LEGGE 9 agosto 1978, n. 463

Modifica dei criteri di determinazione degli organici e delle procedure per il conferimento degli incarichi del personale docente e non docente; misure per l'immissione in ruolo del personale precario nelle scuole materne, elementari, secondarie ed artistiche, nonche' nuove norme relative al reclutamento del personale docente ed educativo delle scuole di ogni ordine e grado.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 07/11/1989)
  • Articoli
  • MODIFICHE ALLE NORME SUL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI E DELLE
    SUPPLENZE - DISPOSIZIONI CONCERNENTI IL PERSONALE INCARICATO E
    SUPPLENTE.

    Capo I
    MODIFICHE ALLE NORME SUL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI E DELLE
    SUPPLENZE
  • 1
  • orig.
  • 2
  • orig.
  • 3
  • 4
  • REVISIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI RUOLI ORGANICI DEL
    PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA ED ARTISTICA.
  • 5
  • IMMISSIONE DI INSEGNANTI NEI RUOLI DELLA SCUOLA MATERNA,
    ELEMENTARE, SECONDARIA ED ARTISTICA.

    Capo I
    DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE SCUOLE MATERNE STATALI
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • orig.
  • DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE SCUOLE ELEMENTARI STATALI
  • 10
  • 11
  • 12
  • NORME RELATIVE AGLI ISTITUTI E SCUOLE DI ISTRUZIONE SECONDARIA ED
    ARTISTICA
  • 13
  • agg.1
  • orig.
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • orig.
  • IMMISSIONE IN RUOLO DI PERSONALE NON DOCENTE
  • 18
  • RICONOSCIMENTO DEL SERVIZIO AGLI EFFETTI DELLA CARRIERA DEL PERSONALE
    NON DOCENTE.
  • 19
  • NORME VARIE E TRANSITORIE

    Capo I
    NORME CONCERNENTI PARTICOLARI CATEGORIE DI PERSONALE DOCENTE
  • 20
  • 21
  • 22
  • ESONERI E SEMIESONERI PER I DOCENTI CON FUNZIONI VICARIE
  • 23
  • 24
  • NORME RELATIVE AL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • RELAZIONE AL PARLAMENTO E COPERTURA FINANZIARIA
  • 34
  • 35
Testo in vigore dal: 5-9-1978
                               Art. 3.
(Conferimento  degli  incarichi  e  delle  supplenze al personale non
 docente nelle scuole materne, elementari, secondarie ed artistiche)

  Le  graduatorie provinciali per il conferimento dei nuovi incarichi
e  delle  supplenze  al  personale  non docente delle scuole materne,
elementari,  secondarie ed artistiche sono compilate ogni biennio, ad
anni  alterni rispetto alle graduatorie da compilare per il personale
docente ai sensi del precedente articolo 2.
  La  compilazione  delle  predette  graduatorie  e'  effettuata alla
scadenza annuale soltanto quando esse siano state esaurite.
  Le  graduatorie di cui al precedente primo comma sono compilate, in
prima  applicazione,  per il conferimento dei nuovi incarichi e delle
supplenze  per  l'anno  scolastico  1979-80.  Per il conferimento dei
nuovi  incarichi  e  delle  supplenze  per l'anno scolastico 1978-79,
continuano  ad  essere  valide  le  graduatorie  compilate per l'anno
scolastico 1977-78.
  Alla formazione delle graduatorie medesime ed al conferimento degli
incarichi  e  delle  supplenze si provvede secondo le modalita' e nei
termini  che saranno stabiliti dal Ministro della pubblica istruzione
con  apposita  ordinanza  da  emanarsi  sentiti  i rappresentanti dei
sindacati  che  organizzano  su  scala  nazionale  le  categorie  del
personale non docente delle scuole materne, elementari, secondarie ed
artistiche  e  che  siano  da  ritenersi i piu' rappresentativi delle
categorie medesime.
  I  titoli  valutabili  ed  i  relativi  punteggi sono stabiliti con
decreto  del Ministro della pubblica istruzione, sentito il Consiglio
nazionale  della  pubblica  istruzione,  con specifico riferimento al
titolo di studio e, ove prescritto, di specializzazione e al servizio
prestato,  attinenti  al  tipo  di  posto  per  il  quale  si  chiede
l'inclusione nella graduatoria provinciale.
  E'  abrogato il primo comma dell'articolo 17 della legge 6 dicembre
1971, n. 1074, per la parte in cui fa riferimento, integrandola, alla
commissione di cui all'articolo 3 della legge 13 giugno 1969, n. 282.
Le  attribuzioni  affidate  alla  commissione  per gli incarichi sono
devolute al provveditore agli studi.
  Entro  cinque  giorni dalla data di pubblicazione delle graduatorie
provvisorie,   ciascun   interessato   puo'   presentare  ricorso  in
opposizione  al  provveditore  agli  studi  per motivi attinenti alla
posizione in graduatoria dei singoli aspiranti all'incarico.
  Le  graduatorie  definitive  sono  pubblicate all'albo dell'ufficio
scolastico  provinciale subito dopo l'esame dei ricorsi e non sono di
per se' impugnabili.
  Avverso  i  provvedimenti  adottati  sulla  base  delle graduatorie
definitive  per  il  conferimento  dei  nuovi  incarichi nelle scuole
materne  ed  elementari  e'  ammesso  ricorso  da  parte  dei singoli
interessati,  entro  il  termine  di quindici giorni dalla data della
pubblicazione   dei   provvedimenti   stessi   all'albo  dell'ufficio
scolastico  provinciale, ad una commissione composta dal provveditore
agli  studi  o  da  un  funzionario della carriera direttiva di detto
ufficio,  da lui delegato, che la presiede, da un preside o direttore
didattico,  da  un  impiegato della carriera di concetto dell'ufficio
scolastico  provinciale e da quattro rappresentanti del personale non
docente.  Due  dei  rappresentanti  del personale non docente debbono
essere, ove possibile, incaricati.
  Il  preside  o  direttore didattico e l'impiegato della carriera di
concetto  sono  nominati dal provveditore agli studi, il quale nomina
altresi'  gli altri componenti della commissione fra il personale non
docente  proposto dai rappresentanti provinciali dei sindacati di cui
al  precedente  quarto  comma.  Nello  stesso  modo  vengono nominati
inoltre un preside o direttore didattico, un impiegato della carriera
di  concetto dell'ufficio scolastico provinciale e due rappresentanti
del  personale  non  docente,  per  supplire  eventuali  assenze.  La
commissione rimane in carica un anno.
  Con  il  ricorso  di  cui  al  precedente  ottavo  comma  i singoli
interessati  non  possono proporre motivi attinenti alla legittimita'
delle  presupposte  graduatorie,  deducibili e non dedotti in sede di
ricorso in opposizione avverso le graduatorie provvisorie.
  Per  la  notifica  del  ricorso  ai  controinteressati  si  applica
l'articolo  4 del decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre
1971,  n.  1199.  Il  termine  di  cui  al secondo comma del medesimo
articolo 4 e' ridotto a dieci giorni.
  La commissione decide, in via definitiva, entro trenta giorni dalla
data  della  presentazione dei ricorsi. Scaduto infruttuosamente tale
termine, i ricorsi si intendono respinti.