LEGGE 14 maggio 1981, n. 219

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 marzo 1981, n. 75, recante ulteriori interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del novembre 1980 e del febbraio 1981. Provvedimenti organici per la ricostruzione e lo sviluppo dei territori colpiti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/06/2012)
Testo in vigore dal: 26-4-1986
aggiornamenti all'articolo
                              ART. 22.
(Ricostruzione   e   riparazione   di  immobili  e  attrezzature  del
           commercio, artigianato, turismo e spettacolo).

  A  favore  delle imprese dei settori dell'artigianato, del turismo,
del  commercio  all'ingrosso  e  al minuto, della somministrazione al
pubblico  di  alimenti  e  bevande,  delle  attivita'  ausiliarie del
commercio  e  delle  forme  associate  tra  operatori  commerciali  e
turistici,  nonche' dell'esercizio cinematografico e teatrale ubicate
nelle regioni Basilicata e Campania e nei comuni della regione Puglia
indicati nel decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui
al   decreto-legge   13   febbraio   1981,  n.  19,  convertito,  con
modificazioni,  nella  legge  15  aprile 1981, n. 128, e' concesso un
contributo pari al 75 per cento delle spese per la ricostruzione e la
riparazione  dei  locali  e  delle  attrezzature  ed il rinnovo degli
arredi  e  dei  complessi ricettivi e di ristorazione danneggiati dal
terremoto.
  Il  contributo  di  cui  al  comma  precedente e' esteso alle spese
necessarie  per il miglioramento e per l'adeguamento funzionale delle
opere,  nonche'  a  quelle relative all'acquisto del terreno qualora,
per   ragioni   sismiche,  di  vincoli  urbanistico-ambientali  e  di
convenienza   economica,   si   renda   necessario  il  trasferimento
dell'impresa.
  Le domande per fruire del contributo previsto dal presente articolo
devono  essere  presentate  alle  aziende  o agli istituti di credito
entro   il   31   dicembre   1982,  corredate  dall'autorizzazione  o
concessione  ad edificare rilasciata dal sindaco, dall'autorizzazione
dei  competenti  uffici  tecnici regionali, in applicazione di quanto
disposto  dall'articolo  18  della legge 2 febbraio 1974, n. 64, e da
una  specifica  perizia giurata approvata dalla commissione di cui al
successivo comma.(4)
  Il contributo di cui al primo comma e' concesso dalla regione. Fino
all'entrata  in  vigore  della  legge  regionale che disciplinera' le
modalita'  di  erogazione  del contributo, il contributo stesso viene
erogato  dal  presidente della giunta regionale o da un suo delegato,
previo  parere  di una commissione, istituita presso ogni provincia e
composta da un delegato del presidente della giunta regionale, che la
presiede,  da  tre  membri designati dal consiglio regionale con voto
limitato,  da  due  membri  designati  dal presidente della camera di
commercio,    industria,    artigianato    ed   agricoltura   nonche'
dall'intendente di finanza.
  Ai  fini  della concessione dell'erogazione agli aventi diritto del
contributo  previsto  dal  presente  articolo si applicano, in quanto
compatibili,  le norme di cui ai commi quinto, sesto, settimo, ottavo
e nono dell'articolo 21.
  Il   CIPE   assegna,   ai  sensi  del  precedente  articolo  4,  le
disponibilita'  da  destinare  agli  interventi  di  cui  al presente
articolo. (6) ((12))
----------------
AGGIORNAMENTO (4)
  La  L.  4  maggio  1983,  n.  164 ha disposto (con l'art. 1) che "i
termini  previsti  dal  secondo  comma  dell'articolo 14, dal secondo
comma dell'articolo 22 e dal terzo comma dell'articolo 24 della legge
14  maggio  1981,  n.  219,  come  modificati  dall'articolo  23  del
decreto-legge  27  febbraio  1982,  n.  57,  convertito in legge, con
modificazioni, dalla legge 29 aprile 1982, n. 187, sono ulteriormente
al 31 dicembre 1983".
-----------------
AGGIORNAMENTO (6)
  Il D.L. 28 febbraio 1984, n. 19, convertito con modificazioni dalla
L.  19 aprile 1984, n. 850, ha disposto (con l'art. 1 comma 4) che il
termine  di cui all'articolo 22 della legge 14 maggio 1981, n. 219 e'
prorogato al 31 dicembre 1984.
---------------
AGGIORNAMENTO (12)
  Il D.L. 28 febbraio 1986, n. 48, convertito con modificazioni dalla
L. 18 aprile 1986, n. 119, ha disposto (con l'art. 1 comma 6) che "le
domande  corredate  della  relativa  documentazione  per  accedere ai
benefici di cui all'articolo 22 della legge 14 maggio 1981, n. 219, e
successive  modificazioni,  possono  essere  presentate  entro  il 31
dicembre 1986".