DECRETO-LEGGE 29 marzo 1991, n. 103

Disposizioni urgenti in materia previdenziale.

note: Entrata in vigore del decreto: 2/4/1991.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 01 giugno 1991, n. 166 (in G.U. 01/06/1991, n.127).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/04/2001)
Testo in vigore dal: 2-4-1991
                               Art. 9.
                             Casse edili
  1.  L'articolo  12  della legge 30 aprile 1969, n. 153, deve essere
interpretato nel senso che sono escluse  dalla  base  imponibile  dei
contributi  di  previdenza  e di assistenza sociale le somme a carico
del datore di lavoro e del lavoratore versate  alle  casse  edili.  I
versamenti   contributivi   sulle  predette  somme  restano  salvi  e
conservano la loro efficacia se effettuati anteriormente alla data di
entrata in vigore del presente decreto.
  2. A decorrere dal periodo di paga in corso alla data di entrata in
vigore del presente  decreto,  le  somme  di  cui  al  comma  1  sono
assoggettate  a  contribuzione  di  previdenza  e di assistenza nella
misura pari al 15 per cento del loro ammontare.
  3. Le disposizioni di cui ai commi 1 e  2  non  si  applicano  alle
somme  che  vengono  versate  alle  citate casse per ferie, gratifica
natalizia e riposi annui, le quali restano soggette  a  contribuzione
per il loro intero ammontare.