LEGGE 23 dicembre 1993, n. 559

Disciplina della soppressione delle gestioni fuori bilancio nell'ambito delle Amministrazioni dello Stato.

note: Entrata in vigore della legge: 15-1-1994 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/05/2010)
Testo in vigore dal: 1-12-1996
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 16. 
(Fondi amministrati dal  Ministero  del  lavoro  e  della  previdenza
                              sociale) 
  1. A seguito  della  soppressione  delle  gestioni  fuori  bilancio
amministrate dal Ministero del  lavoro  e  della  previdenza  sociale
concernenti il Fondo per il finanziamento degli istituti di patronato
e di assistenza sociale, istituito ai sensi degli articoli 4 e 5  del
decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 29 luglio  1947,
n. 804, il Fondo per il finanziamento degli istituti di  patronato  e
di assistenza sociale operanti nella provincia di Trieste,  istituito
con ordini del Governo militare alleato n. 77 del 27 dicembre 1947  e
n. 80 del  14  aprile  1949,  il  Fondo  speciale  infortuni  di  cui
all'articolo   197   del   testo   unico   delle   disposizioni   per
l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni  sul  lavoro  e  le
malattie professionali, approvato con decreto  del  Presidente  della
Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, e  successive  modificazioni,  il
Fondo per la mobilita' della manodopera, istituito  dall'articolo  28
della legge 12 agosto 1977, n. 675, il  Fondo  per  il  finanziamento
integrativo  dei  progetti  speciali  di  formazione   professionale,
istituito dall'articolo 26 della legge 21 dicembre 1978, n.  845,  e,
al fine di assicurare l'esercizio da  parte  del  predetto  Ministero
delle relative funzioni, i finanziamenti in atto previsti dalle norme
sopra richiamate sono versati in appositi  capitoli  dello  stato  di
previsione   dell'entrata   del   bilancio   dello   Stato   per   la
riassegnazione, con decreti del Ministro del  tesoro,  ai  pertinenti
capitoli  di  spesa  da  istituire  nello  stato  di  previsione  del
Ministero del lavoro e della previdenza sociale. 
  2. Le disponibilita' esistenti alla data di entrata in vigore della
presente legge sui Fondi di cui al comma 1 sono  versate  all'entrata
del bilancio dello Stato, per essere  riassegnate,  con  decreti  del
Ministro del tesoro, ai capitoli di spesa di cui al medesimo comma 1. 
I crediti accertati e le obbligazioni  risultanti  alla  stessa  data
costituiscono, rispettivamente, accertamenti ed impegni sui  capitoli
di entrata e di spesa di cui allo stesso comma 1. 
  3. Le somme non  impegnate  nell'esercizio  di  competenza  possono
esserlo nell'esercizio successivo.((2)) 
    
----------------

    
AGGIORNAMENTO (2) 
  Il D.L. 1 ottobre 1996, n. 510, convertito con modificazioni  dalla
L. 28 novembre 1996, n. 608 ha disposto (con l'art. 4, comma  8)  che
"Le disposizioni di cui all'articolo 16 della legge 23 dicembre 1993,
n. 559, vanno interpretate quale formale declaratoria di soppressione
del Fondo per la mobilita' della manodopera, istituito  dall'articolo
28  della  legge  12  agosto  1977,  n.  675,  e  del  Fondo  per  il
finanziamento  integrativo  dei  progetti  speciali   di   formazione
professionale, istituito dall'articolo 26  della  legge  21  dicembre
1978, n. 845, le cui gestioni, ai sensi del decreto-legge  20  maggio
1993, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla  legge  19  luglio
1993, n. 236, erano gia' confluite, con effetto dal 1  gennaio  1993,
nel Fondo di  cui  ai  commi  5  e  10  dell'articolo  9  del  citato
decreto-legge n. 148 del 1993."