DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 marzo 1975, n. 138

Attuazione della delega di cui all'art. 2, lettere c) e d), della legge 7 giugno 1974, n. 216, concernente disposizioni dirette a coordinare, con le attribuzioni della Commissione nazionale per le societa' e la borsa, le norme, concernenti l'organizzazione e il funzionamento delle borse valori e l'ammissione dei titoli a quotazione, nonche' le forme di controllo ed ispezione previste dalla legislazione vigente nel settore dell'attivita' creditizia e delle partecipazioni statali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/03/1998)
vigente al 03/12/2021
Testo in vigore dal: 1-7-1998
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione;
  Visto l'art. 2, lettere c) e d), della legge 7 giugno 1974, n. 216,
con  il  quale il Governo della Repubblica veniva delegato ad emanare
disposizioni  legislative  dirette  a coordinare, con le attribuzioni
della  Commissione  nazionale  per  le  societa' e la borsa, le norme
concernenti l'organizzazione ed il funzionamento delle borse valori e
l'ammissione  dei  titoli  a  quotazione, nonche' a coordinare con le
forme di ispezione e di controllo previste dalla legislazione vigente
quelle  risultanti  dall'articolo  1 della legge medesima, in modo da
evitare duplicazioni e controlli;
  Udito  il parere della Commissione parlamentare costituita ai sensi
del succitato art. 2;
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri, di
concerto con i Ministri per la grazia e giustizia, per il tesoro, per
le  finanze,  per  il  bilancio  e  la  programmazione economica, per
l'industria, il commercio e l'artigianato;

                              Decreta:
                               Art. 1.

       ((ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 24 FEBBRAIO 1998, N.58))