LEGGE 30 ottobre 1986, n. 738

Riconoscimento del diploma di baccellierato internazionale.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 04/03/1992)
Testo in vigore dal: 19-3-1992
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2.

  1.  Il  diploma  di  baccellierato  internazionale,  per  avere  il
riconoscimento,  previsto  dal  precedente  articolo  1,  deve essere
conseguito   presso   i  collegi  del  Mondo  Unito  o  presso  altre
istituzioni  scolastiche italiane e straniere, la cui idoneita' sara'
accertata  con  la  iscrizione nell'elenco di cui al successivo comma
2.((1))
  2.  Il  Ministero  della pubblica istruzione, sulla base di criteri
precedentemente  fissati  su  parere  del  Consiglio  nazionale della
pubblica  istruzione,  cura la formazione di un elenco, da aggiornare
ogni tre anni, nel quale sono iscritti quei collegi del Mondo Unito e
quelle  istituzioni  scolastiche  italiane  e  straniere  che abbiano
ottenuto  il  riconoscimento  da parte dell'Ufficio del baccellierato
internazionale  con  sede  in Ginevra e che dimostrino, attraverso la
documentazione relativa ai piani di studio, alle strutture utilizzate
ed  ai  requisiti  professionali  del  personale  direttivo e docente
impiegato,  di essere idonei a rilasciare il diploma di baccellierato
internazionale.((1))
  3. L'elenco, oltre ad indicare la denominazione ufficiale e la sede
del  collegio o dell'istituzione, precisera' le affinita' dei diplomi
rilasciati con quelli previsti dall'ordinamento scolastico italiano.
  4. L'iscrizione e' disposta con decreto del Ministro della pubblica
istruzione,   il   quale  acquisira',  per  la  determinazione  delle
affinita',   il   parere   del  Consiglio  nazionale  della  pubblica
istruzione.
  5.  L'iscrizione  nell'elenco  puo'  essere sospesa o revocata, con
decreto  motivato  del Ministro della pubblica istruzione, quando sia
stata  accertata  la  sopravvenuta  mancanza  di uno dei requisiti di
idoneita',  o  quando  risultino  violazioni delle disposizioni delle
leggi o dei regolamenti vigenti, o quando sussistano gravi ragioni di
ordine morale o didattico.
---------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La L. 17 febbraio 1992, n. 202 ha disposto (con l'art. 1, commi 1 e
2)  che "per "istituzioni scolastiche italiane" di cui ai commi 1 e 2
dell'articolo  2  della  legge  30  ottobre  1986,  n. 738, si devono
intendere   le   istituzioni   scolastiche   statali  e,  secondo  le
indicazioni  previste  dalla  legge,  le  scuole  che hanno lo status
giuridico  di  scuole  pareggiate  o  legalmente riconosciute, con la
conseguente  esclusione  di  tutte  quelle  scuole  private  che  non
risultino sedi di esame statale di maturita'.
Nelle  istituzioni scolastiche di cui al comma 1 l'esame di maturita'
puo'   valere   ai   fini   del   conseguimento   del   baccellierato
internazionale  solo  se  autorizzato  ai  sensi  delle  disposizioni
riguardanti la sperimentazione di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 31 maggio 1974, n. 419".