LEGGE 1 aprile 1981, n. 121

Nuovo ordinamento dell'Amministrazione della pubblica sicurezza.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/08/2019)
Testo in vigore dal: 19-2-1985
aggiornamenti all'articolo
                              ART. 59.
   (Trattamento economico degli allievi e modalita' dei concorsi)

  Il  trattamento  economico  degli  allievi  dei  corsi  di cui agli
articoli  precedenti  e'  determinato,  in  misura proporzionale alle
retribuzioni delle qualifiche iniziali cui danno accesso i rispettivi
corsi,  con  decreto  del  Ministro  dell'interno, di concerto con il
Ministro del tesoro.
  Agli  allievi  provenienti dagli altri ruoli della Polizia di Stato
verra' assegnato il trattamento economico piu' favorevole.
  Le  modalita'  dei  concorsi,  della  composizione  e  nomina delle
commissioni  esaminatrici  ed  i  criteri  per  l'accertamento  della
idoneita'  fisica  e  psichica,  per  la  valutazione  delle qualita'
attitudinali   e   del   livello  culturale  dei  candidati,  per  la
documentazione  richiesta  a  questi ultimi, per la determinazione di
eventuali  requisiti per l'ammissione al concorso, sono stabiliti con
apposito  regolamento  approvato  con  decreto  del  Presidente della
Repubblica,  previa  deliberazione  del  Consiglio  dei  ministri, su
proposta del Ministro dell'interno.((7))
---------------
AGGIORNAMENTO (7)
  Il D.L. 19 dicembre 1984 n. 858, convertito con modificazioni dalla
L.  17  febbraio  1985  n. 19, ha disposto (con l'art. 4-bis comma 1)
che:  "In  deroga  a  quanto  previsto dall'articolo 59 della legge 1
aprile  1981,  n.  121,  e  per  la  durata di un quinquennio, per la
copertura  dei posti nelle qualifiche iniziali dei ruoli degli agenti
ed assistenti, degli ispettori, nonche' nelle qualifiche iniziali dei
corrispondenti    ruoli   del   personale   che   espleta   attivita'
tecnico-scientifica   o   tecnica,   il   Ministro   dell'interno  e'
autorizzato  a  bandire  pubblici  concorsi  per una o piu' regioni o
province  ed  a  costituire una o piu' commissioni per l'accertamento
dell'idoneita'   psicofisica  e  attitudinale  dei  candidati  e  una
commissione  esaminatrice  per  ogni  singolo  concorso,  stabilendo,
altresi',  le  prove d'esame e le modalita' ad esse relative anche in
deroga alle vigenti disposizioni".