DECRETO-LEGGE 8 aprile 2008, n. 59

Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e l'esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunita' europee.

note: Entrata in vigore del decreto: 9-4-2008.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 6 giugno 2008, n. 101 (in G.U. 07/06/2008, n.132).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 05/05/2017)
Testo in vigore dal: 20-5-2017
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                          Art. 8-duodecies 
          Modifiche all'art. 2, comma 82, del decreto-legge 
3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni dalla legge 24 
novembre 2006, n. 286. Messa in mora nell'ambito della  procedura  di
                       infrazione n. 2006/2419 
 
  1. All'articolo 2, comma 82, del decreto-legge 3 ottobre  2006,  n.
262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006,  n.
286,  e  successive  modificazioni,  sono   apportate   le   seguenti
modificazioni: 
    a) al primo periodo,  le  parole:  "nonche'  in  occasione  degli
aggiornamenti periodici del piano finanziario ovvero delle successive
revisioni periodiche della convenzione," sono soppresse; 
    b) l'ultimo periodo e' sostituito dal seguente:  "La  convenzione
unica sostituisce ad ogni effetto la convenzione originaria,  nonche'
tutti i relativi atti aggiuntivi". 
  2. Sono approvati tutti gli schemi di convenzione con  la  societa'
ANAS  S.p.a.  gia'   sottoscritti   dalle   societa'   concessionarie
autostradali alla data  del  31  luglio  2010,  a  condizione  che  i
suddetti schemi recepiscano le prescrizioni richiamate dalle delibere
del CIPE di approvazione, ai fini dell'invarianza  di  effetti  sulla
finanza  pubblica,  fatti  salvi  gli  schemi  di  convenzione   gia'
approvati. Le societa' concessionarie,  ove  ne  facciano  richiesta,
possono concordare con il concedente  una  formula  semplificata  del
sistema di adeguamento annuale delle tariffe di pedaggio basata su di
una  percentuale  fissa,  per  l'intera  durata  della   convenzione,
dell'inflazione  reale,  anche  tenendo  conto   degli   investimenti
effettuati, oltre che sulle componenti  per  la  specifica  copertura
degli investimenti di  cui  all'articolo  21,  del  decreto-legge  24
dicembre 2003, n. 355, convertito, con modificazioni, dalla legge  27
febbraio 2004, n. 47, nonche' dei nuovi investimenti come individuati
dalla direttiva approvata con deliberazione CIPE 15 giugno  2007,  n.
39, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 197 del  25  agosto  2007,
ovvero di quelli eventualmente compensati attraverso il  parametro  X
della direttiva medesima. PERIODO ABROGATO DAL D.L. 6 DICEMBRE  2011,
N. 201, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L. 22  DICEMBRE  2011,  N.
214. (7) 
  2-bis. ((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 18  APRILE  2016,  N.  50,  COME
MODIFICATO DAL D.LGS. 19 APRILE 2017, N. 56)). 
  2-ter. I contratti di concessione di costruzione e  gestione  e  di
sola gestione nel  settore  stradale  e  autostradale  sono  affidati
secondo  le  procedure  previste   all'articolo   144   del   decreto
legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modificazioni, ovvero
all'articolo  153  del  medesimo  decreto.  A  tal   fine   sono   da
considerarsi concessionari solo i soggetti individuati ai sensi della
parte II, titolo III, capo II, dello stesso decreto. Sono fatti salvi
i soggetti gia' individuati alla data  di  entrata  in  vigore  della
presente disposizione secondo la normativa nazionale di  riferimento,
nonche' i titolari di concessioni di cui all'articolo 253, comma  25,
del predetto decreto legislativo. 
------------ 
AGGIORNAMENTO (7) 
  Il D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla
L. 30 luglio 2010, n.  122,  nel  modificare  l'art.  2,  comma  202,
lettera a) della L.  23  dicembre  2009,  n.  191,  ha  disposto  che
"L'articolo 2, comma 202, lettera a), della legge 23 dicembre 2009 n.
191, si interpreta nel senso che in caso di  mancato  adeguamento  da
parte dei concessionari degli schemi di convenzione ovvero dei  Piani
economico  -finanziari  alle  prescrizioni  del  CIPE  attestato  dal
concedente dandone comunicazione ai Ministeri dell'economia  e  delle
finanze e  delle  infrastrutture  e  dei  trasporti,  gli  schemi  di
convenzione stessi non si intendono approvati e sono sottoposti  alle
ordinarie procedure di approvazione di cui all'articolo 2, commi 82 e
seguenti del decreto-legge 3 ottobre 2006,  n.  262  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006, n. 286".