DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n. 380

Ripubblicazione del testo del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, recante: "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A)", corredato delle relative note. (Decreto pubblicato nel supplemento ordinario n. 239/L alla Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 245 del 20 ottobre 2001).

vigente al 23/09/2020
  • Articoli
  • Parte I
    ATTIVITA' EDILIZIA
    Titolo I
    DISPOSIZIONI GENERALI
    Capo I
    Attivita' edilizia
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Titolo II
    TITOLI ABILITATIVI
    Capo I
    Disposizioni generali
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • Capo II
    Permesso di costruire
    Sezione I
    Nozione e caratteristiche
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • Sezione II
    Contributo di costruzione
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • Sezione III
    Procedimento
  • 20
  • 21
  • Capo III
    Denuncia di inizio attivita'
  • 22
  • 23
  • Titolo III
    AGIBILITA' DEGLI EDIFICI
    Capo I
    Certificato di agibilita'
  • 24
  • 25
  • 26
  • Titolo IV
    VIGILANZA SULL'ATTIVITA' URBANISTICO EDILIZIA, RESPONSABILITA' E
    SANZIONI
    Capo I
    Vigilanza sull'attivita' urbanistico-edilizia e responsabilita'
  • 27
  • 28
  • 29
  • Capo II
    Sanzioni
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • Capo III
    Disposizioni fiscali
  • 49
  • 50
  • 51
  • Parte II
    NORMATIVA TECNICA PER L'EDILIZIA
    Capo I
    Disposizioni di carattere generale
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • Capo II
    Disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e
    precompresso ed a struttura metallica.
    Sezione I
    Adempimenti
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • Sezione II
    Vigilanza
  • 68
  • 69
  • 70
  • Sezione III
    Norme penali
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • Capo III
    Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle
    barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati
    aperti al pubblico
    Sezione I
    Eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • Sezione II
    Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli
    edifici pubblici e privati aperti al pubblico
  • 82
  • Capo IV
    Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le
    zone sismiche
    Sezione I
    Norme per le costruzioni in zone sismiche
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • Sezione II
    Vigilanza sulle costruzioni in zone sismiche
  • 93
  • 94
  • Sezione III
    Repressione delle violazioni
  • 95
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • 100
  • 101
  • 102
  • 103
  • Sezione IV
    Disposizioni finali
  • 104
  • 105
  • 106
  • Capo V
    Norme per la sicurezza degli impianti
  • 107
  • 108
  • 109
  • 110
  • 111
  • 112
  • 113
  • 114
  • 115
  • 116
  • 117
  • 118
  • 119
  • 120
  • 121
  • Capo VI
    Norme per il contenimento del consumo di energia negli edifici
  • 122
  • 123
  • 124
  • 125
  • 126
  • 127
  • 128
  • 129
  • 130
  • 131
  • 132
  • 133
  • 134
  • 135
  • Parte III
    DISPOSIZIONI FINALI
    Capo I
    Disposizioni finali
  • 136
  • 137
  • 138
  • Allegati
attiva riferimenti normativi
                             Art. 24 (L)
Certificato  di  agibilita'  (regio  decreto 27 luglio 1934, n. 1265,
articoli  220;  221,  comma  2, come modificato dall'art. 70, decreto
legislativo  30 dicembre  1999, n. 507; decreto legislativo 18 agosto
2000, n. 267, articoli 107 e 109; legge 28 febbraio 1985, n. 47, art.
                            52, comma 1)

  1.  Il  certificato  di  agibilita'  attesta  la  sussistenza delle
condizioni  di  sicurezza,  igiene,  salubrita', risparmio energetico
degli  edifici  e  degli  impianti  negli stessi installati, valutate
secondo quanto dispone la normativa vigente.
  2.  Il  certificato  di agibilita' viene rilasciato dal dirigente o
dal  responsabile  del competente ufficio comunale con riferimento ai
seguenti interventi:
    a) nuove costruzioni;
    b) ricostruzioni o sopraelevazioni, totali o parziali;
    c)  interventi sugli edifici esistenti che possano influire sulle
condizioni di cui al comma 1.
  3.  Con  riferimento agli interventi di cui al comma 2, il soggetto
titolare del permesso di costruire o il soggetto che ha presentato la
denuncia  di  inizio  attivita',  o i loro successori o aventi causa,
sono  tenuti a chiedere il rilascio del certificato di agibilita'. La
mancata  presentazione  della  domanda  comporta l'applicazione della
sanzione amministrativa pecuniaria da 77 a 464 euro.
  4.  Alla domanda per il rilascio del certificato di agibilita' deve
essere   allegata   copia   della  dichiarazione  presentata  per  la
iscrizione  in  catasto,  redatta  in  conformita'  alle disposizioni
dell'articolo 6  del  regio  decreto-legge  13 aprile 1939, n. 652, e
successive modificazioni e integrazioni.
          Note all'art. 24:
              - Si   riporta   il   testo   dell'art.   6  del  regio
          decreto-legge 13 aprile 1939, n. 652:
              "Art. 6. - La dichiarazione di cui al precedente art. 3
          deve  essere  redatta,  per ciascuna unita' immobiliare, su
          apposita  scheda fornita dall'amministrazione dello Stato e
          presentata  al podesta' del comune ove l'unita' immobiliare
          e' situata, entro il giorno che sara' stabilito con decreto
          del Ministro per le finanze.
              La  dichiarazione  va  estesa  alle aree e ai suoli che
          formano  parte integrante di una o piu' unita' immobiliari,
          o concorrono a determinarne l'uso e la rendita.
              Non sono soggetti a dichiarazione:
                a) i  fabbricati  rurali  gia'  censiti  nel  catasto
          terreni;
                b) i  fabbricati costituenti le fortificazioni e loro
          dipendenze;
                c) i fabbricati destinati all'esercizio dei culti;
                d) i cimiteri con le loro dipendenze;
                e) i fabbricati di proprieta' della Santa Sede di cui
          agli  articoli 13,  14,  15  e  16 del trattato lateranense
          11 febbraio 1929".