DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 1972, n. 648

Riordinamento dei fondi di previdenza e armonizzazione delle tabelle dei tributi speciali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/06/1996)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-1973
al: 24-11-1973
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
  Vista   la  legge  9  ottobre  1971,  n.  825,  concernente  delega
legislativa per la riforma tributaria;
  Vista la legge 6 dicembre 1971, n. 1036;
  Visto  il  decreto-legge  25  maggio  1972, n. 202, convertito, con
modifiche, nella legge 24 luglio 1972, numero 321;
  Udito  il  parere  della Commissione parlamentare istituita a norma
dell'art. 17, comma primo, della legge 9 ottobre 1971, n. 825;
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri, di
concerto  con i Ministri per l'interno, per le finanze, per il tesoro
e per il bilancio e la programmazione economica;

                              Decreta:
                               Art. 1.
                  (Tabella A dei tributi speciali)

  La  tabella  A  allegata  al  decreto-legge 31 luglio 1954, n. 533,
convertito, con modificazioni, nella legge 26 settembre 1954, n. 869,
e  successive  modificazioni,  e'  sostituita  da  quella allegata al
presente decreto.
  La  nuova tabella e' costituita da tre titoli e i relativi proventi
sono destinati:
    1)  al  personale  dell'amministrazione  periferica delle imposte
dirette;
    2) al personale dell'amministrazione periferica delle tasse e
    imposte  indirette  sugli  affari  (Uffici  del registro e uffici
    I.V.A.);
    3) al personale dell'amministrazione periferica del catasto e dei
    servizi tecnici erariali;
    4)  agli  impiegati  di  ruolo  e  non  di  ruolo  ed agli operai
dell'amministrazione  centrale  del  Ministero  delle finanze e delle
intendenze  di  finanza;  agli  impiegati  di  ruolo  e  non di ruolo
amministrati   dalla  Direzione  generale  per  l'organizzazione  dei
servizi  tributari;  agli  impiegati  di ruolo e non di ruolo ed agli
operai  dell'amministrazione  periferica  del  demanio  ed ai custodi
degli immobili demaniali; agli impiegati ed operai dei ruoli speciali
ad  esaurimento  di  cui  all'art. 3 della legge 22 dicembre 1960, n.
1600,  in servizio presso gli uffici finanziari, che non fruiscano di
altri  tributi  speciali  o  analoghi proventi; agli altri dipendenti
civili  dello  Stato,  non  appartenenti ai ruoli del Ministero delle
finanze,  di  ogni  qualifica,  carriera  e  ordinamento, comunque in
servizio presso uffici centrali del detto Ministero.