LEGGE 28 dicembre 2005, n. 262

Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari.

note: Entrata in vigore della legge: 12-1-2006 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/06/2014)
Testo in vigore dal: 16-9-2010
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 24 
     (Procedimenti per l'adozione di provvedimenti individuali) 

 
  1. Ai procedimenti della Banca d'Italia, della CONSOB, dell'ISVAP e
della COVIP volti  all'emanazione  di  provvedimenti  individuali  si
applicano, in quanto compatibili, i  principi  sull'individuazione  e
sulle   funzioni   del   responsabile   del    procedimento,    sulla
partecipazione   al   procedimento   e   sull'accesso    agli    atti
amministrativi recati dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive
modificazioni. I procedimenti di controllo a carattere contenzioso  e
i procedimenti sanzionatori sono svolti  nel  rispetto  dei  principi
della piena conoscenza degli atti  istruttori,  del  contraddittorio,
della  verbalizzazione  nonche'  della   distinzione   tra   funzioni
istruttorie  e  funzioni  decisorie  rispetto  all'irrogazione  della
sanzione. Le notizie sottoposte per iscritto da soggetti  interessati
possono  essere  valutate  nell'istruzione   del   procedimento.   Le
Autorita'  di  cui  al  presente  comma  disciplinano  le   modalita'
organizzative per dare attuazione al principio della distinzione  tra
funzioni istruttorie e funzioni  decisorie  rispetto  all'irrogazione
della sanzione. 
  2. Gli atti delle  Autorita'  di  cui  al  comma  1  devono  essere
motivati. La motivazione deve indicare  le  ragioni  giuridiche  e  i
presupposti di fatto che hanno determinato la decisione, in relazione
alle risultanze dell'istruttoria. 
  3.  Le  Autorita'  di  cui  al  comma  1  disciplinano  con  propri
regolamenti l'applicazione dei principi di cui al presente  articolo,
indicando altresi' i casi di necessita' e di urgenza o le ragioni  di
riservatezza per cui e' ammesso derogarvi. 
  4. Alle sanzioni  amministrative  irrogate  dalla  Banca  d'Italia,
dalla CONSOB, dall'ISVAP, dalla COVIP e dall'Autorita' garante  della
concorrenza e del  mercato  non  si  applicano  le  disposizioni  sul
pagamento in misura ridotta contenute nell'articolo 16 della legge 24
novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni, salvo che  per  le
sanzioni indicate dall'articolo 193, comma 2, del testo unico di  cui
al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n.  58,  per  la  violazione
delle disposizioni previste dall'articolo 120, commi 2, 3  e  4,  del
medesimo testo unico. 
  5. ((COMMA ABROGATO DAL D. LGS. 2 LUGLIO 2010, N. 104)). 
  6. ((COMMA ABROGATO DAL D. LGS. 2 LUGLIO 2010, N. 104)). 
  6-bis.  Nell'esercizio  delle  proprie  funzioni  di  controllo  le
Autorita' di cui al comma 1 e l'Autorita' garante della concorrenza e
del mercato, i componenti dei loro organi nonche' i  loro  dipendenti
rispondono dei danni cagionati  da  atti  o  comportamenti  posti  in
essere con dolo o colpa grave.