LEGGE 23 dicembre 1999, n. 488

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2000).

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-2000 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 23/03/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-2000
                               ART. 5.
   (Patrimonio della Ferrovie dello Stato Spa e della Poste Spa).
   1. Al fine di accelerare il processo di dismissioni del patrimonio
della   Ferrovie  dello  Stato  Spa,  non  strumentale  all'esercizio
ferroviario,  all'articolo  43  della  legge 23 dicembre 1998, n.448,
sono apportate le seguenti modifiche:
   a)  al  comma  2,  le  parole:  "avvenute  in  base  a  specifiche
disposizioni di legge." sono soppresse;
   b) dopo il comma 2 e' inserito il seguente:
   "2-bis.  Gli  uffici del territorio, le Conservatorie dei registri
immobiliari,  gli  uffici  tavolari  e  gli  uffici  tecnici erariali
provvedono  agli  adempimenti di rispettiva competenza in ordine alla
trascrizione,   intavolazione   e   voltura  dei  beni  ed  eventuali
accessioni,   sulla   base   di  note  di  trascrizione,  domande  di
intavolazione  e domande di voltura, redatte dalla societa' "Ferrovie
dello  Stato-Societa'  di trasporti e servizi per azioni" e corredate
da  estratto  notarile  autentico  del libro inventari della medesima
societa'.  Trascrizioni, iscrizioni e volture sono esenti dai tributi
speciali  catastali  e danno luogo al pagamento di imposte e tasse in
misura fissa.";
   c)  al  comma  3  sono  soppresse  le  parole da: "le modalita' di
trascrizione" a: "nonche'".
   2.  All'articolo  1  della  legge  24  dicembre  1993,  n.  560, e
successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
   a)  al  comma  4,  dopo  le  parole: "di ciascuna provincia", sono
inserite le seguenti: "fermo restando che gli alloggi di cui al comma
2, lettera a), possono essere venduti nella loro globalita'";
   b)  al comma 7, dopo le parole: " alienato a terzi", sono aggiunte
le  seguenti:  "ad eccezione degli alloggi di cui al comma 2, lettera
a),  i quali possono essere alienati a terzi purche' all'assegnatario
venga  garantita  la  prosecuzione  della  locazione sulla base della
normativa vigente in materia di edilizia residenziale pubblica ";
   c)  al comma 9, dopo le parole: " Hanno titolo di priorita'", sono
inserite le seguenti: " a parita' di prezzo ". Al medesimo comma 9 e'
aggiunto,  in  fine,  il  seguente periodo: "Ai fini della cessione a
terzi,  sono  assimilati  agli  alloggi  di cui al presente comma gli
alloggi  di cui al comma 2, lettera a), che risultino liberi, i quali
dovranno essere offerti prioritariamente agli enti locali".