LEGGE 23 dicembre 1998, n. 448

Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo.

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-1999 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/02/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-2000
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 43
                      Ferrovie dello Stato Spa

  1.   L'ammontare   delle  somme  da  corrispondere,  ai  sensi  dei
regolamenti  (CEE)  n.  1191/69 del Consiglio, del 26 giugno 1969, n.
1107/70  del Consiglio, del 4 giugno 1970 e n. 1893/91 del Consiglio,
del 20 giugno 1991, alla societa' Ferrovie dello Stato Spa negli anni
dal  1994  al  1998  inclusi,  per  l'effettuazione  dei  servizi  di
trasporto  viaggiatori  e  per gli obblighi di servizio, previsti dal
contratto  di  servizio  pubblico  e  dal  contratto di programma, e'
accertato  in via definitiva, senza dare luogo a conguagli, in misura
pari  a  quella  complessivamente  prevista  in  via  preventiva  dal
bilancio  dello Stato per gli stessi anni e per gli stessi contratti,
ed e' articolato nel modo seguente:
a) 2.550,  2.757,850,  2.802,5,  2.770,541, 2.924,3 miliardi di lire,
   rispettivamente  negli  anni  dal  1994  al  1998  inclusi, per il
   contratto di servizio pubblico;
b) 3.691,  3.478,950,  3.411,450,  756,359, 3.275,7 miliardi di lire,
   rispettivamente  negli  anni  dal  1994  al  1998  inclusi, per il
   contratto di programma.
  2.  L'acquisizione,  l'attribuzione  e la devoluzione, (( . . . )),
dei  beni immobili che risultano iscritti nel bilancio della societa'
Ferrovie  dello Stato Spa al 31 dicembre 1997, cosi' come certificato
dalla  societa' di revisione ed approvato dall'assemblea dei soci, si
intendono avvenute a titolo di trasferimento di proprieta'.
  ((  2-bis. Gli uffici del territorio, le Conservatorie dei registri
immobiliari,  gli  uffici  tavolari  e  gli  uffici  tecnici erariali
provvedono  agli  adempimenti di rispettiva competenza in ordine alla
trascrizione,   intavolazione   e   voltura  dei  beni  ed  eventuali
accessioni,   sulla   base   di  note  di  trascrizione,  domande  di
intavolazione  e domande di voltura, redatte dalla societa' "Ferrovie
dello  Stato-Societa'  di trasporti e servizi per azioni" e corredate
da  estratto  notarile  autentico  del libro inventari della medesima
societa'.  Trascrizioni, iscrizioni e volture sono esenti dai tributi
speciali  catastali  e danno luogo al pagamento di imposte e tasse in
misura fissa. ))
  3.  Con  decreto  del  Ministro  delle  finanze, di concerto con il
Ministro  del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e
con  il  Ministro dei trasporti e della navigazione, da emanare entro
novanta  giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge,
sono  disciplinate  (( . . . )) le competenze del Comitato costituito
sulla base dell'articolo 15 del decreto-legge 23 gennaio 1993, n. 16,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 1993, n. 75, rel-
ative  alla  verifica, sulla base del criterio di strumentalita' alle
attivita' concesse, dell'appartenenza al patrimonio immobiliare della
societa'  Ferrovie dello Stato Spa di beni non iscritti in bilancio e
dalla  stessa  rivendicati  in via amministrativa e della regolarita'
dell'autocertificazione  da parte della societa' medesima dei diritti
reali  in godimento gratuito, ai fini delle decisioni sulla spettanza
di questi ultimi beni e diritti.
  4.  Le  acquisizioni,  l'attribuzione  e la devoluzione a titolo di
trasferimento  di proprieta' e l'accertamento sulla spettanza di beni
e  diritti  reali  in  godimento  gratuito  di cui ai commi 2 e 3 non
potranno  tuttavia  avere riguardo ad aree del demanio marittimo, che
restano  assoggettate  ai  poteri di pianificazione e gestione di cui
agli  articoli  5,  comma  1,  8,  comma  3, lettera h), 13, comma 1,
lettera  a),  della  legge  28  gennaio  1994,  n.  84,  e successive
modificazioni,  secondo i parametri di cui al decreto-legge 5 ottobre
1993,  n.  400, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre
1993,  n.  494, nonche' alle disposizioni di cui al capo I del titolo
II  del  libro primo del codice della navigazione e relative norme di
esecuzione.
  5.   In  attesa  che  vengano  definiti  gli  assetti  del  settore
ferroviario in attuazione del decreto del Presidente della Repubblica
8  luglio  1998,  n.  277,  e  che, conseguentemente, il Ministro del
tesoro,  del  bilancio  e  della programmazione economica disponga la
valutazione  del  ramo  d'azienda  "Gestione  dell'infrastruttura" ai
sensi  dell'articolo  55  della  legge  27  dicembre 1997, n. 449, la
societa'  Ferrovie  dello  Stato  Spa  e' autorizzata a costituire, a
valere  sul  proprio netto patrimoniale, un fondo di ristrutturazione
di  importo  pari  al valore netto dell'infrastruttura risultante dal
bilancio al 31 dicembre 1997.
  6.  La  societa'  Ferrovie  dello  Stato  Spa,  in  deroga a quanto
previsto  al comma 4 dell'articolo 1 della legge 24 dicembre 1993, n.
560,  e'  autorizzata  a  provvedere  alla  integrazione dei piani di
vendita  regionali  gia' approvati, al fine di rendere alienabili gli
alloggi  di  cui  al comma 2, lettera b), dell'articolo 1 della legge
stessa  fino  alla  concorrenza  del  100  per cento, con le medesime
modalita' e condizioni previste dalla legge stessa.
  7.  Al  fine  di  favorire  il  processo  di ristrutturazione della
societa'  Ferrovie  dello  Stato Spa come stabilito dall'articolo 59,
comma  6,  della  legge  27  dicembre 1997, n. 449, fino al 1 gennaio
2002,  nei confronti dei lavoratori dipendenti in esubero, nel numero
che  sara'  concordato  con le organizzazioni sindacali di categoria,
dalla  societa'  Ferrovie  dello  Stato  Spa,  non  si  applicano  le
disposizioni  di  cui  all'articolo  6  del decreto-legge 22 dicembre
1981,  n. 791, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio
1982,  n.  54, all'articolo 6 della legge 29 dicembre 1990, n. 407, e
all'articolo  1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503. Nei
casi  in  cui  il  mantenimento  in  servizio ai sensi delle suddette
disposizioni  sia gia' iniziato prima della data di entrata in vigore
della  presente  legge,  i rapporti di lavoro sono risolti dalla data
stessa.
  8.  Il  personale  di  cui  al  comma  7, dipendente della societa'
Ferrovie   dello  Stato  Spa,  iscritto  al  fondo  pensioni  di  cui
all'articolo 209 del testo unico approvato con decreto del Presidente
della  Repubblica  29 dicembre 1973, n. 1092, all'atto di risoluzione
del   rapporto   di  lavoro,  puo'  optare,  in  ogni  caso,  per  il
trasferimento  della  posizione  assicurativa  accreditata  presso il
suddetto   fondo   nell'assicurazione   generale   obbligatoria   per
l'invalidita', la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti
gestita  dall'INPS,  secondo  le  disposizioni  dell'articolo 1 della
legge  7  febbraio  1979, n. 29, ed anche in assenza delle condizioni
richieste  dall'articolo  stesso.  Per  il personale dipendente della
societa' Ferrovie dello Stato Spa che per ragioni di servizio risiede
permanentemente  in  territorio  estero  di  confine con l'Italia, la
risoluzione  del  rapporto di lavoro ai sensi del comma 7 avverra' in
ogni caso con un preavviso di sei mesi.
  9.  Restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti
salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti giuridici sorti sulla base
dell'articolo 1 del decreto-legge 10 settembre 1998, n. 324.