DECRETO-LEGGE 6 luglio 1978, n. 352

Norme per l'attuazione del collegamento tra le anagrafi delle aziende e per il completamento del casellario centrale dei pensionati.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 04 agosto 1978, n. 467 (in G.U. 22/08/1978, n.233).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 12/09/1983)
Testo in vigore dal: 12-11-1983
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4.
                         Denunce periodiche

  Il  datore  di  lavoro,  tenuto  alla denuncia ed al versamento dei
contributi  con  le  modalita'  previste  nel  decreto ministeriale 5
febbraio  1969,  e'  obbligato  a  presentare,  entro  il 31 marzo di
ciascun  anno,  all'Istituto  nazionale  della  previdenza sociale la
denuncia  nominativa  dei  lavoratori  occupati nell'anno precedente,
redatta  su apposito modulo predisposto dall'istituto medesimo, delle
retribuzioni   individuali  corrisposte,  nonche'  di  tutti  i  dati
necessari  all'applicazione  delle  norme  in materia di previdenza e
assistenza obbligatoria.
  COMMA ABROGATO DALLA L. 4 AGOSTO 1978, N. 467.
  Il  datore di lavoro che non provvede, entro i termini stabiliti, a
quanto previsto nei nel precedente comma, ovvero vi provvede fornendo
dati  infedeli  o  incompleti,  e'  tenuto  al pagamento all'Istituto
nazionale della previdenza sociale della somma di L. 10.000, a titolo
di   sanzione   amministrativa,   per   ogni   lavoratore  dipendente
interessato.
  L'Istituto   nazionale  della  previdenza  sociale  provvedera'  ad
inviare  a ciascun lavoratore, con le modalita' e i termini stabiliti
con  decreto  del  Ministro  del  lavoro  e della previdenza sociale,
sentito  il  consiglio  di  amministrazione  dell'istituto stesso, un
estratto conto contenente l'indicazione della retribuzione denunciata
dal datore di lavoro. (2)
  Il  datore  di lavoro e' tenuto a consegnare al lavoratore entro il
31  marzo  di  ciascun  anno,  copia  delle denunce. Fermi restando i
termini  di  consegna all'Istituto nazionale della previdenza sociale
delle  denunce  nel  caso  di  cessazione  del rapporto di lavoro, il
datore  di  lavoro  deve  consegnare  al  lavoratore,  all'atto della
cessazione  stessa,  copia della denuncia riservata al lavoratore. Il
datore  di  lavoro  che  non  vi  provvede entro i termini stabiliti,
ovvero  vi  provvede  fornendo dati infedeli ed incompleti, e' punito
con  l'ammenda da L. 5.000 a L. 50.000 per ogni lavoratore dipendente
al quale il documento si riferisce.
  Sono  abrogati  il secondo, terzo e quarto comma dell'art. 38 della
legge 30 aprile 1969, n. 153. (2) ((3))
---------------
AGGIORNAMENTO (2)
  La  L.  31  marzo  1979,  n.  92  ha disposto (con l'art. 4) che il
termine  previsto dal primo comma dell'articolo 4 del decreto-legge 6
luglio  1978,  n.  352,  convertito, con modificazioni, nella legge 4
agosto  1978,  n.  467,  per  la presentazione all'Istituto nazionale
della  previdenza  sociale  delle  denunce  nominative dei lavoratori
occupati,  e' prorogato, limitatamente alle denunce relative all'anno
1978, dal 31 marzo 1979 al 30 giugno 1979.
  Ha inoltre disposto che alla stessa data e' prorogato il termine di
cui  al  primo  periodo del quarto comma del predetto articolo 4, per
quel  che  concerne  la  consegna al lavoratore, a cura del datore di
lavoro, della copia della denuncia nominativa riferentesi al 1978.
----------------
AGGIORNAMENTO (3)
  Il  D.L.  12  settembre  1983, n, 463, convertito con modificazioni
dalla L. 11 novembre 1983, n. 638 ha disposto (con l'art. 4 comma 17)
che  i  termini  per  la  presentazione  all'Istituto nazionale della
previdenza  sociale  della  denuncia nominativa di cui all'articolo 4
del   decreto-legge   6   luglio   1978,   n.  352,  convertito,  con
modificazioni,  nella legge 4 agosto 1978, n. 467, sono fissati al 30
giugno  di  ciascun anno e, per le amministrazioni dello Stato, al 31
dicembre di ciascun anno. Alle stesse date sono fissati i termini per
la  consegna  ai  lavoratori della copia della denuncia predetta. Per
l'anno  1983  il  termine  del  30 giugno e' differito al 30 novembre
1983.