DECRETO LEGISLATIVO 8 marzo 2006, n. 139

Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/4/2006 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/06/2020)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 8-7-2017
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 15. 
            Norme tecniche ((...)) di prevenzione incendi 
 
(articolo 3, legge 7 dicembre 1984, n.  818;  articolo  1,  comma  7,
lettera e), legge 23 agosto 2004, n. 239; articoli 3  e  13,  decreto
del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577) 
 
  1. Le norme tecniche  di  prevenzione  incendi  sono  adottate  con
decreto  del  Ministro  dell'interno,  di  concerto  con  i  Ministri
interessati, sentito il Comitato centrale tecnico-scientifico per  la
prevenzione   incendi.   Esse    sono    fondate    su    presupposti
tecnico-scientificigenerali in relazione alle situazioni  di  rischio
tipiche da prevenire e specificano: 
    a) le misure, i provvedimenti e gli accorgimenti operativi intesi
a ridurre le probabilita'  dell'insorgere  degli  incendi  ((e  delle
esplosioni)) attraverso dispositivi, sistemi, impianti, procedure  di
svolgimento  di  determinate  operazioni,  atti  ad  influire   sulle
sorgenti di  ignizione,  sul  materiale  combustibile  e  sull'agente
ossidante; 
    b) le misure, i provvedimenti e gli accorgimenti operativi intesi
a  limitare  le  conseguenze  dell'incendio  ((e  delle  esplosioni))
attraverso  sistemi,  dispositivi  e   caratteristiche   costruttive,
sistemi per le vie di  esodo  di  emergenza,  dispositivi,  impianti,
distanziamenti, compartimentazioni e simili. 
  2. Le norme  tecniche  di  prevenzione  incendi  relative  ai  beni
culturali ed  ambientali  sono  adottate  con  decreto  dei  Ministro
dell'interno, di concerto con il Ministro per i beni e  le  attivita'
culturali. 
  3. Fino all'adozione delle norme di cui al comma 1, alle attivita',
costruzioni,  impianti,  apparecchiature  e  prodotti  soggetti  alla
disciplina di prevenzione incendi si applicano i criteri tecnici  che
si desumono dalle finalita' e dai principi  di  base  della  materia,
tenendo presenti altresi' le esigenze funzionali e costruttive  delle
attivita' interessate.