LEGGE 22 febbraio 2001, n. 36

Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

note: Entrata in vigore della legge: 22-3-2001 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 16/07/2020)
Testo in vigore dal: 17-7-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 8. 
       (Competenze delle regioni, delle province e dei comuni) 
 
   1. Sono di competenza delle regioni, nel rispetto dei  limiti  di'
esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi  di  qualita'
nonche' dei criteri e delle  modalita'  fissati  dallo  Stato,  fatte
salve le competenze dello Stato e delle autorita' indipendenti: 
   a) l'esercizio delle funzioni relative all'individuazione dei siti
di'  trasmissione  e  degli  impianti  per  telefonia  mobile,  degli
impianti radioelettrici e  degli  impianti  per  radiodiffusione,  ai
sensi della legge 31 luglio 1997, n. 249, e nel rispetto del  decreto
di cui all'articolo 4, comma 2, lettera a), e dei principi  stabiliti
dal regolamento di cui all'articolo 5; 
   b) la definizione dei tracciati degli  elettrodotti  con  tensione
non superiore a 150 kV,  con  la  previsione  di  fasce  di  rispetto
secondo i parametri fissati ai sensi dell'articolo 4  e  dell'obbligo
di segnalarle; 
   c)  le  modalita'  per  il  rilascio  delle  autorizzazioni   alla
installazione  degli  impianti  di  cui  al  presente  articolo,   in
conformita' a  criteri  di  semplificazione  amministrativa,  tenendo
conto   dei   campi   elettrici,   magnetici   ed    elettromagnetici
preesistenti; 
   d) la realizzazione e la gestione, in coordinamento con il catasto
nazionale di cui all'articolo 4, comma 1, lettera c), di  un  catasto
delle   sorgenti   fisse   dei   campi   elettrici,   magnetici    ed
elettromagnetici, al fine di rilevare i livelli dei campi stessi  nel
territorio regionale, con riferimento alle condizioni di' esposizione
della popolazione; 
   e)  l'individuatone  degli  strumenti  e  delle  azioni   per   il
raggiungimento degli obiettivi di qualita'  di  cui  all'articolo  3,
comma 1, lettera d), numero 1); 
   f) il concorso all'approfondimento delle  conoscenze  scientifiche
relative agli effetti per la salute, in particolare  quelli  a  lungo
termine, derivanti dall'esposizione a campi elettrici,  magnetici  ed
elettromagnetici. 
   2. Nell'esercizio delle funzioni di cui al comma 1, lettere  a)  e
c), le regioni si attengono ai principi relativi  alla  tutela  della
salute pubblica, alla compatibilita' ambientale ed alle  esigenze  di
tutela dell'ambiente e del paesaggio. 
   3. In caso di inadempienza delle regioni, si applica l'articolo  5
del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112. 
   4. Le regioni, nelle materie di cui al  comma  1,  definiscono  le
competenze che spettano alle province ed ai comuni, nel  rispetto  di
quanto previsto dalla legge 31 luglio 1997, n. 249. 
   5. Le attivita' di cui al comma 1, riguardanti aree interessate da
installazioni militari o appartenenti ad altri organi dello Stato con
funzioni attinenti all'ordine e alla sicurezza pubblica sono definite
mediante specifici accordi  dai  comitati  misti  paritetici  di  cui
all'articolo 3 della legge 24 dicembre 1976,  n.  898,  e  successive
modificazioni. 
   ((6. I comuni possono adottare un regolamento  per  assicurare  il
corretto insediamento urbanistico e  territoriale  degli  impianti  e
minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici
con riferimento a siti sensibili individuati in modo  specifico,  con
esclusione  della  possibilita'  di   introdurre   limitazioni   alla
localizzazione in aree generalizzate del territorio di stazioni radio
base per reti di comunicazioni elettroniche di qualsiasi tipologia e,
in ogni  caso,  di  incidere,  anche  in  via  indiretta  o  mediante
provvedimenti contingibili e urgenti, sui  limiti  di  esposizione  a
campi  elettrici,  magnetici  ed  elettromagnetici,  sui  valori   di
attenzione e sugli obiettivi di qualita',  riservati  allo  Stato  ai
sensi dell'articolo 4.))