DECRETO-LEGGE 9 febbraio 2017, n. 8

Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. (17G00021)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 10/02/2017
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 7 aprile 2017, n. 45 (in G.U. 10/04/2017, n. 84).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2021)
Testo in vigore dal: 24-12-2019
aggiornamenti all'articolo
                             Art. 18-bis 
 
 
             (Realizzazione del progetto "Casa Italia"). 
 
  ((1. La Presidenza del Consiglio dei ministri esercita le  funzioni
di indirizzo  e  coordinamento  dell'azione  strategica  del  Governo
connesse al progetto 'Casa Italia', nonche' le funzioni di  indirizzo
e coordinamento dell'operato dei  soggetti  istituzionali  competenti
per le attivita'  di  ripristino  e  di  ricostruzione  di  territori
colpiti  da  eventi  calamitosi  di  origine  naturale  o   derivanti
dall'attivita' dell'uomo, successive agli  interventi  di  protezione
civile)). 
  ((1-bis. Le funzioni di cui al comma  1  attengono  allo  sviluppo,
all'ottimizzazione e  all'integrazione  degli  strumenti  finalizzati
alla cura e alla valorizzazione del territorio e  delle  aree  urbane
nonche' del patrimonio abitativo,  ferme  restando  le  attribuzioni,
disciplinate dal codice della protezione civile, di  cui  al  decreto
legislativo 2 gennaio 2018, n.  1,  in  capo  al  Dipartimento  della
protezione civile della Presidenza del Consiglio dei ministri e  alle
altre amministrazioni competenti in materia)). 
  2. Per garantire l'esercizio delle funzioni  di  cui  al  comma  1,
fermi restando la  dotazione  organica  del  personale  di  ruolo  di
livello non dirigenziale e i contingenti del  personale  di  prestito
previsti per la Presidenza del Consiglio dei ministri,  la  dotazione
organica dirigenziale della Presidenza del Consiglio dei ministri  e'
incrementata di tre  posizioni  di  livello  generale  e  di  quattro
posizioni  di  livello  non  generale.  E'  lasciata  facolta'   alla
Presidenza del Consiglio dei ministri di  procedere,  in  aggiunta  a
quanto autorizzato a valere sulle attuali facolta'  assunzionali,  al
reclutamento nei propri  ruoli  di  venti  unita'  di  personale  non
dirigenziale e di quattro unita' di personale dirigenziale di livello
non generale, tramite apposito concorso per l'espletamento del  quale
puo' avvalersi della Commissione per  l'attuazione  del  progetto  di
riqualificazione delle pubbliche  amministrazioni  di  cui  al  comma
3-quinquies dell'articolo 4 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125. 
  3. Per le finalita' di cui al presente articolo e'  autorizzata  la
spesa di 1.300.000 euro  per  l'anno  2017  e  di  2.512.000  euro  a
decorrere dall'anno 2018. Al relativo onere si provvede: 
  a) quanto a 1.300.000 euro per l'anno 2017 e a 2.512.000  euro  per
l'anno 2018, mediante riduzione del Fondo per interventi  strutturali
di  politica  economica  di  cui  all'articolo  10,  comma   5,   del
decreto-legge   29   novembre   2004,   n.   282,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307; 
  b) quanto a 2.512.000 euro a  decorrere  dall'anno  2019,  mediante
corrispondente riduzione  delle  proiezioni  dello  stanziamento  del
fondo speciale di parte  corrente  iscritto,  ai  fini  del  bilancio
triennale 2017-2019, nell'ambito del programma "Fondi  di  riserva  e
speciali"  della  missione  "Fondi  da  ripartire"  dello  stato   di
previsione del Ministero dell'economia e  delle  finanze  per  l'anno
2017, allo scopo parzialmente utilizzando  l'accantonamento  relativo
al medesimo Ministero. 
  4. Il Ministro dell'economia e  delle  finanze  e'  autorizzato  ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.