DECRETO-LEGGE 18 novembre 1966, n. 976

Ulteriori interventi e provvidenze per la ricostruzione e per la ripresa economica nei territori colpiti dalle alluvioni e mareggiate dell'autunno 1966.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 23 dicembre 1966, n. 1142 (in G.U. 30/12/1966, n.328).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
Testo in vigore dal: 2-6-1976
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 43.

  I  mutui  concessi  ai  sensi  del  presente decreto possono essere
impiegati  in  tutto  o  in  parte  per  la  estinzione di passivita'
derivanti  da  mutui  in essere alla data dell'evento calamitoso, con
scadenza  nel 1966 e nel 1967, sempre che risulti che tali mutui sono
stati  contratti  per  finalita'  aziendali.  (8) (10a)(11) (12) (13)
((13b))
--------------
AGGIORNAMENTO (8)
  Il  D.L.  18  dicembre  1968, n. 1233, convertito con modificazioni
dalla  L. 12 febbraio 1969, n. 7 ha disposto (con l'art. 22, comma 4)
che  "Limitatamente  alle  imprese  di  cui  al  presente articolo le
scadenze  indicate all'art. 43 del decreto-legge 18 novembre 1966, n.
976,  sono  sostituite dalle scadenze relative agli anni 1968, 1969 e
1970".
  Il  medesimo decreto-legge ha disposto (con l'art. 25, comma 5) che
"Limitatamente  alle imprese di cui al presente articolo, le scadenze
indicate  all'articolo 43 del decreto-legge 18 novembre 1966, n. 976,
convertito  con  modificazioni nella legge 23 dicembre 1966, n. 1142,
sono  sostituite dalle scadenze relative agli anni 1968, 1969, 1970 e
1971".
-----------------
AGGIORNAMENTO (10a)
  Il  D.L.  6  ottobre  1972,  n. 552, convertito, con modificazioni,
dalla L. 2 dicembre 1972, n. 734 ha disposto (con l'art. 31, comma 5)
che  "Le  scadenze  indicate  all'articolo  43  del  decreto-legge 18
novembre  1966, n. 976, convertito, con modificazioni, nella legge 23
dicembre  1966, n. 1142, sono sostituite dalle scadenze relative agli
anni 1972, 1973 e 1974".
---------------
AGGIORNAMENTO (11)
  Il D.L. 16 marzo 1973, n. 31, convertito con modificazioni dalla L.
17  maggio  1973, n. 205 ha disposto (con l'art. 24, comma 3) che "Le
scadenze indicate nell'art. 43 del decreto-legge 18 novembre 1966, n.
976,  convertito, con modificazioni, nella legge 23 dicembre 1966, n.
1142,  sono sostituite dalle scadenze relative agli anni 1973, 1974 e
1975".
---------------
AGGIORNAMENTO (12)
  Il  D.L.  22 gennaio 1973, n. 2, convertito con modificazioni dalla
L.  23 marzo 1973, n. 36 ha disposto (con l'art. 19, comma 4) che "Le
scadenze indicate nell'art. 43 del decreto-legge 18 novembre 1966, n.
976,  convertito, con modificazioni, nella legge 23 dicembre 1966, n.
1142,  sono sostituite dalle scadenze relative agli anni 1973, 1974 e
1975".
--------------
AGGIORNAMENTO (13)
  Il.  D.L.  21  settembre  1973, n. 564 convertito con modificazioni
dalla L. 8 novembre 1973, n. 731 ha disposto (con l'art. 19, comma 4)
che  "Le scadenze indicate nell'art. 43 del decreto-legge 18 novembre
1966,  n. 976, convertito, con modificazioni, nella legge 23 dicembre
1966,  n.  1142,  sono  sostituite  dalle scadenze relative agli anni
1973, 1974 e 1975".
-----------------
AGGIORNAMENTO (13b)
  Il  D.L.  13  maggio  1976,  n. 227, convertito, con modificazioni,
dalla  L. 29 maggio 1976, n. 336 ha disposto (con l'art. 2-bis, comma
5)  che  "Limitatamente  alle imprese di cui al presente articolo, le
scadenze  indicate  dall'articolo  43  del  decreto-legge 18 novembre
1966,  n.  976,  convertito con modificazioni nella legge 23 dicembre
1966,  n.  1142,  sono  sostituite  dalle scadenze relative agli anni
1976, 1977 e 1978".