DECRETO-LEGGE 2 ottobre 1981, n. 546

Disposizione in materia di imposte di bollo e sugli atti e formalita' relativi ai trasferimenti degli autoveicoli, di regime fiscale delle cambiali accettate da aziende e istituti di credito nonche' di adeguamento della misura dei canoni demaniali.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 01 dicembre 1981, n. 692 (in G.U. 02/12/1981, n.331).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/08/1998)
Testo in vigore dal: 18-8-1998
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 14.

  I  canoni  previsti  nel  secondo  comma dell'art. 4 della legge 21
dicembre 1961, n. 1501 sono aumentati di otto volte. ((7))
  I canoni annui, previsti negli articoli 7 e 25 del regio decreto 29
luglio  1927, n. 1443, per i permessi di ricerca e per le concessioni
minerarie  sono  fissati, rispettivamente, in L. 1.280 ed in L. 3.200
per  ogni  ettaro  o  frazione di ettaro di superficie in terraferma,
nonche'  in L. 10 ed in L. 40 per ogni ettaro o frazione di ettaro di
superficie   marina   del   mare  territoriale  o  della  piattaforma
continentale.
  L'importo  annuo  dei  canoni  di  cui al precedente comma non puo'
essere inferiore rispettivamente a L. 10.000 ed a L. 50.000.
---------------
AGGIORNAMENTO (7)
  Il  D.M.  2  marzo  1998,  n.  258 ha disposto (con l'art. 7) che a
decorrere  dal  1  gennaio  1990 sono sestuplicati i canoni di cui al
comma  1 dell'articolo 14 del D.L. 2 ottobre 1981, n. 546, convertito
dalla L. 1 dicembre 1981, n. 692.