "+Gol", abbinato al concorso pronostici
          Totogol, l'autonomo montepremi non distribuito in  mancanza
          di premi non assegnabili ovvero di  vincitori  di  premi  a
          punteggio  e   riassegnato   esclusivamente   al   concorso
          immediatamente successivo; 
              aa) operatore di  gioco,  un  soggetto  con  competenze
          specialistiche nella fornitura di servizi di gioco; 
              bb)  partecipante,  colui  che  effettua   la   giocata
          accettata; 
              cc)  posta,  l'importo  pagato  dal  partecipante   per
          ciascuna colonna unitaria giocata; 
              dd) premio  precedente  di  partecipazione,  il  premio
          assegnato al partecipante, in base alle modalita'  definite
          per il singolo concorso pronostici su base sportiva, subito
          dopo l'accettazione della  sua  giocata  e  comunque  prima
          della chiusura dell'accettazione; 
              ee)  premio  a  punteggio,  il  premio   assegnato   al
          partecipante,  in  base  alle  modalita'  definite  per  il
          singolo concorso pronostici, a fronte del possesso e  della
          riconsegna della ricevuta di  partecipazione,  in  funzione
          dei punti conseguiti attraverso i  pronostici  espressi  in
          ogni colonna unitaria precedentemente giocata; 
              ff) punti di pagamento dei premi, i  punti  individuati
          dal    concessionario     nell'ambito     della     propria
          organizzazione, resi pubblici dal concessionario medesimo e
          comunicati ad  AAMS  prima  dell'inizio  dell'attivita'  di
          concessione, abilitati alla  ricezione  delle  ricevute  di
          partecipazione vincenti  emesse  da  un  punto  di  vendita
          collegato con il concessionario stesso ed al pagamento  dei
          premi ai vincitori di importo superiore ad una  determinata
          soglia; 
              gg) punto di vendita, l'esercizio collegato ad uno  dei
          concessionari  di  cui  all'art.  38,  commi  2  e  4,  del
          decreto-legge  4  luglio  2006,  n.  223,  convertito,  con
          modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, ovvero ad
          uno  dei  concessionari   di   cui   all'art.   1-bis   del
          decreto-legge 25 settembre 2008, n.  149,  convertito,  con
          modificazioni, dalla legge 19 novembre 2008, n.  184,  come
          modificato dall'art. 2, commi  49  e  50,  della  legge  22
          dicembre 2008, n. 203; 
              hh)  resto,  i  decimali   di   euro   risultanti   dal
          troncamento delle quote unitarie di vincita; 
              ii)  ricevuta  di   partecipazione,   il   titolo   che
          garantisce  l'avvenuta  registrazione  della  giocata   nel
          totalizzatore nazionale  e  che  costituisce,  in  caso  di
          vincita o di rimborso, l'unico titolo al  portatore  valido
          per la riscossione del premio o del rimborso stesso; 
              ll)  saldo  settimanale,  il  valore  risultante,   per
          ciascun  concessionario,  dalla  differenza  tra  l'incasso
          colonnare complessivo dei punti  di  vendita  collegati  al
          concessionario  per  i  concorsi  chiusi  nella   settimana
          contabile di riferimento e le seguenti voci: 
              i. le vincite pagate dai  punti  di  vendita  nell'arco
          della settimana contabile di riferimento; 
              ii. il compenso degli stessi punti di vendita, relativo
          all'incasso  totale  lordo  della  settimana  contabile  di
          riferimento; 
              iii. i rimborsi effettuati  nell'arco  della  settimana
          contabile di riferimento; 
              iiii. il compenso spettante al concessionario; 
              mm) settimana contabile di riferimento, il periodo  che
          intercorre tra la giornata del lunedi' e la giornata  della
          domenica  di  ogni  settimana  nella  quale  si  giocano  i
          concorsi pronostici; 
              nn) schedina di gioco, il supporto, il cui formato ed i
          contenuti specifici sono stabiliti da AAMS, la cui funzione
          e' esclusivamente quella di riportare i pronostici espressi
          dal partecipante; 
              oo) terminale di gioco, l'apparecchiatura  elettronica,
          fornita  dal  concessionario  e  utilizzata  dai  punti  di
          vendita, per la digitazione dei pronostici,  l'acquisizione
          delle schedine di gioco  e  la  stampa  delle  ricevute  da
          restituire ai partecipanti; 
              pp) totalizzatore nazionale, il sistema di elaborazione
          centrale, organizzato da AAMS, per la gestione dei concorsi
          pronostici su base sportiva  nonche'  di  altri,  eventuali
          giochi connessi a manifestazioni sportive.». 
              «Art.  3  (Modalita'  di  partecipazione  ai   concorsi
          pronostici e posta di gioco). -  1.  La  partecipazione  al
          concorso avviene utilizzando apposite  schedine  di  gioco,
          oppure con digitazione diretta dei pronostici sul terminale
          di gioco, ovvero con le modalita' previste per il  gioco  a
          distanza. 
              2. E' consentita la partecipazione  al  concorso  anche
          mediante  giocate  sistemistiche,  giocate  a  caratura   e
          giocate a caratura speciale. 
              3. La posta, per ogni colonna unitaria, e'  comprensiva
          del diritto fisso,  di  cui  all'art.  27  della  legge  30
          dicembre 1991, n. 412, e dell'aggio spettante al  punto  di
          vendita. L'importo della posta e' determinato  con  decreto
          del  Ministro  dell'economia  e  delle  finanze  ai   sensi
          dell'art. 12, comma 2, della  legge  18  ottobre  2001,  n.
          383.». 
              «Art.  4  (Ricevuta  di  partecipazione).   -   1.   La
          partecipazione al concorso, se effettuata presso i punti di
          vendita;  e'  attestata  unicamente   dalla   ricevuta   di
          partecipazione  emessa   dal   terminale   di   gioco.   Le
          disposizioni in materia di gioco  a  distanza  regolano  la
          partecipazione al concorso effettuata attraverso  i  canali
          di raccolta autorizzati a tale tipologia di gioco. 
              2.  Il  controllo  della  rispondenza  dei   pronostici
          riportati sulla ricevuta  con  quelli  dettati  o  indicati
          sulla schedina di gioco e' a carico  del  partecipante,  il
          quale deve segnalare immediatamente eventuali  difformita'.
          In caso  di  difformita',  il  partecipante  puo'  chiedere
          l'annullamento della ricevuta entro i  centottanta  secondi
          successivi   all'accettazione   della   giocata,    purche'
          l'accettazione del concorso sia ancora aperta. L'orario  di
          riferimento e' quello del totalizzatore nazionale. 
              3. In deroga a quanto stabilito dal comma 2,  non  sono
          annullabili le giocate per le quali sia stato  riscosso  un
          premio precedente di partecipazione e  quelle  a  caratura.
          Per le giocate a caratura e' tuttavia consentita,  in  caso
          di oggettivi inconvenienti tecnici del sistema di emissione
          della ricevuta e secondo modalita' stabilite  da  AAMS,  la
          ristampa   delle   cedole   di   caratura   accettate   dal
          totalizzatore e non emesse dal terminale di gioco. 
              Le ricevute delle giocate  annullate  sono  ritirate  e
          conservate dal concessionario per cinque anni.». 
              «Art. 6 (Conservazione  e  protezione  dei  dati  delle
          giocate).  -  1.  Ogni  singola  giocata   registrata   dal
          totalizzatore nazionale e' successivamente  archiviata  con
          modalita' che ne consentano  la  rilettura  ed  impediscano
          l'alterazione dei dati conservati. 
              2. Alla chiusura dell'accettazione, la  commissione  di
          controllo,   di   cui   all'art.   7,   sovrintende    alla
          registrazione  delle  giocate  accettate  su  supporto  non
          riscrivibile  e  verifica  il  montepremi  complessivo  del
          concorso. 
              3. I dati relativi al totale  delle  giocate,  al  loro
          importo complessivo  ed  i  supporti  contenenti  tutte  le
          giocate  accettate  nel  concorso  sono   consegnati   alla
          commissione di controllo. 
              4. AAMS provvede alla custodia dei dati e dei  supporti
          di cui al comma 3.». 
              «Art. 7 (Commissione di controllo). -1. La  commissione
          di controllo e' istituita da AAMS ed opera presso  la  sede
          dalla stessa indicata. 
              2. La commissione e' composta da due rappresentanti  di
          AAMS con qualifica  di  dirigente  di  cui  uno  svolge  le
          funzioni  di  presidente,  e  da  un  dipendente  di   AAMS
          appartenenti alla terza area, cui sono  affidate  anche  le
          funzioni di segretario. 
              3. Oltre  ai  membri  effettivi  sono  nominati  membri
          supplenti. 
              4.  La  commissione  di  controllo,  oltre  ai  compiti
          esplicitamente previsti dal presente  decreto,  decide  sui
          ricorsi  presentati  dai  partecipanti.  I  ricorsi  devono
          essere inviati per iscritto alla commissione di  controllo,
          tassativamente  entro  i  termini  di  decadenza   previsti
          dall'art. 17  accompagnati  dal  pagamento  di  euro  50,00
          (cinquanta/00) a titolo di rimborso spese e di  diritti  di
          segreteria. Le decisioni  della  commissione  di  controllo
          sono prese entro trenta giorni dalla data di ricezione  del
          ricorso e sono pubblicate sul  primo  Bollettino  ufficiale
          immediatamente successivo alla decisione. 
              5. E' fatta comunque salva l'esperibilita'  dell'azione
          innanzi all'autorita'  giudiziaria  ordinaria,  avverso  la
          decisione sul ricorso della commissione di controllo ovvero
          in mancanza di tale ricorso.». 
              «Art. 16 (Versamenti al concessionario per il pagamento
          delle vincite e  dei  rimborsi).  -  1.  Sulla  base  delle
          informazioni   ricevute   dal    totalizzatore    nazionale
          relativamente agli importi corrispondenti alle ricevute  di
          partecipazione vincenti  e/o  rimborsabili  verificate  dal
          singolo concessionario, sono effettuati i  versamenti,  sui
          conti   correnti   comunicati   ad   AAMS   dallo    stesso
          concessionario  all'inizio  dell'attivita'  oggetto   della
          concessione ed ad esso intestati, dell'importo  complessivo
          dei premi e/o dei rimborsi di cui agli articoli 14 e 15. Il
          concessionario provvede al versamento  dei  premi  e/o  dei
          rimborsi a ciascun avente diritto con le modalita' indicate
          dallo stesso, entro e non  oltre  i  termini  di  cui  agli
          articoli 14 e 15. 
              2. Le modalita' operative  di  gestione  degli  importi
          dovuti dal concessionario, la loro allocazione nel bilancio
          dell'Amministrazione  autonoma  dei  monopoli   di   Stato,
          nonche' le modalita' ed i tempi del  versamento  di  quanto
          dovuto agli aventi diritto, sono definiti con  decreto  del
          Ministero dell'economia e delle finanze  -  Amministrazione
          autonoma dei monopoli di Stato.» 
              «Art.  17  (Termini  di  decadenza).  -  1.  Ferma   la
          sussistenza  del  credito  maturato,  gli  aventi   diritto
          decadono dal diritto alla riscossione  dei  premi,  nonche'
          alla riscossione dei rimborsi, presso i punti di vendita  e
          gli sportelli nel caso in cui la verifica della ricevuta di
          partecipazione non sia effettuata, secondo le modalita'  di
          cui all'art. 11, nel termine di 90  giorni  dalla  data  di
          pubblicazione del  Bollettino  ufficiale  degli  esiti  dei
          concorsi. 
              2. Le vincite non riscosse ed i rimborsi non  richiesti
          entro il termine di cui al comma 1,  nonche'  i  resti  dei
          rimborsi delle  giocate  a  caratura,  sono  riportate  sul
          montepremi del concorso immediatamente successivo.». 
              «Art. 19 (Modalita' di indicazione dei  pronostici).  -
          1. La partecipazione al concorso pronostici  Totocalcio  si
          effettua, presso il punto  di  vendita,  contrassegnando  i
          risultati sulla  schedina  di  gioco  ovvero  con  la  loro
          digitazione diretta sui terminali di gioco, da parte  degli
          addetti  ai  terminali  e  su  dettatura   effettuata   dal
          partecipante, ovvero con le modalita' previste per il gioco
          a distanza. 
              2.  I  pronostici  sono  espressi  attraverso  i  segni
          convenzionali 1, X, 2: 
              a) nel caso di eventi relativi a partite di calcio  per
          i quali e' richiesto  il  pronostico  sull'esito  finale  o
          parziale della partita stessa, con il segno 1 si pronostica
          la vittoria della prima squadra indicata per  ogni  evento,
          con il segno 2 si  pronostica  la  vittoria  della  seconda
          squadra indicata per ogni  evento  e  con  il  segno  X  si
          pronostica il loro pareggio; 
              b) nel caso di eventi relativi a tutti gli sport per  i
          quali e' richiesto il pronostico sull'esito  conseguito  da
          singoli competitori o squadre, per ogni singolo  nome:  con
          il segno i si pronostica il piazzamento dal 1° al 3° posto;
          con il segno X il piazzamento dal 4° al 6°  posto;  con  il
          segno 2 si indica il piazzamento oltre al  6°  posto  o  la
          mancata classificazione del competitore o della squadra; 
              c) nel caso di eventi relativi a competizioni nazionali
          ed internazionali  di  calcio  o  di  altre  manifestazioni
          sportive suddivise in gironi,  batterie  o  gruppi,  per  i
          quali e' richiesto il pronostico  riguardo  il  piazzamento
          delle squadre: con il segno 1 si pronostica il  piazzamento
          al 1° posto; con il segno X si pronostica il piazzamento al
          2° posto; con il segno 2 si pronostica il  piazzamento  dal
          3° posto o la mancata  classificazione  delle  squadre  nei
          gironi, nelle  batterie  o  nei  gruppi  in  cui  risultano
          inserite; 
              d) nel caso di eventi relativi a partite  di  pallavolo
          per i quali e' richiesto il  pronostico  sull'esito  finale
          della partita: con il segno 1  si  pronostica  la  vittoria
          della prima squadra indicata per ogni evento  entro  il  4°
          set, con il segno 2 si pronostica la vittoria della seconda
          squadra indicata per ogni evento entro il 4° set e  con  il
          segno X si pronostica la vittoria di una delle due  squadre
          al 5° set; 
              e)  nel  caso  di  eventi   relativi   a   partite   di
          pallacanestro  per  i  quali  e'  richiesto  il  pronostico
          sull'esito  finale  della  partita:  con  il  segno  1   si
          pronostica la vittoria della  prima  squadra  indicata  per
          ogni evento entro i tempi regolamentari, con il segno 2  si
          pronostica la vittoria della seconda squadra  indicata  per
          ogni evento entro i tempi regolamentari e con il segno X si
          pronostica la vittoria di una delle due  squadre  ai  tempi
          supplementari; 
              e-bis) nel caso in cui il concorso  sia  imperniato  su
          competizioni olimpiche o su giochi mondiali,  continentali,
          di area europea o extraeuropea, gli  atleti  o  le  squadre
          nazionali, iscritti  per  la  partecipazione  a  discipline
          sportive  prescelte  dall'ente  gestore  e  indicate  nella
          scheda,  sono  suddivisi  in  tre  gruppi,  contraddistinti
          rispettivamente con i segni 1, X, 2.  Marcando  i  predetti
          segni convenzionali, riferiti a ciascuna  delle  discipline
          inserite nella scheda, il partecipante indica in quale  dei
          tre gruppi 1, X, 2 figurano inclusi gli atleti o le squadre
          che, in base ai risultati ufficiali conseguiti  al  termine
          delle competizioni stesse, risultano primi classificati  in
          ciascuna delle discipline elencate. 
              3.  Le  schedine  di  gioco  del  concorso   pronostici
          Totocalcio contengono: 
                a) i quattordici eventi prescelti per il concorso; 
              b) da due a otto colonne, costituite  ciascuna  da  tre
          caselle  per  ogni  evento,   contraddistinte   dai   segni
          convenzionali 1, X, 2. 
              4. AAMS stabilisce le caratteristiche delle schedine di
          gioco universali,  valide  per  ogni  concorso,  in  cui  i
          quattordici eventi sono indicati  con  un  numero  d'ordine
          progressivo da 1 a  14;  AAMS  pubblicizza,  attraverso  il
          bollettino ufficiale, i contenuti  specifici  del  concorso
          prima dell'apertura dello stesso. 
              5. Il partecipante esprime il proprio pronostico  sulle
          schedine di gioco contrassegnando, per ciascun  evento,  la
          casella del segno convenzionale 1, X, 2, corrispondente  al
          risultato pronosticato. 
              6. La giocata minima non  puo'  essere  inferiore  a  2
          colonne unitarie. La giocata massima relativa  al  concorso
          pronostici Totocalcio non puo' superare  le  8.192  colonne
          unitarie.». 
              «Art. 20 (Giocate sistemistiche ed a  caratura).  -  1.
          Per le giocate sistemistiche effettuate presso i  punti  di
          vendita, prima dell'emissione della ricevuta, il sistema e'
          sviluppato  automaticamente  dal  terminale  di  gioco;  il
          numero delle colonne unitarie derivanti  dallo  sviluppo  e
          l'importo complessivo sono comunicati al  partecipante;  la
          ricevuta e' emessa solo dopo il consenso  del  partecipante
          stesso; sulla ricevuta, oltre ai pronostici espressi,  sono
          riportati gli elementi previsti all'art. 21, comma 2. 
              2. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i
          canali di raccolta del gioco  a  distanza,  il  sistema  e'
          sviluppato automaticamente dal concessionario e  il  numero
          delle colonne unitarie derivanti dallo sviluppo e l'importo
          complessivo sono comunicati al partecipante;  la  convalida
          della  giocata  avviene   solo   dopo   il   consenso   del
          partecipante stesso. 
              3.  La  giocata  a  caratura  minima  non  puo'  essere
          inferiore  a  16  colonne  unitarie.  Per  ogni  giocata  a
          caratura accettata, il  terminale  di  gioco  emette  tante
          cedole di caratura quante sono  le  suddivisioni  stabilite
          all'atto della giocata. Il numero delle cedole di  caratura
          e' compreso tra un minimo di 2  e  un  massimo  di  99.  Il
          prezzo unitario di ciascuna cedola di caratura e'  pari  al
          valore   complessivo   della   giocata,   convalidata   dal
          totalizzatore nazionale, diviso per il numero totale  delle
          cedole di caratura. 
              4. La cedola di caratura, che costituisce  ricevuta  di
          partecipazione, contiene almeno i seguenti elementi: 
              a) denominazione del concessionario; 
              b) codice identificativo del punto  di  vendita  e  del
          terminale di gioco emittente; 
              c)  identificativo  o   logo   grafico   del   concorso
          Totocalcio; 
              d) numero del concorso, anno e  data  di  effettuazione
          del medesimo; 
              e) pronostici contenuti nella giocata; 
              f) numero delle colonne unitarie accettate; 
              g) identificativo  univoco  assegnato  alla  giocata  a
          caratura dal totalizzatore nazionale; 
              h) numero identificativo progressivo  della  cedola  di
          caratura e numero totale delle cedole emesse relative  alla
          giocata; 
              i) importo complessivo  della  giocata  a  caratura  ed
          importo della singola cedola di caratura;  l'importo  della
          cedola di caratura e'  arrotondato  al  centesimo  di  euro
          superiore; 
              j) data e ora, espressa in ore, minuti  e  secondi,  di
          accettazione della  giocata,  assegnata  dal  totalizzatore
          nazionale; 
              k)  eventuale  premio  precedente   di   partecipazione
          conseguito dalla giocata. 
              5. Ciascuna cedola di caratura, in originale ed integra
          in ogni sua  parte,  consente  la  riscossione,  in  quanto
          ricevuta di partecipazione, della  eventuale  quota  vinta,
          ricavata dal quoziente fra l'importo dei  premi  realizzati
          con l'intera giocata a caratura ed il numero  totale  delle
          cedole emesse, o del rimborso. 
              6.  Per  la  riscossione  del  premio   precedente   di
          partecipazione, eventualmente vinto, il terminale di  gioco
          emette ulteriore, specifica  ricevuta  da  riconsegnare  al
          punto di vendita ai fini del pagamento del premio stesso. 
              7.  Le  modalita'   di   partecipazione   al   concorso
          attraverso giocate a caratura  speciale  sono  disciplinate
          con successivo  provvedimento  del  direttore  generale  di
          AAMS. Le giocate a caratura speciale non  danno  diritto  a
          premi precedenti di partecipazione, in quanto la giocata e'
          effettuata direttamente dal concessionario.». 
              «Art.  25  (Calcolo  e  comunicazione  delle  quote  di
          vincita,   eventuale   mancanza   di   vincitori).   -   1.
          Dall'importo del montepremi del concorso  di  cui  all'art.
          24, comma 1, si deduco l'importo dei  premi  precedenti  di
          partecipazione, cosi' determinando la quota del  montepremi
          del concorso da destinare ai premi a punteggio. 
              2. L'importo da destinare, ai sensi  del  comma  1,  ai
          premi a punteggio e' determinato nel modo seguente: 
              a) il 40 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 1ª categoria, incrementato  dell'eventuale  jackpot,  di
          cui all'art. 24, comma 2; 
              b) il 30 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 2ª categoria; 
              c) il 30 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 3ª categoria. 
              3. Il quoziente tra il montepremi di una  categoria  ed
          il numero delle  colonne  unitarie  vincenti  della  stessa
          costituisce la quota unitaria di vincita della categoria. 
              4. In mancanza di  colonne  unitarie  vincenti  con  14
          punti, il montepremi di l a categoria determina il jackpot. 
              5. Nel caso in cui nel concorso di chiusura  definitiva
          del  concorso  pronostici  Totocalcio  non  si   registrino
          vincitori di 1ª categoria, il montepremi di 1ª categoria e'
          sommato  al  corrispondente  montepremi   della   categoria
          inferiore. 
              6. In mancanza  di  colonne  unitarie  vincenti  di  2ª
          categoria, il relativo montepremi, sommato a quello  di  3ª
          categoria, e' ripartito tra i vincitori di 3ª categoria. 
              7. In mancanza  di  colonne  unitarie  vincenti  di  3ª
          categoria, il relativo montepremi, sommato a quello  di  2ª
          categoria, e' ripartito tra i vincitori di 2ª categoria. 
              8. In mancanza di colonne unitarie vincenti di 2ª e  3ª
          categoria, la somma dei relativi montepremi e' ripartita in
          parti uguali tra le colonne unitarie che  hanno  realizzato
          il maggior punteggio. 
              9. Nel caso in cui la quota unitaria di vincita di  una
          categoria  inferiore  sia piu'  alta  di  quella   di   una
          categoria  superiore,  e'  calcolata  una  quota  unica  di
          vincita,  dividendo  la  somma  dei  montepremi  delle  due
          categorie con la somma del numero  delle  colonne  vincenti
          delle stesse. 
              10. Tutte le quote unitarie di vincita sono arrotondate
          all'euro per troncamento; i decimali risultanti determinano
          il resto. Le  quote  di  vincita  per  ciascuna  cedola  di
          caratura sono arrotondate al centesimo di euro inferiore. 
              11. Terminate le operazioni di calcolo delle quote,  la
          commissione  di  controllo  comunica  ad   AAMS,   per   la
          diffusione ufficiale, gli esiti del concorso e le  relative
          quote. 
              12. Qualora la commissione di controllo riscontri,  per
          qualsiasi motivo, l'impossibilita' di determinare le quote,
          l'intero montepremi e riportato sul concorso immediatamente
          successivo. 
              «Art. 26 (Oggetto del concorso pronostici "il 9"). - 1.
          I  primi  nove  pronostici  di  una  colonna  unitaria  del
          Totocalcio costituiscono l'oggetto del concorso "il 9", cui
          si  puo'  partecipare  solo  congiuntamente   al   concorso
          pronostici Totocalcio, mediante pagamento di una  specifica
          posta aggiuntiva. 
              2. Nel caso in cui AAMS distribuisca schedine di  gioco
          universali, valide per ogni concorso  Totocalcio,  i  primi
          nove  eventi  di  tali  schedine  di  gioco   costituiscono
          l'oggetto del concorso pronostici "il 9".». 
              «Art. 27 (Modalita' di indicazione  della  volonta'  di
          partecipazione al concorso).  -  1.  La  partecipazione  al
          concorso "il  9"  si  effettua  contrassegnando  l'apposito
          spazio predisposto per ogni colonna sulle schedine di gioco
          del concorso Totocalcio, oppure con digitazione diretta sul
          terminale di gioco dell'apposito simbolo,  da  parte  degli
          addetti  ai  terminali  e  su  dettatura   effettuata   dal
          partecipante oppure con le modalita' previste per il  gioco
          a distanza. 
              2. La partecipazione al concorso puo' essere  anche  di
          una sola colonna unitaria, purche' la giocata  al  concorso
          Totocalcio, cui essa e' collegata, sia almeno di 2  colonne
          unitarie.  La  giocata   massima   relativa   al   concorso
          pronostici "il  9"  non  puo'  superare  le  8.192  colonne
          unitarie.». 
              «Art. 28 (Giocate sistemistiche ed a caratura). - 1. La
          giocata  sistemistica  al  concorso  pronostici  "il9"   e'
          effettuata  utilizzando  esclusivamente  un   sistema   del
          concorso Totocalcio e si compone di tante colonne  unitarie
          quante ne  derivano  dallo  sviluppo  delle  sole  varianti
          inserite nei primi nove eventi del concorso. 
              2. Per le giocate effettuate presso i punti di vendita,
          prima  dell'emissione  della  ricevuta,   il   sistema   e'
          sviluppato automaticamente dal terminale di gioco anche per
          il concorso pronostici "il  9";  il  numero  delle  colonne
          unitarie derivanti dallo sviluppo e gli importi complessivi
          totali, per i concorsi pronostici "il 9" e Totocalcio, sono
          comunicati al partecipante e la  ricevuta  e'  emessa  solo
          dopo il consenso dello stesso;  sulla  ricevuta,  oltre  ai
          pronostici espressi, sono riportati gli  elementi  previsti
          dall'art. 21, comma 2. 
              3. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i
          canali di raccolta del gioco  a  distanza,  il  sistema  e'
          sviluppato automaticamente dal concessionario anche per  il
          concorso  pronostici  "il  9";  il  numero  delle   colonne
          unitarie derivanti dallo sviluppo e gli importi complessivi
          totali, per i concorsi pronostici "il 9" e Totocalcio, sono
          comunicati al  partecipante;  la  convalida  della  giocata
          avviene solo dopo il consenso del partecipante stesso. 
              4. La partecipazione al concorso effettuata  attraverso
          giocate a caratura, e' ammessa solo in quanto parte  di  un
          sistema relativo  al  concorso  pronostici  Totocalcio.  Le
          modalita' di effettuazione delle giocate a caratura  ed  il
          contenuto delle cedole  di  caratura  fanno  riferimento  a
          quanto stabilito dall'art. 20, commi 3, 4, 5 e 6. 
              5. Le cedole di caratura devono contenere,  oltre  alle
          informazioni  previste  dall'art.  20,   comma   4,   anche
          l'informazione concernente la  partecipazione  al  concorso
          pronostici "il 9". 
              6.  Le  modalita'   di   partecipazione   al   concorso
          attraverso giocate a caratura speciale sono  stabilite  con
          il decreto del direttore generale di AAMS di  cui  all'art.
          20, comma 7. Le  giocate  a  caratura  speciale  non  danno
          diritto a premi precedenti di partecipazione, in quanto  la
          giocata e' effettuata direttamente dal concessionario.». 
              «Art. 33 (Calcolo delle vincite e  comunicazione  delle
          quote di vincita, eventuale mancanza di  vincitori).  -  1.
          Dall'importo del montepremi del concorso  di  cui  all'art.
          32, comma 1, si deduce l'importo dei  premi  precedenti  di
          partecipazione, cosi' determinando la quota del  montepremi
          del concorso da destinare ai premi a punteggio. 
              2. Il montepremi da destinare ai premi a punteggio,  ai
          sensi del comma 1, ed incrementato  dell'eventuale  jackpot
          di cui all'art. 32, comma  2,  e'  assegnato  alle  colonne
          unitarie vincenti con 9 punti, corrispondenti  ai  primi  9
          pronostici della colonna vincente del concorso Totocalcio. 
              3. Il quoziente tra il montepremi della categoria unica
          ed il numero delle colonne unitarie  vincenti,  costituisce
          la quota unitaria di vincita. 
              4. In mancanza  di  colonne  unitarie  vincenti  con  9
          punti, il montepremi si  cumula  con  quello  del  concorso
          successivo, determinando la formazione del jackpot. 
              5. Nel caso in cui nel concorso di chiusura  definitiva
          del concorso pronostici "il9" non si aggiudica il  jackpot,
          l'importo relativo e' distribuito tra le  colonne  unitarie
          che hanno realizzato il maggior punteggio. 
              6. Tutte le quote unitarie di vincita sono  arrotondate
          all'euro per troncamento; i decimali rimanenti  determinano
          il resto. Le  quote  di  vincita  per  ciascuna  cedola  di
          caratura sono arrotondate al centesimo di euro inferiore. 
              7. Terminate le operazioni di calcolo delle  quote,  la
          commissione  di  controllo  comunica  ad   AAMS,   per   la
          diffusione ufficiale, gli esiti del concorso e le  relative
          quote. 
              8.  Nel  caso  in  cui  la  commissione  di   controllo
          riscontri,  per  qualsiasi  motivo,   l'impossibilita'   di
          determinare le quote, l'intero montepremi e' riportato  sul
          concorso immediatamente successivo.». 
              «Art. 35 (Modalita' di indicazione dei  pronostici).  -
          1. La partecipazione  al  concorso  pronostici  Totogol  si
          effettua, presso il punto  di  vendita,  contrassegnando  i
          pronostici sulla schedina  di  gioco  ovvero  con  la  loro
          digitazione diretta sui terminali di gioco, da parte  degli
          addetti  ai  terminali  e  su  dettatura   effettuata   dal
          partecipante ovvero con le modalita' previste per il  gioco
          a distanza. 
              2. Le schedine di gioco del concorso pronostici Totogol
          contengono: 
                a) l'elenco numerato dei 14 eventi prescelti  per  il
          concorso; 
              b)  due  o  piu'  pannelli,  costituiti   ciascuno   da
          quattordici  caselle  per  ognuna  delle  sette   posizioni
          d'ordine   pronosticabili,   riportanti   i   numeri    che
          contraddistinguono gli eventi in schedina. 
              3. Il partecipante esprime il proprio pronostico  sulle
          schedine di gioco  contrassegnando,  in  corrispondenza  di
          ciascuna posizione d'ordine, il numero che contraddistingue
          in schedina l'evento prescelto. Per  ciascuna  delle  sette
          posizioni  d'ordine  deve   essere   espresso   almeno   un
          pronostico. 
              4. La giocata minima non  puo'  essere  inferiore  a  2
          colonne unitarie. La giocata massima non puo'  superare  le
          16.384 colonne unitarie. 
              5. AAMS stabilisce le caratteristiche delle schedine di
          gioco universali,  valide  per  ogni  concorso,  in  cui  i
          quattordici eventi sono indicati  con  un  numero  d'ordine
          progressivo da 1 a  14;  AAMS  pubblicizza,  attraverso  il
          bollettino ufficiale, i contenuti  specifici  del  concorso
          prima dell'apertura dell'accettazione.». 
              «Art. 36 (Giocate sistemistiche ed a  caratura).  -  1.
          Per le giocate sistemistiche effettuate presso i  punti  di
          vendita, prima dell'emissione della ricevuta, il sistema e'
          sviluppato  automaticamente  dal  terminale  di  gioco;  il
          numero  delle  colonne  unitarie  valide  derivanti   dallo
          sviluppo  e  l'importo  complessivo  sono   comunicati   al
          partecipante; la ricevuta e' emessa solo dopo  il  consenso
          del  partecipante  stesso;   sulla   ricevuta,   oltre   ai
          pronostici espressi, sono riportati gli  elementi  previsti
          all'art. 37, comma 2. 
              2. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i
          canali di raccolta del gioco  a  distanza,  il  sistema  e'
          sviluppato automaticamente dal concessionario e  il  numero
          delle colonne unitarie valide derivanti  dallo  sviluppo  e
          l'importo complessivo sono comunicati al  partecipante;  la
          convalida della giocata avviene solo dopo il  consenso  del
          partecipante stesso. 
              3.  La  giocata  a  caratura  minima  non  puo'  essere
          inferiore a 16 colonne unitarie valide. Per ogni giocata  a
          caratura accettata, il  terminale  di  gioco  emette  tante
          cedole di caratura quante sono  le  suddivisioni  stabilite
          all'atto della giocata. Il numero totale  delle  cedole  di
          caratura e' compreso tra un minimo di 2 ed  un  massimo  di
          99. Il prezzo unitario di ciascuna cedola  di  caratura  e'
          pari al valore complessivo della giocata,  convalidata  dal
          totalizzatore nazionale, diviso per il numero totale  delle
          cedole di caratura. 
              4. La cedola di caratura, che costituisce  ricevuta  di
          partecipazione, contiene almeno i seguenti elementi: 
                a) denominazione del concessionario; 
              b) codice identificativo del punto  di  vendita  e  del
          terminale di gioco emittente; 
              c) identificativo o logo grafico del concorso Totogol; 
              d) numero del concorso, anno e  data  di  effettuazione
          del medesimo; 
              e) pronostici contenuti nella giocata; 
              f) numero delle colonne unitarie accettate; 
              g) identificativo  univoco  assegnato  alla  giocata  a
          caratura dal totalizzatore nazionale; 
              h) numero identificativo progressivo  della  cedola  di
          caratura e numero totale delle cedole emesse relative  alla
          giocata; 
              i) importo complessivo  della  giocata  a  caratura  ed
          importo della singola cedola di caratura;  l'importo  della
          cedola di caratura e'  arrotondato  al  centesimo  di  euro
          superiore; 
              j) data e ora, espressa in ore, minuti  e  secondi,  di
          accettazione della  giocata,  assegnata  dal  totalizzatore
          nazionale; 
              k)  eventuale  premio  precedente  di   partecipazione,
          conseguito dalla giocata. 
              5. Ciascuna cedola di caratura, in originale ed integra
          in ogni sua  parte,  consente  la  riscossione,  in  quanto
          ricevuta di  partecipazione,  dell'eventuale  quota  vinta,
          ricavata dal quoziente tra l'importo dei  premi  realizzati
          con l'intera giocata a caratura ed il numero  totale  delle
          cedole emesse, o del rimborso. 
              6.  Per  la  riscossione  del  premio   precedente   di
          partecipazione, eventualmente vinto, il terminale di  gioco
          emette ulteriore, specifica  ricevuta  da  riconsegnare  al
          punto di vendita ai fini del pagamento del premio stesso. 
              7.  Le  modalita'   di   partecipazione   al   concorso
          attraverso giocate a caratura  speciale  sono  disciplinate
          con il provvedimento del direttore generale di AAMS, di cui
          all'art. 20, comma 7. Le giocate a  caratura  speciale  non
          danno diritto a  premi  precedenti  di  partecipazione,  in
          quanto  la   giocata   e'   effettuata   direttamente   dal
          concessionario.». 
              «Art. 38 (Tipologia  dei  premi  del  concorso  e  loro
          assegnazione).  -  1.  Il  concorso  Totogol  assegna   due
          tipologie di premio, cumulabili tra loro: premi  precedenti
          di partecipazione e premi a punteggio. 
              2. I premi precedenti di partecipazione sono  assegnati
          subito dopo l'accettazione della giocata, senza alcun onere
          aggiuntivo al costo della  stessa,  alle  colonne  unitarie
          accettate ai fini  del  concorso  pronostici  Totogol  alle
          quali il  totalizzatore  nazionale  attribuisce  il  numero
          progressivo 15.000 ed ogni suo multiplo  intero,  iniziando
          dalla prima  combinazione  unitaria  accettata  di  ciascun
          concorso. L'importo di ogni singolo  premio  e'  di  100,00
          euro. 
              3. I premi a punteggio sono assegnati  sulla  base  dei
          punti  conseguiti  in  ciascuna  colonna  unitaria   valida
          giocata dal partecipante. In ciascuna colonna  unitaria  si
          consegue  un  punto  per  ogni  evento  per  cui  e'  stata
          esattamente  pronosticata  la   posizione   d'ordine   come
          determinata dalla colonna unitaria vincente. 
              4. Sono previste 4 categorie di vincita: 
              a) 1ª categoria, per le colonne unitarie con 7 punti; 
              b) 2ª categoria, per le colonne unitarie con 6 punti; 
              c) 3ª categoria, per le colonne unitarie con 5 punti; 
              d) 4ª categoria, per le colonne unitarie con 4 punti.». 
              «Art. 40 (Composizione del montepremi da ripartire  tra
          i vincitori). - 1. Il montepremi  del  concorso  pronostici
          Totogol, da ripartire tra i vincitori, e' costituito  dalla
          somma: 
                a)  della  percentuale  dell'intero  ammontare  delle
          poste giocate per il concorso, di cui all'art. 5, comma  1,
          lettera b); 
                b) dei resti del concorso precedente; 
                c) di una  quota  ulteriore,  definita  da  specifici
          provvedimenti del direttore generale di AAMS antecedenti ai
          singoli concorsi, degli eventuali finanziamenti provenienti
          dagli sponsor; 
                d) dei premi e dei  rimborsi  non  riscossi,  di  cui
          all'art. 17. 
              2. Il montepremi del concorso di  cui  al  comma  1  e'
          incrementato, ai fini della determinazione  del  montepremi
          complessivo, dell'eventuale jackpot.». 
              «Art.  42  (Calcolo  e  comunicazione  delle  quote  di
          vincita,   eventuale   mancanza   di   vincitori).   -   1.
          Dall'importo del montepremi del  concorso di  cui  all'art.
          40, comma 1, si deduce l'importo dei  premi  precedenti  di
          partecipazione cosi' determinando la quota  del  montepremi
          del concorso da destinare ai premi a punteggio. 
              2. L'importo da destinare, ai sensi  del  comma  1,  ai
          premi a punteggio del concorso Totogol e'  determinato  nel
          modo seguente: 
              a) il 20 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 1ª categoria piu' l'eventuale jackpot, di  cui  all'art.
          40, comma 2; 
              b) il 25 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 2ª categoria; 
              c) il 25 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 3ª categoria; 
              d) il 30 per cento  del  montepremi  del  concorso,  da
          destinare ai premi a punteggio, e' assegnato  alle  vincite
          di 4ª categoria. 
              3. Il quoziente tra il montepremi di una  categoria  ed
          il numero delle  colonne  unitarie  vincenti  della  stessa
          costituisce la quota unitaria di vincita della categoria. 
              4. In mancanza di colonne unitarie vincenti  di  una  o
          piu' categorie, la somma dei relativi montepremi  determina
          il jackpot. 
              5. Nel caso in cui nel concorso di chiusura  definitiva
          del concorso pronostici Totogol non si registrino vincitori
          per uno o piu' categorie di vincita, il relativo montepremi
          e' ripartito in parti uguali tra le  colonne  unitarie  che
          hanno realizzato il maggior punteggio. 
              6. ... (abrogato). 
              7. ... (abrogato). 
              8. ... (abrogato). 
              9. ... (abrogato). 
              9-bis. ... (abrogato). 
              9-ter. ... (abrogato). 
              9-quater. ... (abrogato). 
              9-quinquies. ... (abrogato). 
              10. ... (abrogato). 
              11. Nel caso in cui la quota unitaria di vincita di una
          categoria  inferiore  sia  piu'  alta  di  quella  di   una
          categoria  superiore,  e'  calcolata  una  quota  unica  di
          vincita,  dividendo  la  somma  dei  montepremi  delle  due
          categorie con la somma del numero  delle  colonne  vincenti
          delle stesse categorie. 
              12. Tutte le quote unitarie di vincita sono arrotondate
          all'euro per troncamento; i decimali risultanti determinano
          il resto. Le  quote  di  vincita  per  ciascuna  cedola  di
          caratura sono arrotondate al centesimo di euro inferiore. 
              13. Terminate le operazioni di calcolo delle quote,  la
          commissione  di  controllo  comunica  ad   AAMS,   per   la
          diffusione ufficiale, gli esiti del concorso e le  relative
          quote. 
              14.  Nel  caso  in  cui  la  commissione  di  controllo
          riscontri,  per  qualsiasi  motivo,   l'impossibilita'   di
          determinare le quote, l'intero montepremi e' riportato  sul
          concorso immediatamente successivo.». 
              «Art. 42-ter (Modalita' di indicazione  della  volonta'
          di partecipazione al concorso). - 1. La  partecipazione  al
          concorso  "+Gol"  si  effettua  contrassegnando  l'apposito
          spazio predisposto per  ogni  pannello  sulle  schedine  di
          gioco del concorso Totogol, oppure con digitazione  diretta
          sul terminale di  gioco  dell'apposito  simbolo,  da  parte
          degli addetti ai terminali e su  dettatura  effettuata  dal
          partecipante, oppure con le modalita' previste per il gioco
          a distanza. 
              2. La partecipazione al concorso puo' essere  anche  di
          una sola colonna unitaria, purche' la giocata  al  concorso
          Totogol, cui essa e' collegata, sia  almeno  di  2  colonne
          unitarie.  La  giocata   massima   relativa   al   concorso
          pronostici  "+Gol"  non  puo'  superare  le  8.192  colonne
          unitarie.». 
              «Art. 42-quater (Giocate sistemistiche ed a  caratura).
          - 1. La giocata sistemistica al concorso pronostici  "+Gol"
          e' effettuata utilizzando  esclusivamente  un  sistema  del
          concorso Totogol e si compone delle colonne unitarie valide
          per il concorso Totogol che  risultano  diverse  nei  primi
          quattro pronostici. 
              2. Per le giocate effettuate presso i punti di vendita,
          prima  dell'emissione  della  ricevuta,   il   sistema   e'
          sviluppato automaticamente dal terminale di gioco anche per
          il concorso pronostici  "+Gol";  il  numero  delle  colonne
          unitarie derivanti dallo sviluppo e gli importi complessivi
          totali, per i concorsi pronostici "+Gol"  e  Totogol,  sono
          comunicati al partecipante e la  ricevuta  e'  emessa  solo
          dopo il consenso dello stesso;  sulla  ricevuta,  oltre  ai
          pronostici espressi, sono riportati gli  elementi  previsti
          dall'art. 37, comma 2. 
              3. Per le giocate sistemistiche effettuate attraverso i
          canali di raccolta del gioco a  distanza,-  il  sistema  e'
          sviluppato automaticamente dal concessionario anche per  il
          concorso  pronostici  "+Gol";  il  numero   delle   colonne
          unitarie derivanti dallo sviluppo e gli importi complessivi
          totali, per i concorsi pronostici "+Gol"  e  Totogol,  sono
          comunicati al  partecipante;  la  convalida  della  giocata
          avviene solo dopo il consenso del partecipante stesso. 
              4. La partecipazione al concorso effettuata  attraverso
          giocate a caratura, e' ammessa solo in quanto parte  di  un
          sistema  relativo  al  concorso  pronostici   Totogol.   Le
          modalita' di effettuazione delle giocate a caratura  ed  il
          contenuto delle cedole  di  caratura  fanno  riferimento  a
          quanto stabilito dall'art. 36. 
              5. Le cedole di caratura devono contenere,  oltre  alle
          informazioni  previste  dall'art.  36,   comma   4,   anche
          l'informazione concernente la  partecipazione  al  concorso
          pronostici "+Gol". 
              6.  Le  modalita'   di   partecipazione   al   concorso
          attraverso giocate a caratura speciale sono  stabilite  con
          il decreto del direttore generale di AAMS di  cui  all'art.
          20, comma 7. Le  giocate  a  caratura  speciale  non  danno
          diritto a premi precedenti di partecipazione, in quanto  la
          giocata e' effettuata direttamente dal concessionario.». 
              «Art. 42-sexies (Tipologia e assegnazione dei premi del
          concorso). - 1. Il concorso "+Gol" assegna due tipologie di
          premio,  cumulabili   tra   loro:   premi   precedenti   di
          partecipazione e premi a punteggio. 
              2. I premi precedenti di partecipazione sono  assegnati
          subito dopo l'accettazione della giocata, senza alcun onere
          aggiuntivo al costo della  stessa,  alle  colonne  unitarie
          accettate ai fini  del  concorso  pronostici  "+Gol",  alle
          quali il  totalizzatore  nazionale  attribuisce  il  numero
          progressivo 15.000 ed ogni suo multiplo  intero,  iniziando
          dalla prima colonna unitaria accettata di ciascun concorso.
          L'importo di ogni singolo premio e' di 100,00 euro. 
              3. I premi a punteggio sono assegnati  sulla  base  dei
          punti  conseguiti  in  ciascuna  colonna  unitaria   valida
          giocata dal partecipante. In ciascuna colonna  unitaria  si
          consegue  un  punto  per  ogni  evento  per  cui  e'  stata
          esattamente pronosticata la posizione d'ordine. I  premi  a
          punteggio sono assegnati alle colonne  unitarie  che  hanno
          realizzato quattro punti, corrispondenti ai  primi  quattro
          pronostici della colonna vincente del concorso Totogol.» 
              «Art. 42-novies (Calcolo delle vincite e  comunicazione
          delle quote di vincita, eventuale mancanza di vincitori). -
          1. Dall'importo del montepremi del concorso di cui all'art.
          42-octies,  comma  1,  si  deduce   l'importo   dei   premi
          precedenti di partecipazione, cosi' determinando  la  quota
          del  montepremi  del  concorso  da  destinare  ai  premi  a
          punteggio. 
              2. Il montepremi da destinare ai premi a punteggio,  ai
          sensi del comma 1, ed incrementato  dell'eventuale  jackpot
          di cui all'art.  42-octies,  comma  2,  e'  assegnato  alle
          colonne unitarie vincenti con 4 punti. 
              3. Il quoziente tra il montepremi della categoria unica
          ed il numero delle colonne unitarie  vincenti,  costituisce
          la quota unitaria di vincita. 
              4. In mancanza  di  colonne  unitarie  vincenti  con  4
          punti, il montepremi si  cumula  con  quello  del  concorso
          successivo, determinando la formazione del jackpot. 
              5. Nel caso in cui nel concorso di chiusura  definitiva
          del concorso pronostici "+Gol" non si aggiudica il jackpot,
          l'importo relativo e' distribuito tra le  colonne  unitarie
          che hanno realizzato il maggior punteggio. 
              6. Tutte le quote unitarie di vincita sono  arrotondate
          all'euro per troncamento; i decimali rimanenti  determinano
          il resto. Le  quote  di  vincita  per  ciascuna  cedola  di
          caratura sono arrotondate al centesimo di euro inferiore. 
              7. Terminate le operazioni di calcolo delle  quote,  la
          commissione  di  controllo  comunica  ad   AAMS,   per   la
          diffusione ufficiale, gli esiti del concorso e le  relative
          quote. 
              8.  Nel  caso  in  cui  la  commissione  di   controllo
          riscontri,  per  qualsiasi  motivo,   l'impossibilita'   di
          determinare le quote, l'intero montepremi e' riportato  sul
          concorso immediatamente successivo.».