LEGGE 25 novembre 1971, n. 1096

Disciplina dell'attivita' sementiera.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 27/02/2021)
Testo in vigore dal: 23-6-2001
aggiornamenti all'articolo
                            Art. 20-bis. 
 
  ((1. Il Ministero delle politiche agricole e  forestali,  anche  su
proposta dei Ministeri della sanita' o dell'ambiente, per gli aspetti
di   rispettiva   competenza,   chiede   alla   Commissione   europea
l'autorizzazione a vietare, in  tutto  o  in  parte,  nel  territorio
nazionale, la commercializzazione delle sementi o  dei  materiali  di
moltiplicazione di tale varieta' se e' accertato che la  coltivazione
di una varieta' iscritta nel catalogo comune delle varieta': 
    a) possa nuocere alla coltivazione di altre varieta' o specie dal
punto di vista fitosanitario o alla loro integrita'; 
    b) possa  presentare  un  rischio  per  la  salute  umana  o  per
l'ambiente, anche con riguardo alle eventuali conseguenze sui sistemi
agrari   tenuto   conto   delle   peculiarita'   agro-ecologiche    e
pedoclimatiche. La valutazione del rischio per l'ambiente o la salute
umana e' effettuata sulla base dei criteri di  riferimento  stabiliti
dalla direttiva 90/220/CE e successive modificazioni,  dal  principio
di precauzione, dalla Convenzione sulla diversita'  biologica  e  dal
protocollo sulla biosicurezza di Carthagena. 
  2. In caso di  pericolo  imminente  di  propagazione  di  organismi
nocivi o di pericolo imminente per la salute umana o  per  l'ambiente
il divieto di cui al comma 1 puo'  essere  applicato  immediatamente,
dal momento della  presentazione  della  richiesta  alla  Commissione
europea sino al momento della decisione della  stessa.  Il  Ministero
delle politiche agricole e forestali contestualmente  alla  richiesta
di cui al comma 1,  informa  la  Commissione  europea  dell'immediata
applicazione del divieto.)) 
                                                               ((11)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (11) 
  Il D.Lgs. 24 aprile 2001, n. 212 ha disposto (con l'art. 18,  comma
1) che "La commercializzazione  delle  sementi  appartenenti  ad  una
categoria ammessa in base alle disposizioni vigenti prima della  data
di entrata in vigore del presente decreto legislativo  e'  consentita
fino al 30 giugno 2003".