LEGGE 30 dicembre 1991, n. 413

Disposizioni per ampliare le basi imponibili, per razionalizzare, facilitare e potenziare l'attivita' di accertamento; disposizioni per la rivalutazione obbligatoria dei beni immobili delle imprese, nonche' per riformare il contenzioso e per la definizione agevolata dei rapporti tributari pendenti; delega al Presidente della Repubblica per la concessione di amnistia per reati tributari; istituzioni dei centri di assistenza fiscale e del conto fiscale.

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-1992 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/04/2020)
vigente al 27/10/2021
  • Articoli
  • DISPOSIZIONI PER CONTRASTARE
    L'EVASIONE FISCALE
    ED ALLEGARE LA BASE IMPONIBILE
    CAPO I
    DATI INDICATIVI DI CAPACITA' CONTRIBUTIVA.
    ACCERTAMENTI PARZIALI
  • 1
  • 2
  • 3
  • DISPOSIZIONI PER CONTRASTARE
    L'EVASIONE FISCALE
    ED ALLEGARE LA BASE IMPONIBILE
    CAPO II
    REVISIONE DEL REGIME DEI COEFFICIENTI
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • DISPOSIZIONI PER CONTRASTARE
    L'EVASIONE FISCALE
    ED ALLEGARE LA BASE IMPONIBILE
    CAPO III
    DISPOSIZIONI PER ALLARGARE LA BASE IMPONIBILE
  • 9
  • 10
  • DISPOSIZIONI PER CONTRASTARE
    L'EVASIONE FISCALE
    ED ALLEGARE LA BASE IMPONIBILE
    CAPO IV
    ADEMPIMENTI STRUMENTALI E DISPOSIZIONI
    PER CONTENERE L'ELUSIONE E PER REPRIMERE
    IL CONTRABBANDO DI TABACCHI
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • SEMPLIFICAZIONE E
    RAZIONALIZZAZIONE DELLE
    PROCEDURE
    CAPO I
    DISPOSIZIONI PER LA SEMPLIFICAZIONE DI
    TALUNE PROCEDURE DI RIMBORSO
  • 15
  • 16
  • SEMPLIFICAZIONE E
    RAZIONALIZZAZIONE DELLE
    PROCEDURE
    CAPO II
    DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RISCOSSIONE E DEFINIZIONE DEI CREDITI
    DICHIARATI INESIGIBILI DAI CESSATI ESATTORI
  • 17
  • DISPOSIZIONI PER LA TRASPARENZA
    DEI RAPPORTI TRA AMMINISTRAZIONE
    FINANZIARIA E CONTRIBUENTI
    CAPO I
    POTERI DEGLI UFFICI PER L'ADEMPIMENTO
    DEI LORO COMPITI E OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE
    E ALLEGAZIONE
  • 18
  • 19
  • 20
  • DISPOSIZIONI PER LA TRASPARENZA
    DEI RAPPORTI TRA AMMINISTRAZIONE
    FINANZIARIA E CONTRIBUENTI
    CAPO II
    INTERPELLO DELL'AMMINISTRAZIONE
    FINANZIARIA DA PARTE DEI CONTRIBUENTI
  • 21
  • DISPOSIZIONI PER LA TRASPARENZA
    DEI RAPPORTI TRA AMMINISTRAZIONE
    FINANZIARIA E CONTRIBUENTI
    CAPO III
    DISPOSIZIONI PER
    L'AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA
  • 22
  • DISPOSIZIONI PER LA TRASPARENZA
    DEI RAPPORTI TRA AMMINISTRAZIONE
    FINANZIARIA E CONTRIBUENTI
    CAPO IV
    MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE
  • 23
  • RIVALUTAZIONE DI BENI IMMOBILI
    DELLE IMPRESE E DISPOSIZIONI PER
    LA TASSAZIONE DI TALUNE PLUSVALENZE DA CONFERIMENTI
    CAPO I
    DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIVALUTAZIONE
    DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • RIVALUTAZIONE DI BENI IMMOBILI
    DELLE IMPRESE E DISPOSIZIONI PER
    LA TASSAZIONE DI TALUNE PLUSVALENZE DA CONFERIMENTI
    CAPO II
    DISPOSIZIONI PER LA TASSAZIONE
    DI PLUSVALENZE DA CONFERIMENTI
  • 28
  • 29
  • DISPOSIZIONI PER LA REVISIONE
    DEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO
  • 30
  • 31
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO I
    IMPOSTE SUI REDDITI
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO II
    IMPOSTE INDIRETTE
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO III
    DISPOSIZIONI COMUNI
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 62 bis
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO IV
    SOSTITUTI DI IMPOSTA
  • 63
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO V
    DEFINIZIONE AGEVOLATA
    DELLE CONTROVERSIE DOGANALI
  • 64
  • DISPOSIZIONI PER AGEVOLARE
    LA DEFINIZIONE DELLE SITUAZIONI
    E PENDENZE TRIBUTARIE
    CAPO VI
    DISPOSIZIONI VARIE
  • 65
  • 66
  • DELEGA AL PRESENTE DELLA REPUBBLICA
    PER CONCESSIONEDI AMNISTIA
    PER REATI TRIBUTARI
  • 67
  • 68
  • DISPOSIZIONI VARIE
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-2018
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5. 
 
  1. soggetti, diversi da quelli indicati alle lettere a)  e  b)  del
comma 1 dell'articolo 87 del testo unico delle imposte  sui  redditi,
approvato con decreto del Presidente  della  Repubblica  22  dicembre
1986, n. 917, e successive modificazioni, che esercitano attivita' di
agriturismo di cui alla legge 5 dicembre 1985, n. 730, determinano il
reddito imponibile applicando all'ammontare dei ricavi conseguiti con
l'esercizio di tale attivita', al  netto  della  imposta  sul  valore
aggiunto, il coefficiente di redditivita' del 25 per cento. 
  2. I soggetti che esercitano attivita' di agriturismo di  cui  alla
legge 5 dicembre 1985,  n.  730,  determinano  l'imposta  sul  valore
aggiunto riducendo l'imposta relativa alle operazioni  imponibili  in
misura pari al 50 per cento del suo ammontare, a titolo di detrazione
forfetaria dell'imposta afferente agli acquisti e alle  importazioni.
((35)) 
  3. Il contribuente ha facolta' di non avvalersi delle  disposizioni
del presente  articolo,  esercitando  l'opzione  nella  dichiarazione
annuale  relativa  all'imposta  sul  valore   aggiunto   per   l'anno
precedente; l'opzione ha effetto  anche  per  la  determinazione  del
reddito e deve essere comunicata all'ufficio  delle  imposte  dirette
nella dichiarazione annuale relativa alle  imposte  sul  reddito  per
l'anno precedente. Le opzioni sono vincolanti per un triennio. 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (35) 
  La L. 27 dicembre 2017, n. 205, ha disposto (con  l'art.  1,  comma
503) che "Il regime forfettario dell'imposta sul valore  aggiunto  di
cui all'articolo 5, comma 2, della legge n. 413 del 1991  si  applica
solo per i produttori agricoli di cui agli articoli  295  e  seguenti
della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006".