DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2001, n. 452

Disposizioni urgenti in tema di accise, di gasolio per autotrazione, di smaltimento di oli usati, di giochi e scommesse, nonche' sui rimborsi IVA ((, sulla pubblicita' effettuata con veicoli, sulle contabilita' speciali, sui generi di monopolio, sul trasferimento di beni demaniali, sulla giustizia tributaria, sul funzionamento del servizio nazionale della riscossione dei tributi e su contributi ad enti ed associazioni.))

note: Entrata in vigore del decreto: 30-12-2001.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 27 febbraio 2002, n. 16 (in G.U. 27/02/2002, n. 49).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 06/07/2012)
Testo in vigore dal: 15-8-2012
aggiornamenti all'articolo
                             Art. 5-ter 
                      (Contabilita' speciali). 
 
  1. Le risorse finanziarie iscritte nello stato  di  previsione  del
Ministero  dell'istruzione,  dell'universita'  e  della  ricerca   da
destinare alle istituzioni scolastiche possono affluire  in  apposite
contabilita'  speciali  aperte  presso  le   sezioni   di   tesoreria
provinciale dello Stato. Alle predette contabilita' possono  affluire
anche  le  risorse  finanziarie  assegnate  agi  uffici   costituenti
l'articolazione territoriale degli uffici scolastici regionali per il
funzionamento dei  medesimi  e  per  la  realizzazione  di  eventuali
attivita' e programmi agli stessi affidati. 
  2. Il titolare di ciascuna contabilita' speciale e' individuato con
provvedimento  del   direttore   generale   dell'ufficio   scolastico
regionale competente. 
                                                                ((8)) 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (8) 
  Il D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla L.
7 agosto 2012, n. 135, ha disposto (con l'art. 7, comma  39)  che  "A
decorrere dal 1° gennaio 2013 le contabilita' speciali scolastiche di
cui all'articolo 5-ter del decreto legge 28 dicembre  2001,  n.  452,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2002,  n.  16,
non sono piu' alimentate. Le somme disponibili alla stessa data  sono
versate all'entrata del bilancio dello Stato in  misura  pari  a  100
milioni per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015, la restante  parte
e' versata nell'anno 2016. Dallo stesso anno le contabilita' speciali
sono soppresse. Le predette somme  sono  annualmente  riassegnate  ai
capitoli relativi alle spese di funzionamento delle  scuole  iscritti
nello   stato   di   previsione   del   Ministero    dell'istruzione,
dell'universita' e della ricerca".