LEGGE 29 aprile 1976, n. 177

Collegamento delle pensioni del settore pubblico alla dinamica delle retribuzioni. Miglioramento del trattamento di quiescenza del personale statale e degli iscritti alle casse pensioni degli istituti di previdenza.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/05/2010)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 22-5-1976
                              Art. 15. 
                 Base pensionabile personale civile 
 
  L'articolo 43  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  29
dicembre 1973, n. 1092, e' sostituito, per le cessazioni dal servizio
aventi decorrenza non anteriore al 1° gennaio 1976, dal seguente: 
  "Ai fini della  determinazione  della  misura  del  trattamento  di
quiescenza dei dipendenti civili, la  base  pensionabile,  costituita
dall'ultimo stipendio o  dall'ultima  paga  o  retribuzione  e  dagli
assegni  o  indennita'  pensionabili   sottoindicati,   integralmente
percepiti, e' aumentata del 18 per cento: 
    a) indennita' di funzione per i dirigenti superiori e per i primi
dirigenti prevista dall'articolo 47 del decreto del Presidente  della
Repubblica 30 giugno 1972, n. 748; 
    b) assegno perequativo e assegno personale pensionabile  previsti
dalla legge 15 novembre 1973, n. 734, per gli  impiegati  civili,  di
ruolo e non di ruolo e per gli operai dello Stato; 
    c)  indennita'  ed  assegno   personale   pensionabile   previsti
dall'articolo 1  della  legge  16  novembre  1973,  n.  728,  per  il
personale  di  ruolo  e  non  di  ruolo,  compreso  quello   operaio,
dell'Amministrazione  delle  poste  e   delle   telecomunicazioni   e
dell'Azienda di Stato per i servizi telefonici; 
    d) assegno annuo previsto dall'articolo 12 del  decreto-legge  1°
ottobre 1973, n. 580, convertito nella legge  30  novembre  1973,  n.
766, per il personale insegnante delle universita' e  degli  istituti
di istruzione universitaria, fuori ruolo ed incaricato; 
    e) assegno annuo previsto dall'articolo 12 della legge 30  luglio
1973, n. 477, per il personale ispettivo, direttivo,  docente  e  non
docente della scuola materna, elementare secondaria ed artistica; 
    f)  indennita'  e   assegno   personale   pensionabili   previsti
dall'articolo 1 della legge 27 dicembre 1973, n. 851 per il personale
di ruolo e non di ruolo e il personale  operaio  dell'Amministrazione
autonoma dei monopoli di Stato; 
    g) assegno personale previsto dall'articolo 202 del  decreto  del
Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957 n. 3. 
  Agli stessi fini, nessun  altro  assegno  o  indennita',  anche  se
pensionabile, possono essere considerati se la relativa  disposizione
di legge non ne  preveda  espressamente  la  valutazione  nella  base
pensionabile".