LEGGE 30 novembre 2000, n. 356

Disposizioni riguardanti il personale delle Forze armate e delle Forze di polizia.

note: Entrata in vigore della legge: 19-12-2000 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/07/2003)
Testo in vigore dal: 19-12-2000
attiva riferimenti normativi
                               Art. 6
                   Assunzione di ausiliari di leva
                 nel Corpo di polizia penitenziaria

  1.  Al  fine  di  consentire  l'apertura di nuovi istituti per fare
fronte al costante aumento della popolazione detenuta e per garantire
la  sicurezza  delle  strutture  penitenziarie  oltreche' il corretto
espletamento  del  servizio  delle  traduzioni  dei  detenuti e degli
internati, e' autorizzata, per l'anno 2001, l'assunzione nel Corpo di
polizia  penitenziaria,  a tempo determinato e per il solo periodo di
ferma  obbligatoria,  di  un  contingente di ausiliari di leva di 800
unita',  in  sovrannumero rispetto alle dotazioni organiche dei ruoli
della Polizia penitenziaria di cui alla tabella A allegata al decreto
legislativo  30 ottobre 1992, n. 443, come da ultimo sostituita dalla
tabella F allegata al decreto legislativo 21 maggio 2000, n. 146.
  2.  E'  fatta salva la previsione di cui all'articolo 1, comma 105,
della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
  3.  Gli  agenti ausiliari assunti ai sensi del comma 1 sono adibiti
esclusivamente  alla  vigilanza  esterna  degli  istituti  e  servizi
dell'Amministrazione  penitenziaria.  Ai medesimi non si applicano le
disposizioni  di cui all'articolo 5, comma 7, del decreto legislativo
30 ottobre 1992, n. 443, salva la previsione per la quale il servizio
prestato  e' sostitutivo a tutti gli effetti del servizio militare di
leva.
  4.  In deroga alle disposizioni recate dagli articoli 107, commi 3,
4  e  5,  e  108,  commi 3, 4 e 5, del decreto legislativo 30 ottobre
1992,   n.   443,  gli  accertamenti  dei  requisiti  psicofisici  ed
attitudinali  dinanzi alle commissioni di prima istanza si concludono
con il giudizio definitivo di idoneita' o non idoneita'.
  5.    Con    provvedimento    motivato   del   direttore   generale
dell'Amministrazione    penitenziaria    e'   disposta   l'esclusione
dall'assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria.
  6.  Il  corso di formazione degli agenti ausiliari assunti ai sensi
del  comma  1,  da  effettuare  presso le scuole dell'Amministrazione
penitenziaria, ha la durata di tre mesi.
  7.  All'onere  derivante  dall'attuazione  del  presente  articolo,
valutato  in lire 7.702 milioni per l'anno 2001, si provvede mediante
utilizzo  della  proiezione  per  il medesimo anno dello stanziamento
iscritto,  ai  fini  del  bilancio  triennale  2000-2002, nell'ambito
dell'unita'  previsionale  di base di parte corrente "Fondo speciale"
dello  stato  di  previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e
della   programmazione   economica   per   l'anno  2000,  allo  scopo
parzialmente utilizzando quanto a lire 4.944 milioni l'accantonamento
relativo   al   Ministero   medesimo,   quanto  a  lire  867  milioni
l'accantonamento  relativo al Ministero delle finanze e quanto a lire
1.891  milioni l'accantonamento relativo al Ministero dei trasporti e
della navigazione.
          Note all'art. 6:
              - Si   riporta   la   tabella  A  allegata  al  decreto
          legislativo  30  ottobre  1992,  n.  443  (Ordinamento  del
          personale  del  Corpo  di  polizia  penitenziaria,  a norma
          dell'art.  14,  comma  1,  della legge 15 dicembre 1990, n.
          395),  cosi' modificata dalla tabella F allegata al decreto
          legislativo  21  maggio  2000,  n.  146  (Adeguamento delle
          strutture    e    degli    organici    dell'Amministrazione
          penitenziaria  e  dell'Ufficio  centrale  per  la giustizia
          minorile, nonche' istituzione dei ruoli direttivi ordinario
          e  speciale  del  Corpo  di  polizia penitenziaria, a norma
          dell'art. 12 della legge 28 luglio 1999, n. 266):
                                                           "Tabella A
                                      (prevista dall'art. 1, comma 3)
                   CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA
                 |                 |Dotazione organica|     |
---------------------------------------------------------------------
Ruolo            |Qualifiche       |Uomini            |Donne|Totale
---------------------------------------------------------------------
                 |Ispettori        |                  |     |
Ispettori        |superiori        |590               |50   |640
---------------------------------------------------------------------
                 |Ispettori capo   |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
                 |Ispettori        |3.428             |290  |3.718
---------------------------------------------------------------------
                 |Vice ispettori   |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
                 |Sovrintendenti   |                  |     |
Sovrintendenti   |capo             |4.140             |360  |4.500
---------------------------------------------------------------------
                 |Sovrintendenti   |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
                 |Vice             |                  |     |
                 |sovrintendenti   |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
Agenti e         |                 |                  |     |
assistenti       |Assistenti capo  |32.068            |3.480|35.548
---------------------------------------------------------------------
                 |Assistenti       |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
                 |Agenti scelti    |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
                 |Agenti ed agenti |                  |     |
                 |ausiliari        |                  |     |
---------------------------------------------------------------------
Totale . . .     |                 |40.226            |4.180|44.406".
              - Si  riporta  il testo del comma 105 dell'art. 1 della
          legge   23 dicembre  1996,  n.  662,  recante:  "Misure  di
          razionalizzazione della finanza pubblica":
              "105.  Per i coscritti che intendono svolgere a domanda
          il  servizio  obbligatorio di leva in qualita' di ufficiale
          di complemento ovvero di ausiliario di leva la durata della
          ferma e' rispettivamente di 14 mesi e di 12 mesi.".
              - Si  riporta il comma 7 dell'art. 5 della citata legge
          n. 443/1992:
              "7. In deroga a quanto previsto dal comma 5 dell'art. 6
          della  legge  24  dicembre  1986,  n.  958,  continuano  ad
          applicarsi  le  disposizioni  di cui al comma 4 dell'art. 1
          della legge 7 giugno 1975, n. 198. Il servizio prestato nel
          Corpo  di  polizia  penitenziaria  dal personale assunto ai
          sensi  della  legge 7 giugno 1975, n. 198, e' sostitutivo a
          tutti  gli  effetti  del  servizio  militare  di  leva. Nei
          confronti  del  citato personale non si applica il disposto
          di  cui  al  primo  comma  dell'art. 2 della legge 7 giugno
          1975,   n.   198.   Il   predetto  personale  all'atto  del
          collocamento  in  congedo,  qualora  ne faccia richiesta ed
          abbia  prestato  lodevole  servizio, puo' essere trattenuto
          per un altro anno con la qualifica di agente ausiliario. Al
          termine   del   secondo   anno   di  servizio,  l'anzidetto
          personale,  qualora  ne  faccia richiesta ed abbia prestato
          lodevole  servizio,  puo'  essere  immesso  nel ruolo degli
          agenti del Corpo di polizia penitenziaria, previa frequenza
          del  corso  di cui al comma 2 dell'art. 6, durante il quale
          e'  sottoposto  a  selezione  attitudinale  per l'eventuale
          assegnazione   a   servizi   che   richiedono   particolare
          qualificazione".
              - Si  riporta il testo dei commi 3, 4 e 5 dell'art. 107
          del citato decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443:
              "3. Avverso  al giudizio di non idoneita', il candidato
          puo'  proporre  ricorso, nel termine di trenta giorni dalla
          data della notifica.
              4.   Il   nuovo   accertamento  e'  effettuato  da  una
          commissione  medica  di  seconda  istanza  presieduta da un
          dirigente medico superiore e da due dirigenti medici.
              5. Il giudizio di idoneita' o di non idoneita' espresso
          dalla commissione medica di seconda istanza e' definitivo e
          comporta,  in  caso  di  non  idoneita',  l'esclusione  dal
          concorso  che  viene  disposta  con  decreto  motivato  dal
          Ministro di grazia e giustizia.".
              - Si  riporta il testo dei commi 3, 4 e 5 dell'art. 108
          del citato decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443:
              "3.  Avverso al giudizio di non idoneita', il candidato
          puo'  proporre  ricorso, nel termine di trenta giorni dalla
          data della notifica.
              4.   Il   nuovo   accertamento  e'  effettuato  da  una
          commissione  medica  di  seconda  istanza  presieduta da un
          dirigente medico superiore e da due primi dirigenti.
              5.  Il  giudizio  di  idoneita'  o  di  non  idoneita',
          riportato   in   sede   di   accertamento   delle  qualita'
          attitudinali  dalla  commissione  di  seconda  istanza,  e'
          definitivo   e   comporta,   in   caso  di  non  idoneita',
          l'esclusione  dal  concorso  che viene disposta con decreto
          motivato del Ministro di grazia e giustizia.".