DECRETO-LEGGE 10 gennaio 2006, n. 2

Interventi urgenti per i settori dell'agricoltura, dell'agroindustria, della pesca, nonche' in materia di fiscalita' d'impresa.

note: Entrata in vigore del decreto: 12-1-2006.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 11 marzo 2006, n. 81 (in SO n.58, relativo alla G.U. 11/03/2006, n.59).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 06/11/2021)
Testo in vigore dal: 13-7-2011
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                             Art. 4-bis 
         Lotta alla contraffazione e misure di finanziamento 
 
  1. All'Alto Commissario per la lotta alla contraffazione, istituito
dall'articolo i-quater  del  decreto-legge  14  marzo  2005,  n.  35,
convertito, con modificazioni, dalla legge 14  maggio  2005,  n.  80,
spetta il compito di assicurare il monitoraggio,  anche  nel  settore
agroalimentare, dei fenomeni in materia di violazione dei diritti  di
proprieta'   industriale   e   di   proprieta'   intellettuale,    di
coordinamento e di studio delle misure volte a contrastarli,  nonche'
di  assistenza  alle  imprese  per  la  tutela  contro  le   pratiche
commerciali sleali. 
  2. Per il pieno svolgimento delle attribuzioni in materia di  lotta
alla contraffazione, l'Alto Commissario  si  avvale  di  un  comitato
tecnico.  Le  eventuali  spese  sono   poste   a   carico   dell'Alto
Commissario. 
  3.  E'  altresi  assegnato  all'Ufficio  dell'Alto  Commissario  un
contingente di 15 unita' di personale, di cui  2  con  qualifica  non
inferiore a dirigente. Il personale appartenente alle amministrazioni
di cui all'articolo 1, comma 2,  del  decreto  legislativo  30  marzo
2001,   n.   165,   e   successive   modificazioni,   e'    collocato
obbligatoriamente in posizione di fuori ruolo ovvero  di  aspettativa
retribuita dalle rispettive amministrazioni di appartenenza. 
  4. COMMA ABROGATO DAL D.P.R. 14 MAGGIO 2007, N. 78. 
  5. I Vice Alto Commissari sono  collocati  obbligatoriamente  fuori
ruolo  o  in  aspettativa  retribuita  dai   rispettivi   organi   di
autogoverno anche in deroga alle norme e ai criteri che  disciplinano
i rispettivi ordinamenti, per un periodo non superiore alla durata di
due mandati. 
  6. All'articolo 1, comma 235, della legge 23 dicembre 2005, n. 266,
dopo le parole: "e' autorizzata la spesa di 1  milione  di  euro"  le
parole: "per l'anno 2006" sono sostituite dalle seguenti:  "dall'anno
2006". 
  7. Ai maggiori oneri,  derivanti  dal  presente  articolo,  pari  a
800.000 euro per l'anno 2006 e a 1.800.000 euro a decorrere dall'anno
2007,    si    provvede     mediante     corrispondente     riduzione
dell'autorizzazione  di  spesa  relativa  al  "Fondo  per  interventi
strutturali di politica economica" istituito ai  sensi  dell'articolo
10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282,  convertito,
con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307. 
  8. In conformita' a quanto previsto dall'Assemblea  generale  delle
Nazioni Unite nelle risoluzioni 531197 e 581221,  per  consentire  lo
sviluppo del programma di microfinanza, al  fine  di  incentivare  la
costituzione di microimprese, anche nel settore agricolo, il Comitato
nazionale italiano per il 2005 - anno internazionale del Microcredito
e' trasformato nel Comitato  nazionale  italiano  permanente  per  il
Microcredito, senza oneri aggiuntivi per l'erario. I  componenti  del
Comitato, gia' costituito presso il Ministero  degli  affari  esteri,
durano in carica quattro anni e possono  essere  rinnovati  una  sola
volta. 
                                                          (11) ((15)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (11) 
  Il D.L. 25 giugno 2008,  n.  112,  convertito,  con  modificazioni,
dalla L. 6 agosto 2008, n. 133 ha disposto (con l'art. 68,  comma  6,
lettera b)) la soppressione dell'Alto Commissario per la  lotta  alla
contraffazione di cui al presente articolo. 
------------- 
AGGIORNAMENTO (15) 
  Il D.L. 13 maggio 2011, n. 70, convertito con  modificazioni  dalla
L. 12 luglio 2011, n. 106, ha disposto (con l'art.  8,  comma  4-bis,
lettera a)) che "il Comitato nazionale  italiano  permanente  per  il
microcredito, di cui all'articolo 4-bis, comma 8,  del  decreto-legge
10 gennaio 2006, n. 2, convertito, con modificazioni, dalla legge  11
marzo 2006, n. 81, e'  costituito  in  ente  pubblico  non  economico
dotato  di  autonomia  amministrativa,  organizzativa,  patrimoniale,
contabile e finanziaria, e assume la denominazione di Ente  nazionale
per il microcredito".