DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 1993, n. 507

Revisione ed armonizzazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle province nonche' della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell'art. 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, concernente il riordino della finanza territoriale.

note: Entrata in vigore del decreto: 24/12/1993 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/02/2020)
Testo in vigore dal: 1-1-1999
aggiornamenti all'articolo
                        Art. 72. 
                             Riscossione 
  1. L'importo del tributo ed addizionali, degli  accessori  e  delle
sanzioni, liquidato sulla base dei ruoli dell'anno precedente,  delle
denunce presentate e degli accertamenti notificati nei termini di cui
all'art. 71, comma 1, e' iscritto a cura del funzionario responsabile
di cui all'articolo 74  in  ruoli  principali  ovvero,  con  scadenze
successive, nei ruoli suppletivi,  da  formare  e  consegnare  ((  al
concessionario della riscossione, a pena di  decadenza,  entro  entro
l'anno successivo a quello per il quale e' dovuto il  tributo  e,  in
caso di liquidazione in base a denuncia tardiva  o  ad  accertamento,
entro l'anno successivo a quello nel corso del quale e'  prodotta  la
predetta denuncia ovvero l'avviso di accertamento e'  notificato.  La
formazione  e  l'apposizione  del  visto  dei  ruoli   principali   e
suppletivi relativi agli anni 1995, 1996 e 1997 sono  eseguite  entro
il 31 dicembre 1999.)) I predetti importi sono  arrotondati  a  mille
lire per difetto se la frazione non e' superiore a cinquecento lire o
per eccesso se e' superiore. Relativamente ai soli anni 1995  e  1996
la formazione e la consegna dei ruoli principali e suppletivi di  cui
al primo periodo e' eseguita, a  pena  di  decadenza,rispettivamente,
entro il 31 dicembre 1996 e il 31 dicembre 1997.(6) 
  2. Nei ruoli suppletivi sono, di regola, iscritti gli importi  o  i
maggiori importi derivanti dagli accertamenti  nonche'  quelli  delle
partite comunque non iscritte nei ruoli principali. 
  3. Gli importi di cui al comma 1  sono  riscossi  in  quattro  rate
bimestrali consecutive alle scadenze previste  dall'articolo  18  del
decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre  1973,  n.  602,
riducibili a due rate su autorizzazione dell'intendente  di  finanza.
Su  istanza  del  contribuente  iscritto  nei  ruoli   principali   o
suppletivi il sindaco puo' concedere per gravi motivi la ripartizione
fino a otto rate del carico  tributario  se  comprensivo  di  tributi
arretrati. In caso  di  omesso  pagamento  di  due  rate  consecutive
l'intero ammontare  iscritto  nei  ruoli  e'  riscuotibile  in  unica
soluzione.  Sulle  somme  il  cui  pagamento  e'  differito  rispetto
all'ultima rata di normale scadenza si applicano gli interessi del  7
per cento per ogni semestre o frazione di semestre. (7) 
  4. Ferme restando le disposizioni di cui ai  commi  precedenti,  si
applicano, per quanto attiene al tributo,  da  parte  del  competente
ufficio comunale, gli articoli 11, 12, escluso il  primo  comma,  13,
18, primo e terzo comma, 19, secondo comma, 20,  secondo  comma,  21,
secondo comma, 23, 24, esclusa la seconda parte del primo comma,  25,
26, escluso l'ultimo comma, 27, 28, 29, 30, 31 e 42 del  decreto  del
Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602. 
  5. Si applicano,  in  quanto  compatibili,  le  altre  disposizioni
contenute nel decreto del Presidente della  Repubblica  29  settembre
1973, n. 602 e nel decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio
1988, n. 43. 
  6. Si applica l'articolo 298 del regio decreto 14  settembre  1931,
n. 1175, e successive modificazioni. 
    
----------------

    
AGGIORNAMENTO (6)
Il D.L. 28 giugno 1995, n. 250 convertito con modificazioni  dalla
L. 8 agosto 1995, n. 349 ha disposto (con l'art. 1, comma 13) che "Il
termine del 15 dicembre 1994 per la formazione e consegna  dei  ruoli
relativi alla tassa per lo  smaltimento  dei  rifiuti  solidi  urbani
interni, ai sensi dell'articolo 72, comma 1, del decreto  legislativo
15 novembre 1993, n. 507, e' differito al 30 settembre 1995".
    
----------------


    
AGGIORNAMENTO (7) 
  Il D.L. 2 ottobre 1995, n. 415 convertito con  modificazioni  dalla
L. 29 novembre 1995, n. 507 ha disposto (con l'art. 4, comma 10)  che
"Il termine per  l'applicabilita'  dell'articolo  72,  comma  3,  del
decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507, e' fissato al 1 gennaio
1995."