DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 14 febbraio 1966, n. 253

Istituzione degli Enti di sviluppo nelle Marche e nell'Umbria.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/01/2011)
Testo in vigore dal: 22-5-1966
al: 9-2-2011
aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87 della Costituzione;
  Visti  gli  articoli  1 e 2 della legge 14 luglio 1965, n. 901, con
cui  viene  conferita  al Governo la potesta' di emanare norme aventi
valore di legge per la istituzione di Enti di sviluppo nelle Marche e
nell'Umbria;
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta  del  Ministro  per  l'agricoltura e le foreste, di
concerto  con  i Ministri per le finanze, per il tesoro, per i lavori
pubblici, per il lavoro e la previdenza sociale, per la sanita' e per
gli interventi straordinari nel Mezzogiorno;

                              Decreta:
                               Art. 1.
                       Istituzione degli Enti

  Ai  sensi  dell'art.  1  della  legge  14  luglio 1965, n. 901 sono
istituiti  l'Ente  di  sviluppo  nelle  Marche, con sede ad Ancona, e
l'Ente di sviluppo nell'Umbria, con sede a Perugia.
  Detti  Enti  hanno  lo  scopo  di svolgere i compiti previsti dalla
legge  14  luglio  1965,  n.  901  e dal decreto del Presidente della
Repubblica  23  giugno 1962, n. 948, nonche' quelli che ad essi siano
affidati in applicazione di altre disposizioni di legge.
  Gli Enti di sviluppo di cui ali primo comma sono persone giuridiche
di diritto pubblico.
  Il Ministero dell'agricoltura e delle foreste esercita la vigilanza
e la tutela sugli Enti e ne coordina le attivita'.