DECRETO-LEGGE 28 maggio 1981, n. 251

Provvedimenti per il sostegno delle esportazioni italiane.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 luglio 1981, n. 394 (in G.U. 29/07/1981, n.206).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/09/2019)
Testo in vigore dal: 30-7-1981
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 22. 
 
  Il fondo  contributi,  di  cui  all'art.  37,  secondo  comma,  del
decreto-legge 26 ottobre 1970, n. 745, convertito, con modificazioni,
nella  legge  18  dicembre  1970,  n.  1034,  cosi'  come  modificato
dall'art. 3 della legge 28 maggio 1973, n. 295, e' incrementato della
somma di 2.290 miliardi riservati alla corresponsione  di  contributi
in  conto  interessi   sulle   operazioni   di   finanziamento   alle
esportazioni a pagamento differito previste  dalla  legge  24  maggio
1977, n. 227, e successive modificazioni. 
  La somma di cui al precedente comma sara' iscritta nello  stato  di
previsione del Ministero del tesoro in ragione di lire  300  miliardi
nell'anno 1982, 500 miliardi nell'anno 1983, 500  miliardi  nell'anno
1984, 500 miliardi nell'anno 1985 e 490 miliardi nell'anno 1986. 
  Con decreto del Ministro del tesoro di concerto con 
  il Ministro del commercio con l'estero sara' stabilita la quota del
fondo di cui al primo  comma  del  presente  articolo  riservata  per
l'agevolazione di speciali categorie di operazioni,  nonche'  per  la
corresponsione  di  contributi  in  conto  interessi  ad   operazioni
finanziarie con provviste effettuate all'estero. 
  ((Il Mediocredito centrale e' autorizzato a concedere da solo o  in
consorzio  con  istituti  e  banche  nazionali  ed   estere   crediti
finanziari  ai  sensi   dell'articolo   15,   lettera   g),   nonche'
dell'articolo 27, terzo comma, della legge 24 maggio  1977,  n.  227;
alle predette operazioni di finanziamento si applicano le  condizioni
e modalita' di cui all'articolo 18, quarto comma, della citata  legge
24 maggio 1977, n. 227. 
  L'articolo 20 della legge 24 maggio 1977, n. 227, e' soppresso)).