LEGGE 27 dicembre 1983, n. 730

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1984).

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 06/07/2011)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 14-3-1988
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 18.

  Per  la  concessione  dei  contributi previsti dall'articolo 10 del
decreto-legge  28  maggio  1981, n. 251, recante provvedimenti per il
sostegno  delle esportazioni italiane, convertito, con modificazioni,
nella legge 29 luglio 1981, n. 394, e' autorizzata per l'anno 1984 la
spesa  di  lire 1 miliardo da iscrivere nello stato di previsione del
Ministero del commercio con l'estero.
  E'  istituito  presso  la  SACE  apposito  fondo  rotativo,  le cui
disponibilita'  finanziarie potranno essere utilizzate per far fronte
agli   indennizzi   connessi   a   crediti   coperti  dalla  garanzia
assicurativa  della  SACE  medesima  e per i quali sia intervenuto un
accordo di ristrutturazione a livello intergovernativo.
  Al  fondo  affluiranno  i rientri relativi ai crediti ristrutturati
che hanno beneficiato degli interventi di cui al comma precedente.
  ((L'ammontare   dei   rientri,  di  cui  al  comma  precedente,  va
rapportato  esclusivamente al corrispondente importo degli indennizzi
cui si e' fatto fronte con le disponibilita' finanziarie del fondo di
cui  al secondo comma. Gli interessi, a qualsiasi titolo maturati, le
eventuali  differenze  di  cambio  nonche'  oneri e spese relativi ai
rientri restano, rispettivamente, acquisiti ed a carico della SACE.))
  La  dotazione iniziale del fondo e' di 100 miliardi di lire e sara'
iscritta  in  apposito capitolo dello stato di previsione della spesa
del Ministero del tesoro per l'anno finanziario 1984.
  Le condizioni, modalita' e termini di utilizzo dei mezzi finanziari
del  fondo  saranno regolati da apposita convenzione tra il Ministero
del tesoro e la SACE, approvata dal Ministro del tesoro.
  Il fondo potra' essere ulteriormente alimentato con stanziamenti da
autorizzare annualmente in sede di legge di approvazione del bilancio
dello Stato.
  Il fondo contributi di cui al primo capoverso dell'articolo 3 della
legge  28  maggio  1973,  n.  295,  costituito presso il Mediocredito
centrale,  e'  incrementato della somma di lire 2.500 miliardi per la
corresponsione  di  contributi in conto interessi sulle operazioni di
finanziamento  alle esportazioni a pagamento differito previste dalla
legge 24 maggio 1977, n. 227, e successive modificazioni.
  La  somma  di  cui  al  precedente comma e' iscritta nello stato di
previsione   della   spesa  del  Ministero  del  tesoro  nel  periodo
1985-1990.   Le   quote  relative  agli  anni  1985  e  1986  restano
determinate,  rispettivamente,  in  lire  200 miliardi ed in lire 400
miliardi.
  L'autorizzazione  di  spesa  di  cui all'articolo 16 della legge 21
maggio  1981,  n.  240,  e'  elevata  per  l'anno  1984 di lire 4.000
milioni.  Per  lo  stesso  anno  finanziario sono ridotte di lire 500
milioni ciascuna le autorizzazioni di spesa di cui agli articoli 11 e
21 della menzionata legge 21 maggio 1981, n. 240.
  L'autorizzazione  di  spesa  di  cui al primo comma dell'articolo 8
della  legge  26  aprile  1983,  n.  130,  e'  ridotta di lire 26.500
milioni;  conseguentemente  lo  stanziamento previsto per l'anno 1984
dal  secondo  comma  dello  stesso articolo 8 della medesima legge e'
contestualmente ridotto di lire 26.500 milioni.