DECRETO LEGISLATIVO 18 giugno 1998, n. 237

Disciplina dell'introduzione in via sperimentale, in talune aree, dell'istituto del reddito minimo di inserimento, a norma dell'articolo 59, commi 47 e 48, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

note: Entrata in vigore del decreto: 4-8-1998. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 13/11/2000)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 28-11-2000
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 15
        (( (Estensione del reddito minimo di inserimento). ))

  ((1.   Il   Governo,   sentite   la  Conferenza  unificata  di  cui
all'articolo  8  del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e le
organizzazioni  sindacali  maggiormente rappresentative, riferisce al
Parlamento,   entro   il   30   maggio  2001,  sull'attuazione  della
sperimentazione   e   sui   risultati   conseguiti.   Con  successivo
provvedimento   legislativo,   tenuto   conto   dei  risultati  della
sperimentazione,  sono  definiti le modalita', i termini e le risorse
per l'estensione dell'istituto del reddito minimo di inserimento come
misura  generale  di  contrasto della poverta', alla quale ricondurre
anche gli altri interventi di sostegno del reddito, quali gli assegni
di  cui all'articolo 3, comma 6, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e
le  pensioni  sociali  di  cui  all'articolo 26 della legge 30 aprile
1969, n. 153, e successive modificazioni.))
  Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
   Dato a Roma, addi' 18 giugno 1998
                              SCALFARO
Prodi, Presidente del Consiglio dei Ministri
Turco, Ministro per la solidarieta' sociale
Ciampi, Ministro del tesoro, del bilancio   e   della  programmazione
                                  economica
 Visto, il Guardasigilli: Flick