LEGGE 4 marzo 1952, n. 137

Assistenza a favore dei profughi.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/12/2000)
Testo in vigore dal: 1-1-2001
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 17.

  Per  la  durata  di  un  quadriennio  dall'entrata  in vigore della
presente   legge,   gli  Istituti  autonomi  delle  case  popolari  e
l'U.N.R.R.A.  - Casas sono tenuti a riservare ai profughi la aliquota
del  15  per cento degli alloggi che saranno costruiti ed abitabili a
partire  dal  1  gennaio  1952.  Nella  assegnazione  sara'  data  la
precedenza  ai  profughi ricoverati nei centri di raccolta dipendenti
dal  Ministero  dell'interno e, successivamente, agli assistiti fuori
campo.
  La  stessa  aliquota del 15 per cento deve essere riservata, per lo
stesso  periodo  di  un  quadriennio da parte dell'Istituto nazionale
case  impiegati  dello  Stato (I.N.C.I.S.), per i profughi dipendenti
statali  in  possesso  dei  titoli per concorrere all'assegnazione di
case del predetto Istituto.
  In  ogni Provincia una speciale Commissione nominata dal prefetto e
presieduta  da un funzionario di prefettura di grado non inferiore al
6° provvedera' alla assegnazione degli alloggi di cui sopra.
  Della  Commissione devono far parte un rappresentante dell'Istituto
costruttore, un rappresentante del Genio civile, un funzionario della
Intendenza  di  finanza  e  un  funzionario  della pubblica sicurezza
designato  dal questore e un rappresentante dei profughi nominato dal
predetto. (3) (7) (8) ((11))
----------------
AGGIORNAMENTO (3)
  La  L. 14 ottobre 1960, n. 1219 ha disposto (con l'art. 2, comma 1)
che  le  disposizioni del presente articolo sono prorogate fino al 31
dicembre 1963.
----------------
AGGIORNAMENTO (7)
  La  L.  10 novembre 1964, n. 1225 ha disposto (con l'art. 4) che le
disposizioni  di  cui  al presente articolo sono prorogate fino al 31
dicembre 1968.
----------------
AGGIORNAMENTO (8)
  Il  D.L. 28 agosto 1970, n. 622, convertito con modificazioni dalla
L.  19  ottobre 1970, n. 744, ha disposto (con l'art. 4, comma 6) che
"Per  un  biennio  dalla  data  di  entrata  in vigore della legge di
conversione  del presente decreto, l'aliquota stabilita dall'articolo
17  della legge 4 marzo 1952, n. 137, e' elevata al trenta per cento;
almeno  la  meta'  di tale aliquota sara' assegnata con precedenza ai
connazionali rimpatriati dalla Libia dal 1 settembre 1969".
----------------
AGGIORNAMENTO (11)
  La L. 23 dicembre 2000, n. 388 ha disposto (con l'art. 45, comma 3)
che  il  termine per la domanda di cessione di immobili a profughi di
cui  agli articoli 1, 17 e 18 della presente legge, e' prorogato sino
al 30 dicembre 2005.