DECRETO-LEGGE 17 febbraio 2017, n. 13

Disposizioni urgenti per l'accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale, nonche' per il contrasto dell'immigrazione illegale. (17G00026)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 18/02/2017
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 13 aprile 2017, n. 46 (in G.U. 18/04/2017, n. 90).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/12/2021)
  • Articoli
  • Istituzione di sezioni specializzate in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
  • 1
  • orig.
  • 2
  • orig.
  • 3
  • agg.1
  • orig.
  • 4
  • agg.2
  • agg.1
  • orig.
  • 5
  • Misure per la semplificazione e l'efficienza delle procedure innanzi alle Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale e di integrazione dei cittadini stranieri nonche' per la semplificazione e l'efficienza dei procedimenti giudiziari di riconoscimento dello status di persona internazionalmente protetta e degli altri procedimenti giudiziari connessi ai fenomeni dell'immigrazione. Misure di supporto ad interventi educativi nella materia dell'esecuzione penale esterna e di messa alla prova
  • 6
  • orig.
  • 7
  • orig.
  • 8
  • orig.
  • 9
  • 10
  • orig.
  • 11
  • orig.
  • 12
  • agg.1
  • orig.
  • 13
  • agg.1
  • orig.
  • 14
  • orig.
  • Misure per l'accelerazione delle procedure di identificazione e per la definizione della posizione giuridica dei cittadini di Paesi non appartenenti all'Unione europea nonché per il contrasto dell'immigrazione illegale e del traffico di migranti
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • orig.
  • 19 bis
  • orig.
  • Disposizioni finanziarie transitorie e finali
  • 20
  • 21
  • orig.
  • 21 bis
  • 22
  • orig.
  • 23
Testo in vigore dal: 24-12-2021
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4 
 
 
                Competenza territoriale delle sezioni 
 
  1. Le controversie e i procedimenti di cui all'articolo 3, comma 1,
sono assegnati alle sezioni specializzate di cui all'articolo  1.  E'
competente  territorialmente  la  sezione  specializzata  nella   cui
circoscrizione ha sede l'autorita' che ha adottato  il  provvedimento
impugnato. 
  2. Per l'assegnazione delle controversie di cui all'articolo 35 del
decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25,  l'autorita'  di  cui  al
comma  1  e'  costituita  dalla  commissione  territoriale   per   il
riconoscimento della protezione internazionale o dalla sezione che ha
pronunciato il provvedimento impugnato ovvero  il  provvedimento  del
quale e' stata dichiarata la revoca o la cessazione. 
  2-bis. Per l'assegnazione delle controversie di cui all'articolo 3,
comma  3-bis,  del  decreto  legislativo  28  gennaio  2008,  n.  25,
l'autorita' di  cui  al  comma  1  e'  costituita  dall'articolazione
dell'Unita' Dublino operante presso il Dipartimento per  le  liberta'
civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno nonche' presso  le
prefetture-uffici  territoriali  del  Governo  che  ha  adottato   il
provvedimento impugnato. 
  3. Nel caso di ricorrenti presenti in una struttura di  accoglienza
governativa o in una struttura  del  sistema  di  protezione  di  cui
all'articolo 1-sexies del decreto-legge 30  dicembre  1989,  n.  416,
convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1990,  n.  39,
ovvero trattenuti in un centro di cui  all'articolo  14  del  decreto
legislativo 25 luglio 1998, n. 286, si applica il  criterio  previsto
dal comma 1, avendo riguardo al luogo in cui la struttura o il centro
ha sede. 
  4. Per l'assegnazione dei  procedimenti  di  cui  all'articolo  14,
comma 6, del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142,  si  applica
il criterio di cui al comma 1, avendo riguardo al  luogo  in  cui  ha
sede  l'autorita'  che  ha  adottato  il  provvedimento  soggetto   a
convalida. 
  5. Le controversie di cui all'articolo 3, comma 2,  sono  assegnate
secondo il criterio previsto dal comma 1, avendo riguardo al luogo in
cui l'attore ha la dimora. ((Quando l'attore  risiede  all'estero  le
controversie di accertamento dello  stato  di  cittadinanza  italiana
sono assegnate avendo riguardo al comune di nascita del padre,  della
madre o dell'avo cittadini italiani)). ((7)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (7) 
  La L. 26 novembre 2021, n. 206, ha disposto (con  l'art.  1,  comma
37) che "Le disposizioni dei commi da 27 a 36 del  presente  articolo
si   applicano   ai   procedimenti   instaurati   a   decorrere   dal
centottantesimo giorno successivo alla  data  di  entrata  in  vigore
della presente legge".