DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 21 agosto 1945, n. 518

Disposizioni concernenti il riconoscimento delle qualifiche dei partigiani e l'esame delle proposte di ricompensa. (045U0518)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 12/09/1945 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/02/2022)
Testo in vigore dal: 1-3-2022
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4. 
 
  Contro  le  decisioni  delle  Commissioni  di  cui  agli   articoli
precedenti e' ammesso ricorso ad una Commissione di secondo grado con
sede in Roma. Essa  e  nominata  dal  Presidente  del  Consiglio  dei
Ministri ed e' composta di un presidente scelto tra i partigiani e di
otto membri, dei quali tre designati dai  tre  Ministri  delle  forze
armate e cinque in rappresentanza dei partigiani. (2) ((8)) 
------------ 
AGGIORNAMENTO (2) 
  Il D.Lgs. del Capo Provvisorio dello Stato 5 agosto 1947, n. 849 ha
disposto (con l'articolo unico) che "Il numero dei rappresentanti dei
partigiani  nella  Commissione  prevista  dall'art.  4  del   decreto
legislativo luogotenenziale 21 agosto 1945, n.  518,  modificato  dal
decreto legislativo luogotenenziale 5 aprile  1946,  numero  215,  e'
elevato a sei". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (8) 
  Il D.L. 30 dicembre 2019,  n.  162,  convertito  con  modificazioni
dalla L. 28 febbraio 2020, n. 8, come modificato dal D.L. 30 dicembre
2021, n. 228, convertito con modificazioni dalla L. 25 febbraio 2022,
n. 15, ha disposto (con l'art. 1, comma 10-ter) che "Le  attribuzioni
della commissione di secondo grado, di cui all'articolo 4 del decreto
legislativo luogotenenziale 21 agosto 1945, n.  518,  sono  demandate
alla Presidenza del Consiglio dei ministri".