LEGGE 28 gennaio 1994, n. 84

Riordino della legislazione in materia portuale.

note: Entrata in vigore della legge: 19-2-1994 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/11/2021)
Testo in vigore dal: 24-2-2018
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 14. 
                (Competenze dell'autorita' marittima) 
  1. Ferme restando le competenze  attribuite  dalla  presente  legge
alle ((Autorita' di sistema portuale))  e,  per  i  soli  compiti  di
programmazione, coordinamento e promozione nonche' nell'ambito  della
pianificazione   delle   opere   portuali,   alla   formulazione   ed
elaborazione  di  piani  triennali  da  proporre  al  Ministro  delle
infrastrutture e dei trasporti, alle aziende speciali delle camere di
commercio, industria, artigianato e agricoltura, istituite  ai  sensi
dell'articolo 32 del testo  unico  approvato  con  regio  decreto  20
settembre 1934, n. 2011 ((, ove non ricomprese  nella  circoscrizione
delle  Autorita'  di  sistema  portuale,)),  spettano   all'autorita'
marittima le funzioni di polizia e di sicurezza previste  dal  codice
della navigazione e dalle leggi speciali,  e  le  rimanenti  funzioni
amministrative. 
  1-bis. I servizi tecnico-nautici di pilotaggio, rimorchio, ormeggio
e battellaggio sono servizi di interesse generale  atti  a  garantire
nei porti, ove essi sono istituiti, la sicurezza della navigazione  e
dell'approdo.  L'obbligatorieta'  dei  servizi   tecnico-nautici   e'
stabilita   e   disciplinata   con   decreto   del   Ministro   delle
infrastrutture e dei trasporti, su proposta dell'autorita' marittima,
d'intesa con  l'((Autorita'  di  sistema  portuale))  ove  istituita,
sentite le associazioni di categoria nazionali interessate.  In  caso
di  necessita'  e  di   urgenza,   l'autorita'   marittima,   sentita
l'((Autorita'   di   sistema   portuale))   ove    istituita,    puo'
temporaneamente modificare il regime di obbligatorieta'  dei  servizi
tecnico-nautici  per  un  periodo  non  superiore  a  trenta  giorni,
prorogabili una sola volta. I criteri e i  meccanismi  di  formazione
delle tariffe  dei  servizi  di  pilotaggio,  rimorchio,  ormeggio  e
battellaggio sono stabiliti dal Ministero delle infrastrutture e  dei
trasporti sulla base di un'istruttoria  condotta  congiuntamente  dal
comando generale  del  Corpo  delle  capitanerie  di  porto  e  dalle
rappresentanze unitarie delle  Autorita'  di  sistema  portuali,  dei
soggetti erogatori dei servizi e dell'utenza portuale. (27) 
  1-ter.  Nei  porti  sede  di  autorita'  di  sistema  portuale   la
disciplina e l'organizzazione dei servizi di cui al comma 1-bis  sono
stabilite dall'Autorita'  marittima  di  intesa  con  l'autorita'  di
sistema portuale. In difetto di intesa  provvede  il  Ministro  delle
infrastrutture e dei trasporti. 
  1-quater. Ai fini della prestazione dei servizi tecnico-nautici  di
cui al comma 1-bis, per porti o  per  altri  luoghi  d'approdo  o  di
transito delle navi si  intendono  anche  le  strutture  di  ormeggio
presso le quali si svolgono operazioni di imbarco o sbarco di merci e
passeggeri, come banchine, moli, pontili,  piattaforme,  boe,  torri,
navi o galleggianti di stoccaggio temporaneo e punti di attracco,  in
qualsiasi modo realizzate anche nell'ambito di specchi acquei esterni
alle difese foranee. 
  ((1-quinquies. A seguito dell'esercizio dei poteri  del  comandante
del porto previsti dall'articolo 81 del Codice  della  navigazione  e
dall'articolo  209  del  relativo  Regolamento  di  esecuzione,   gli
ormeggiatori  iscritti  nel  relativo  registro,   previa   specifica
procedura concorsuale, si costituiscono in societa'  cooperativa.  Il
funzionamento e l'organizzazione di tale societa' sono soggette  alla
vigilanza e al controllo del comandante del porto e lo statuto  e  le
sue eventuali modifiche  sono  approvate  dal  comandante  del  porto
secondo  le  direttive  emanate  in  materia  dal   Ministero   delle
infrastrutture e dei trasporti.)) 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (27) 
  La L. 1 dicembre 2016, n. 230 ha disposto (con l'art. 3,  comma  2)
che "E' fatta salva  la  validita'  dei  provvedimenti  disciplinanti
l'obbligatorieta' dei servizi tecnico-nautici, di cui al comma  1-bis
dell'articolo 14 della legge 28 gennaio 1994, n. 84,  modificato  dal
comma 1 del presente articolo, vigenti alla data di entrata in vigore
della presente legge".