DECRETO-LEGGE 19 settembre 1992, n. 384

Misure urgenti in materia di previdenza, di sanita' e di pubblico impiego, nonche' disposizioni fiscali.

note: Entrata in vigore del decreto: 19/9/1992.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 14 novembre 1992, n. 438 (in G.U. 18/11/1992, n.272).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/08/2001)
Testo in vigore dal: 19-11-1992
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
                        Perequazione pensioni 
  1. In attesa della legge di riforma  del  sistema  pensionistico  e
fino al 31 dicembre 1993 e' sospesa , (( ,  ad  eccezione  di  quanto
previsto al comma 1-bis, )), l'applicazione di ogni  disposizione  ((
di legge, di regolamento, o di  accordi  collettivi  ))  che  preveda
aumenti  a  titolo  di   perequazione   automatica   delle   pensioni
previdenziali ed assistenziali, pubbliche e private, ivi  compresi  i
trattamenti integrativi a carico  degli  enti  del  settore  pubblico
allargato (( e lo speciale regime di cui alla legge 30  luglio  1990,
n. 218 , e al decreto legislativo 20  novembre  1990,  n.  357  ))  ,
nonche' aumenti a titolo di  rivalutazione  delle  rendite  a  carico
dell'INAIL. 
  (( 1-bis. Per l'anno 1993, la misura degli aumenti di  perequazione
automatica delle pensioni al costo della vita di cui all'articolo 21,
secondo comma, della legge 27 dicembre 1983,  n.  730,  e  successive
modificazioni , nonche' dei trattamenti pensionistici indennitari, e'
fissata in 1,8 e 1,7 punti percentuali a decorrere,  rispettivamente,
dal 1 giugno e dal 1 dicembre )).