DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 marzo 1975, n. 474

Norme di attuazione dello statuto per la regione Trentino-Alto Adige in materia di igiene e sanita'.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 02/02/2011)
Testo in vigore dal: 7-5-1992
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 3.

  Restano ferme le competenze degli organi statali in ordine:
    1)  ai rapporti internazionali in materia di assistenza sanitaria
ed ospedaliera, ivi compresa la profilassi internazionale;
    2)  alla  sanita'  aerea  e  di  frontiera ivi comprese le misure
quarantenarie;
    3)  alle  cliniche ed istituti universitari di ricovero e cura ed
agli istituti di ricovero e cura riconosciuti a carattere scientifico
con  decreto  del Ministro per la sanita' di concerto con il Ministro
per la pubblica istruzione, sentita la provincia interessata;
    4)  alla  ricerca  e  sperimentazione  scientifica  di  rilevanza
nazionale   svolte   da  appositi  istituti  in  ordine  all'origine,
evoluzione, prevenzione e cura delle malattie;
    5) alla produzione, commercio, vendita e pubblicita' dei prodotti
chimici  usati  in  medicina,  dei  preparati farmaceutici, preparati
galenici,  specialita'  medicinali,  vaccini, virus, sieri, tossine e
prodotti   assimilati,   emoderivati,   presidi  medico-chirurgici  e
prodotti assimilati;
    6)    alla    coltivazione,    produzione,   impiego,   commercio
all'ingrosso,   importazione,   esportazione  e  transito,  acquisto,
detenzione  e somministrazione di sostanze stupefacenti e di sostanze
psicoattive e loro derivati;
    7)  alla  produzione  e  commercio dei prodotti dietetici e degli
alimenti per la prima infanzia; agli aspetti igienico sanitari: della
produzione, commercio di sostanze alimentari e bevande e dei relativi
additivi,  coloranti,  surrogati  e succedanei; dei fitofarmaci e dei
presidi   delle   derrate   alimentari  immagazzinate;  dei  mangimi,
integratori ed additivi nella alimentazione degli animali;
    8) alla produzione ed impiego pacifico dell'energia nucleare;
    ((9)   alle   professioni   sanitarie,   agli  ordini  e  collegi
professionali  ed  agli  esami  di  idoneita'  per  l'esercizio della
professione  medica  negli ospedali; nella provincia di Bolzano, tali
esami possono essere effettuati osservandosi l'art. 5 del decreto del
Presidente  della  Repubblica 26 gennaio 1980, n. 197; la facolta' di
organizzare i predetti esami e' estesa alla provincia di Trento;
    10)  alla  omologazione  di  macchine,  di  impianti  e  di mezzi
personali  di  protezione; non e' attivita' di omologazione quella di
verifica  e  controllo di macchine, impianti e mezzi installati nella
regione;))
    11)  alla  vigilanza per l'applicazione delle norme relative alla
previdenza e alle assicurazioni sociali;
    12) alla vigilanza e tutela del lavoro eccettuate le attribuzioni
delle  province  ai  sensi  dell'art. 9, numeri 4 e 5 del decreto del
Presidente  della  Repubblica  31 agosto 1972, n. 670, nonche' quelle
inerenti   all'esercizio   della   competenza   provinciale  prevista
dall'art. 10 del medesimo decreto del Presidente della Repubblica;
    13) all'organizzazione sanitaria militare;
    14)  ai servizi sanitari istituiti per le Forze armate ed i corpi
di  polizia,  per  il  Corpo  degli agenti di custodia e per il Corpo
nazionale  dei  vigili  del  fuoco,  nonche'  ai servizi dell'Azienda
autonoma   delle   ferrovie  dello  Stato  relativi  all'accertamento
tecnico-sanitario delle condizioni del personale dipendente.