DECRETO-LEGGE 29 ottobre 1991, n. 345

Disposizioni urgenti per il coordinamento delle attivita' informative e investigative nella lotta contro la criminalita' organizzata.

note: Entrata in vigore del decreto: 1/11/1991.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 30 dicembre 1991, n. 410 (in G.U. 30/12/1991, n.304).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2018)
Testo in vigore dal: 1-11-1991
al: 5-11-1991
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
                        Attivita' informativa 
  1. Nell'ambito delle attivita' per le informazioni e  la  sicurezza
dello Stato previste dalla legge  24  ottobre  1977,  n.  801,  ferme
restando le  attribuzioni  e  la  disciplina  degli  ordinamenti  ivi
previsti, spetta al SISDE ed al  SISMI,  rispettivamente  per  l'area
interna  e  quella  esterna,  svolgere  attivita'  informativa  e  di
sicurezza da ogni pericolo o forma di eversione dei gruppi  criminali
organizzati che minacciano le istituzioni e lo sviluppo della  civile
convivenza. A tal fine, il Presidente del Consiglio dei Ministri, con
proprio  decreto,  di  concerto  con  i  Ministri  della   difesa   e
dell'interno, emana le direttive e determina i criteri di adeguamento
dell'attivita' informativa del SISDE  e  del  SISMI  alle  specifiche
finalita' previste dal presente decreto. 
  2. Salvo quanto disposto dall'articolo 9  della  legge  24  ottobre
1977, n. 801, le informazioni e ogni altro elemento relativi a  fatti
comunque attinenti a fenomeni di  criminalita'  organizzata  di  tipo
mafioso, di cui il SISDE ed il  SISMI  vengano  in  possesso,  devono
essere  immediatamente  comunicati  all'Alto   Commissario   per   il
coordinamento della lotta contro la delinquenza mafiosa ai sensi  del
comma settimo dell'articolo 1 del decreto-legge 6 settembre 1982,  n.
629, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 ottobre  1982,  n.
726, e successive modificazioni ed integrazioni. 
  3. Il controllo sulle attivita' previste dal comma 1 e'  esercitato
dal Comitato di cui all'articolo 11 della legge 24 ottobre  1977,  n.
801, con l'osservanza delle modalita' e procedure ivi indicate.