LEGGE 27 dicembre 2002, n. 289

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003).

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-2003 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/12/2022)
Testo in vigore dal: 31-7-2010
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 36
          (Indennita' e compensi rivalutabili in relazione
                alla variazione del costo della vita)

  1.  Le  disposizioni dell'articolo 7, comma 5, del decreto-legge 19
settembre 1992, n. 384, convertito, con modificazioni, dalla legge 14
novembre  1992, n. 438, come confermate e modificate dall'articolo 1,
commi  66  e  67,  della  legge 23 dicembre 1996, n. 662, e da ultimo
dall'articolo  22  della  legge  23  dicembre  1999,  n.  488, per le
amministrazioni  di  cui agli articoli 1, comma 2, e 70, comma 4, del
decreto   legislativo   30   marzo   2001,   n.   165,  e  successive
modificazioni,  contenenti  il divieto di procedere all'aggiornamento
delle  indennita', dei compensi, delle gratifiche, degli emolumenti e
dei   rimborsi   spesa  soggetti  ad  incremento  in  relazione  alla
variazione  del  costo della vita, continuano ad applicarsi anche nel
triennio  2003-2005.  Tale  divieto si applica anche agli emolumenti,
indennita', compensi e rimborsi spese erogati, anche ad estranei, per
l'espletamento   di   particolari  incarichi  e  per  l'esercizio  di
specifiche  funzioni  per  i  quali e' comunque previsto il periodico
aggiornamento  dei  relativi  importi  nonche', fino alla stipula del
contratto  annuale  di  formazione e lavoro previsto dall'articolo 37
del  decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, alle borse di studio
corrisposte  ai  medici  in  formazione  specialistica  ai  sensi del
decreto  legislativo 8 agosto 1991, n. 257, il cui ammontare a carico
del   Fondo   sanitario  nazionale  rimane  consolidato  nell'importo
previsto dall'articolo 32, comma 12, della legge 27 dicembre 1997, n.
449, e successive modificazioni.
  2.  Le  disposizioni  di  cui  al  comma  1 si applicano anche alle
amministrazioni  di  cui  ai decreti legislativi 12 febbraio 1993, n.
39, 21 aprile 1993, n. 124, ed alle leggi 10 ottobre 1990, n. 287, 31
luglio  1997,  n. 249, 14 novembre 1995, n. 481, 11 febbraio 1994, n.
109, 12 giugno 1990, n. 146, 31 dicembre 1996, n. 675, 4 giugno 1985,
n.  281,  e  12 agosto 1982, n. 576, e successive modificazioni. (11)
(35) (51) ((57))
---------------
AGGIORNAMENTO (11)
  La L. 24 dicembre 2003, n. 350 ha disposto (con l'art. 3, comma 73)
che  le norme ivi richiamate si interpretano nel senso che il divieto
di  procedere all'aggiornamento delle indennita', dei compensi, delle
gratifiche,  degli  emolumenti  e dei rimborsi spesa si applica anche
alle  misure  dell'assegno  di  confine di cui alla legge 28 dicembre
1989, n. 425, e successive modificazioni.
-------------
AGGIORNAMENTO (35)
  La  L.  23  dicembre 2005, n. 266, ha disposto (con l'art. 1, comma
212)  che  il presente articolo cosi' come interpretato dall'articolo
3,  comma  73,  della  legge  24  dicembre  2003, n. 350, continua ad
applicarsi anche nel triennio 2006-2008.
---------------
AGGIORNAMENTO (51)
  Il  D.L.  30  dicembre  2008,  n. 207, convertito con modificazioni
dalla  L.  27 febbraio 2009, n. 14, ha disposto (con l'art. 41, comma
7)   che  le  disposizioni  del  presente  articolo  36,  cosi'  come
interpretate dall'articolo 3, comma 73, della legge 24 dicembre 2003,
n. 350, sono prorogate per gli anni 2009 e 2010.
-------------
AGGIORNAMENTO (57)
  Il  D.L.  30  dicembre  2008,  n. 207, convertito con modificazioni
dalla  L. 27 febbraio 2009, n. 14, come modificato dal D.L. 31 maggio
2010,  n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010,
n.  122  ha  disposto  (con  l'art. 41, comma 7) che "Le disposizioni
dell'articolo  36  della  legge  27 dicembre 2002, n. 289, cosi' come
interpretate dall'articolo 3, comma 73, della legge 24 dicembre 2003,
n.  350,  sono  prorogate per gli anni 2009, 2010, 2011, 2012 e 2013.
Conseguentemente,  a  decorrere  dall'anno  2014  le  indennita'  e i
compensi  di  cui al primo periodo possono essere aggiornati, secondo
le modalita' stabilite dalle disposizioni istitutive, con riferimento
alle  variazioni  del  costo della vita intervenute rispetto all'anno
2013,  nell'ambito delle risorse finanziarie disponibili in base alla
legislazione vigente e nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica".