DECRETO-LEGGE 21 aprile 1995, n. 120

Disposizioni urgenti per il funzionamento delle universita'.

note: Entrata in vigore del decreto: 23/4/1995.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 21 giugno 1995, n. 236 (in G.U. 21/06/1995, n.143).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/10/1999)
Testo in vigore dal: 27-10-1999
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 11.

  1.  Gli inquadramenti disposti ai sensi dell'articolo 1 della legge
21  febbraio  1989,  n.  63,  possono  avere  decorrenza giuridica ed
economica dalla data di entrata in vigore della legge medesima ovvero
dalla  data  del  superamento  del  periodo di prova per il personale
assunto  anche  successivamente  alla  predetta  data  purche'  sulle
carriere  previste  dall'ordinamento  precedente alla legge 11 luglio
1980, n. 312, ed entro il 31 agosto 1992. Gli inquadramenti di cui al
presente  articolo  possono  avere luogo anche per il personale delle
Universita'  per  stranieri di Perugia e di Siena statizzato ai sensi
degli  articoli  26  e 27 della legge 29 gennaio 1986, n. 23, nonche'
per  il  personale tecnico e amministrativo assunto in ruolo ai sensi
della legge 2 maggio 1984, n. 116, anche se inquadrati su posti delle
nuove    carriere.    Alla    copertura    degli    oneri   derivanti
dall'applicazione  del  presente  articolo, provvedono le universita'
nell'ambito  dei finanziamenti ordinari, senza alcun onere aggiuntivo
a carico del bilancio dello Stato. ((5))
---------------
AGGIORNAMENTO (5)
  La  L.  19 ottobre 1999, n. 370 ha disposto (con l'art. 8, comma 2)
che  "L'articolo  11  del  decreto-legge  21  aprile  1995,  n.  120,
convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 1995, n. 236, si
interpreta,  per  la parte riguardante il personale delle Universita'
per  stranieri di Perugia e di Siena, nel senso che i benefici di cui
all'articolo  1  della legge 21 febbraio 1989, n. 63, si applicano al
personale   tecnico  e  amministrativo  inquadrato  nei  ruoli  delle
predette   Universita'   con   la  sola  esclusione  di  quello  che,
successivamente  all'inquadramento di cui all'articolo 27 della legge
29  gennaio  1986,  n.  23,  abbia  gia'  eventualmente usufruito dei
benefici  di  cui all'articolo 85 della legge 11 luglio 1980, n. 312,
senza oneri aggiuntivi per il bilancio dello Stato."