LEGGE 7 febbraio 1992, n. 150

Disciplina dei reati relativi all'applicazione in Italia della convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione, firmata a Washington il 3 marzo 1973, di cui alla legge 19 dicembre 1975, n. 874, e del regolamento (CEE) n. 3626/82, e successive modificazioni, nonche' norme per la commercializzazione e la detenzione di esemplari vivi di mammiferi e rettili che possono costituire pericolo per la salute e l'incolumita' pubblica.

note: Entrata in vigore della legge: 8/3/1992 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/05/2015)
Testo in vigore dal: 8-3-1992
al: 13-3-1993
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
  La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno 
approvato; 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
                              PROMULGA 
                         la seguente legge: 
                               Art 1. 
  1. A chiunque contravviene a quanto previsto agli articoli 1 e 2  -
riguardanti gli esemplari indicati nell'allegato  A,  appendice  I  e
nell'allegato C, parte  1,  del  regolamento  (CEE)  n.  3626/82  del
Consiglio del 3 dicembre  1982,  e  successive  modificazioni  -  del
decreto del Ministro del commercio con l'estero del 31 dicembre 1983,
pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta  Ufficiale  n.  64
del 5 marzo 1984, recante attuazione del regolamento (CEE) n. 3626/82
del 3 dicembre 1982  e  del  regolamento  (CEE)  n.  3418/83  del  28
novembre 1983, concernenti l'applicazione nella  Comunita'  economica
europea della Convenzione di Washington sul commercio  internazionale
delle specie di flora e di fauna selvatiche, loro  parti  e  prodotti
derivati, minacciate di estinzione,  vengono  applicate  le  seguenti
sanzioni: 
    a) arresto fino a tre mesi o ammenda da lire quindici  milioni  a
lire quattrocento milioni; 
    b) in caso di recidiva, arresto da tre mesi a due anni e  ammenda
da lire quindici milioni a sei volte il valore degli animali, piante,
loro parti o prodotti derivati oggetto della violazione; inoltre,  se
trattasi di impresa commerciale,  sospensione  della  licenza  da  un
minimo di sei mesi ad un massimo di diciotto mesi.