LEGGE 19 aprile 1985, n. 150

Aumento dell'organico del personale della Polizia di Stato.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 02/04/2001)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 17-4-2001
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
 
  1.  Salve  le  disposizioni   dei   successivi   commi   2   e   3,
l'Amministrazione della pubblica sicurezza  procede  alle  assunzioni
per la nomina ad allievo agente della Polizia  di  Stato  secondo  le
norme della legge, 1 aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni. 
  2. All'assunzione di 2.000 allievi agenti della Polizia  di  Stato,
l'Amministrazione della pubblica sicurezza provvede per  l'anno  1985
utilizzando, secondo le norme di cui al  regio  decreto  30  novembre
1930, n. 1629, le domande gia' prodotte da aspiranti  allievi  agenti
entro il 31 dicembre 1983. 
  3. All'assunzione fino al limite  di  3.000  allievi  agenti  della
Polizia  di  Stato  l'Amministrazione  della  pubblica  sicurezza  e'
autorizzata a procedere secondo le norme di cui al regio  decreto  30
novembre 1930, n. 1629. Con tale procedura, da avviarsi con  apposito
avviso pubblico, sono assunti i cittadini di ambo  i  sessi  mediante
accertamento  selettivo  in  ordine   al   possesso   dei   requisiti
psicofisici e attitudinali di cui al  decreto  del  Presidente  della
Repubblica 23 dicembre 1983, n. 904. 
  4. Per le assunzioni ai sensi del precedente comma 3  le  modalita'
per  l'accertamento  dell'idoneita'  culturale  sono  stabilite   con
decreto  del  Ministro  dell'interno,   sentite   le   organizzazioni
sindacali della Polizia  di  Stato  piu'  rappresentative  sul  piano
nazionale. 
  5. Agli allievi agenti assunti ai sensi dei precedenti commi 2 e 3,
si  applicano,  ai  fini  della  nomina  ad  agente  di  polizia,  le
disposizioni degli articoli 48 e 49 della legge 1°  aprile  1981,  n.
121. 
  6. In relazione al concorso pubblico  per  esami  a  1.000  allievi
agenti della Polizia di Stato, indetto con il  decreto  del  Ministro
dell'interno  1  giugno  1984,  l'Amministrazione  ha   facolta'   di
conferire, per non piu' di due anni dalla data di approvazione  della
graduatoria, ai candidati idonei, secondo l'ordine della graduatoria,
oltre  i  posti  messi  a  concorso  anche   quelli   che   risultano
disponibili. 
  7. Per la copertura dei  posti  risultanti  dall'ampliamento  degli
organici di cui all'articolo 1, le assunzioni avverranno: 
    1) quanto a 4.500 unita',  per  contingenti  rispettivamente  non
superiori a 2.000 unita' per il 1985, secondo  quanto  stabilito  dal
precedente secondo comma; a 1.500 unita' per il 1986; a 1.000  unita'
per il 1987; 
    2) quanto alle restanti 706  unita',  utilizzando  gli  aspiranti
allievi agenti risultati idonei, secondo l'ordine della  graduatoria,
dopo aver proceduto all'assunzione  dei  2.000  allievi  indicati  al
precedente  comma  2,  e  gli  altri,  nel  medesimo  triennio,   per
contingenti non superiori per ognuno degli anni  1985  e  1986  a  un
terzo delle dotazioni organiche residue. (3)((4)) 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (3) 
  La L. 31 marzo 2000, n. 78 ha disposto  (con  l'art.  6,  comma  5,
lettera d)) l'abrogazione del presente  articolo  a  decorrere  dalla
data di entrata in vigore dei regolamenti di cui all'art. 6, comma  4
della legge stessa. 
------------ 
AGGIORNAMENTO (4) 
  La L. 31 marzo 2000, n. 78, come modificata dalla L. 29 marzo 2001,
n. 86, non prevede piu',  nel  nuovo  testo  dell'art.  6,  comma  5,
l'abrogazione del presente articolo.