LEGGE 14 giugno 1973, n. 366

Estensione ai calciatori ed agli allenatori di calcio della previdenza ed assistenza gestite dall'Ente nazionale di previdenza e di assistenza per i lavoratori dello spettacolo.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/07/2021)
Testo in vigore dal: 24-7-1973
al: 30-6-2022
aggiornamenti all'articolo
    La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno 
approvato; 
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
                              PROMULGA 
 
la seguente legge: 
                               Art. 1. 
 
  L'assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vecchiaia  ed  i
superstiti e l'assicurazione contro  le  malattie  gestite  dall'Ente
nazionale di previdenza  e  di  assistenza  per  i  lavoratori  dello
spettacolo sono estese ai giocatori di calcio vincolati da  contratto
con societa'  sportive  affiliate  alla  Federazione  italiana  gioco
calcio e che svolgono la loro attivita' in campionati di serie A, B e
C, oppure, in caso di diversa  riorganizzazione  dei  campionati,  in
quelli corrispondenti. 
  Le assicurazioni di cui al precedente comma sono,  inoltre,  estese
agli allenatori di calcio vincolati con societa'  sportive  affiliate
alla   Federazione   italiana   gioco   calcio   e    che    svolgono
professionalmente  la  loro  attivita'  in  campionati  di  divisione
nazionale ed agli allenatori federali che operano  direttamente  alle
dipendenze della Federazione italiana gioco calcio. 
  Non si applicano agli assicurati di  cui  ai  precedenti  commi  le
disposizioni di cui all'articolo 8 del decreto del  Presidente  della
Repubblica 31 dicembre 1971, numero 1420, nonche' quelle  concernenti
il trattamento economico di malattia e la  tutela  economica  per  le
lavoratrici madri. 
  Non si applica  alle  pensioni  liquidate  dall'Ente  nazionale  di
previdenza e di assistenza per i  lavoratori  dello  spettacolo  agli
assicurati di cui ai commi primo e secondo del presente  articolo  il
disposto dell'articolo 1 della legge 21 luglio 1965, n. 903.