LEGGE 17 maggio 1999, n. 144

Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all'occupazione e della normativa che disciplina l'INAIL, nonche' disposizioni per il riordino degli enti previdenziali.

note: Entrata in vigore della legge: 23-5-1999 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 16/07/2020)
Testo in vigore dal: 1-1-2019
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4 
                ((Finanziamento della progettazione)) 
 
  1. ((COMMA ABROGATO DALLA L. 30 DICEMBRE 2018, N. 145)). 
  2. ((COMMA ABROGATO DALLA L. 30 DICEMBRE 2018, N. 145)). 
  3. ((COMMA ABROGATO DALLA L. 30 DICEMBRE 2018, N. 145)). 
  4. ((COMMA ABROGATO DALLA L. 30 DICEMBRE 2018, N. 145)). 
  5.  Per  il  finanziamento  a  fondo  perduto  ((del  documento  di
fattibilita' delle alternative progettuali, se redatto, del  progetto
di fattibilita' tecnico-economica e  del  progetto  definitivo))  dei
soggetti richiamati espressamente dall'articolo 1,  comma  54,  della
legge 28 dicembre 1995, n. 549, come modificato dall'articolo  8  del
decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67,  convertito,  con  modificazioni,
dalla legge 23 maggio 1997, n. 135,  ((esclusivamente  per  opere  da
realizzare mediante contratti di partenariato pubblico  privato))  e'
assegnata alla Cassa depositi e prestiti la somma di 110 miliardi  di
lire per il triennio 1999-2001, di cui 30 miliardi per  il  1999,  40
miliardi per il 2000 e 40 miliardi per il 2001. A decorrere dall'anno
2000 alla determinazione del fondo si provvede ai sensi dell'articolo
11, comma 3, lettera d),  della  legge  5  agosto  1978,  n.  468,  e
successive modificazioni.((L'assegnazione puo'  essere  incrementata,
con uno o piu' decreti di natura non regolamentare del Ministro delle
infrastrutture  e  dei  trasporti,  di  concerto  con   il   Ministro
dell'economia e delle finanze, a valere sulle risorse disponibili del
Fondo per la progettazione di  fattibilita'  delle  infrastrutture  e
degli insediamenti prioritari  per  lo  sviluppo  del  Paese  di  cui
all'articolo 202, comma 1, lettera a), del codice di cui  al  decreto
legislativo 18 aprile 2016, n. 50)). 
  ((6. I finanziamenti previsti dal comma 5 sono erogati dalla  Cassa
depositi e prestiti,  con  proprie  determinazioni.  Con  decreto  di
natura non regolamentare del  Ministro  delle  infrastrutture  e  dei
trasporti, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze,
sentita la  Cassa  depositi  e  prestiti,  sono  definiti  termini  e
condizioni di utilizzo delle risorse)). ((28)) 
  7. All'onere derivante dall'attuazione del presente articolo,  pari
a lire 30 miliardi per l'anno 1999, a lire  40  miliardi  per  l'anno
2000 ed a lire 40 miliardi per  l'anno  2001,  si  provvede  mediante
riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale
1999-2001, nell'ambito dell'unita'  previsionale  di  base  di  conto
capitale "" Fondo speciale " dello stato di previsione del  Ministero
del tesoro, del bilancio e della programmazione economica per l  anno
1999, parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al  medesimo
Ministero. 
  8.COMMA ABROGATO DALLA L. 27 DICEMBRE 2002, N. 289. 
 
    
----------------
    
AGGIORNAMENTO (28) 
  La L. 30 dicembre 2018, n. 145 ha disposto  (con  l'art.  1,  comma
175) che "Fino alla data di entrata in vigore del decreto di  cui  al
comma  174,  lettera  d),  per  la  gestione  delle   operazioni   di
finanziamento a valere sul fondo di cui all'articolo 4 della legge 17
maggio 1999, n. 144, si applicano  le  vigenti  disposizioni  fino  a
compimento degli ultimi atti  di  erogazione  e  rendicontazione.  Le
disponibilita' finanziarie del predetto fondo, non oggetto di domanda
di utilizzo alla data di entrata in vigore  del  decreto  di  cui  al
comma 174, lettera d),  sono  riassegnate  al  medesimo  fondo  senza
vincoli di ripartizione".