LEGGE 7 agosto 1990, n. 232

Copertura per le spese derivanti dall'applicazione dell'accordo per il triennio 1988-1990 relativo al personale della Polizia di Stato ed estensione agli altri Corpi di polizia.

note: Entrata in vigore della legge: 12-8-1990 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 16/08/2013)
Testo in vigore dal: 12-8-1990
al: 15-10-2013
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 18 
(Indennita' per il personale della  polizia  stradale  impiegato  nei
                       servizi autostradali). 
1. In occasione del rinnovo delle vigenti convenzioni intervenute tra
il Ministero dell'interno e le societa' concessionarie di  autostrade
per l'effettuazione del servizio  di  polizia  sulle  autostrade,  le
maggiori somme introitate dallo Stato per le indennita' di  cui  agli
articoli 1 e 3 della legge 27 dicembre 1953,  n.  963,  e  successive
modificazioni, sono versate ad apposito capitolo del  bilancio  dello
Stato. 
2. Con successivi decreti del Ministro del tesoro le somme di cui  al
comma 1, detratta la quota  utilizzabile  nelle  misure  attuali,  da
contenersi nel limite del tasso di inflazione programmato in sede  di
relazione  previsionale  e  programmatica,  saranno  riassegnate   ad
apposito  capitolo  dello   stato   di   previsione   del   Ministero
dell'interno per essere ripartite fra il personale della  polizia  di
Stato  che  svolge  i  servizi  di   polizia   stradale   in   ambito
autostradale. 
3. I criteri e le modalita' per la ripartizione e  la  corresponsione
al personale delle somme di cui al comma 2 il cui importo giornaliero
non potra', comunque, eccedere la misura di lire 10.000  pro  capite,
saranno stabiliti con decreto del Ministro dell'interno, di  concerto
con il Ministro del tesoro, sentite le organizzazioni sindacali della
polizia di Stato maggiormente rappresentative sul piano nazionale. 
4. L'eventuale differenza tra le somme assegnate e  quelle  ripartite
sara' devoluta al Fondo per il personale della polizia di Stato. 
          Note all'art. 18: 
          - Il testo dell'art.  1  della  legge  n.  963/1953  e'  il
          seguente: 
          "Art.  1  -  Le  indennita'  previste  dall'art.  171   del
          regolamento del Corpo delle guardie di pubblica  sicurezza,
          approvato col regio decreto 30 novembre 1930,  n.  1620,  e
          modificate col decreto legislativo  20  novembre  1947,  n.
          1470,  spettano  i  servizi  con  retribuzione  prestati  a
          richiesta di enti non statali o di privati cittadini e sono
          stabilite nelle seguenti misure: 
          a) lire 200  e  lire  300  giornaliere  per  i  servizi  da
          eseguirsi nel comune di ordinaria residenza per una  durata
          rispettivamente non superiore alle due ed alle tre ore; 
          b) lire 400 giornaliere per  i  servizi  da  eseguirsi  nel
          comune di ordinaria residenza per una durata superiore alle
          tre ore; 
          c) lire 500 giornaliere per i servizi fuori del  comune  di
          ordinaria residenza; 
          d) lire 1.200 giornaliere per i servizi di pernottamento da
          eseguirsi fuori del comune di ordinaria residenza". 
          - Il testo dell'art.  3  della  legge  n.  963/1953  e'  il
          seguente: 
          "Art. 3. - Le indennita' di cui  agli  articoli  precedenti
          sono  a  carico  dei  richiedenti,  che   devono   altresi'
          rimborsate allo Stato le spese di viaggio e  le  indennita'
          di trasferta corrisposte, a  norma  delle  disposizioni  in
          vigore, per i servizi suindicati".