DECRETO LEGISLATIVO 1 agosto 2003, n. 259

Codice delle comunicazioni elettroniche.

note: Entrata in vigore del decreto: 16-9-2003 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/07/2021)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 15-9-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 55 
             Elenco abbonati e servizi di consultazione 
 
 
  1. Sono accessibili agli utenti finali e, per la lettera  b)  anche
agli utenti dei telefoni pubblici a pagamento: 
    a) almeno  un  elenco  completo  relativo  alla  rete  urbana  di
appartenenza in una forma, cartacea, elettronica  o  in  entrambe  le
forme, approvata dall'Autorita' e aggiornato a scadenze  regolari  ed
almeno una volta l'anno; 
    b) almeno un servizio completo di consultazione degli elenchi. 
  2. Il Ministero vigila sull'applicazione del comma 1. 
  3. In considerazione dell'esistenza sul mercato di diverse  offerte
in  termini  di  disponibilita',  qualita'  e   prezzo   accessibile,
fintantoche' il  Ministero  non  riscontri  il  venir  meno  di  tali
condizioni, ai servizi di  cui  al  comma  1  non  si  applicano  gli
obblighi di fornitura del servizio universale. Il Ministero  verifica
il  permanere  delle  predette  condizioni,  sentiti  gli   operatori
interessati, con cadenza semestrale. 
  4. Gli elenchi di cui  al  comma  1  comprendono,  fatte  salve  le
disposizioni in materia di protezione dei dati personale,  tutti  gli
abbonati ai servizi telefonici accessibili al pubblico. 
  5. L'Autorita' assicura che le imprese che  forniscono  servizi  di
cui al comma 1 applichino il principio  di  non  discriminazione  nel
trattamento e nella presentazione delle informazioni loro  comunicate
da altre imprese. 
  6. Con regolamento adottato ai  sensi  dell'articolo  17,  comma  1
della legge 23 agosto 1988 n. 400, entro sessanta giorni dall'entrata
in vigore  del  Codice,  su  proposta  del  Ministro  dello  sviluppo
economico di concerto con i Ministri della giustizia e  dell'interno,
previa consultazione ai sensi dell'articolo 11, sono disciplinati gli
obblighi e le modalita' di comunicazione al Ministero, da parte delle
imprese, delle attivazioni in materia di portabilita' del  numero  di
cui all'articolo 80. 
  7. Ogni impresa e' tenuta a  rendere  disponibili,  anche  per  via
telematica, al centro di elaborazione dati del Ministero dell'interno
gli elenchi di tutti i propri abbonati e di tutti gli acquirenti  del
traffico prepagato della  telefonia  mobile,  che  sono  identificati
prima dell'attivazione del servizio,  al  momento  della  consegna  o
messa a disposizione della occorrente scheda elettronica (S.I.M.). Le
predette imprese adottano tutte le necessarie misure affinche'  venga
garantita  l'acquisizione  dei  dati  anagrafici  riportati   su   un
documento  di  identita',  nonche'  del  tipo,  del  numero  e  della
riproduzione del documento presentato dall'acquirente  ed  assicurano
il corretto trattamento dei dati acquisiti.  L'autorita'  giudiziaria
ha facolta' di accedere per fini di giustizia ai predetti elenchi  in
possesso del centro di elaborazione dati del Ministero dell'interno. 
  ((7-bis. L'obbligo di identificazione di cui  al  comma  7  non  si
applica alle schede elettroniche (S.I.M.) utilizzate per la fornitura
di  servizi  di  tipo  'internet  delle   cose',   installate   senza
possibilita' di essere estratte all'interno degli oggetti connessi  e
che, anche  se  disinstallate,  non  possono  essere  utilizzate  per
effettuare traffico vocale, inviare SMS  o  fruire  del  servizio  di
connessione a internet)).